Sanremo 2011, ecco l’elenco delle 14 canzoni “storiche” per la serata sull’Unità d’Italia

Definito il quadro delle canzoni della serata speciale che il prossimo Festival di Sanremo dedicherà al 150° anniversario dell’unità d’Italia. La serata, in onda giovedì 17 febbraio, terzo giorno del Festival, si chiamerà “Nata per unire” e , vedrà gli artisti in gara esibirsi  sul palco dell’Ariston  con  canzoni popolari e contemporanee che hanno fatto la storia d’Italia.

L’operazione è legata ad un progetto benefico ancora in via di definizione: sia il ricavato del  televoto con cui saranno votate le canzoni (ogni chiamata costa due euro), sia il cd che sarà venduto nella settimana del Festival in abbinata con il Radiocorriere TV, serviranno infatti a finanziare questo progetto. Ecco nel dettaglio canzoni e cantanti della serata speciale, scelte dagli stessi big. Solo una questione resta nell’aria. Ma se le canzoni le hanno scelte i big, che lo hanno fatto a fare sul sito del Festival il sondaggio su  “Quale canzone vorreste cantata”?

Patty Pravo, Mille lire al mese;
Nathalie, Il mio canto libero;
Roberto Vecchioni, O’ surdato ‘nnamurato;
Giusy Ferreri, Il cielo in una stanza;
Luca Madonia con Franco Battiato, La notte dell’addio;
Max Pezzali, Mamma mia dammi cento lire;
La Crus, Parlami d’amore Mariù;
Anna Oxa, ‘O sole mio;
Modà-Emma, Here’s to you – La ballata di Sacco e Vanzetti;
Tricarico, L’italiano;
Al Bano, Va’ pensiero;
Anna Tatangelo, Mamma;
Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario, Addio mia bella addio;
Davide Van De Sfroos, Viva l’Italia;

Amici 9: il 26 marzo esce “Pierdavide”, il primo Ep di Pierdavide Carone

Volenti o nolenti, Pierdavide Carone è il personaggio del momento. Questo giovane cantautore di 21 anni della provincia di Taranto, attualmente all’interno della casa di Amici di Maria De Filippi, è infatti l’autore di testo e musica di “Per tutte le volte che“, canzone che eseguita da Valerio Scanu ha vinto l’ultima edizione del Festival di Sanremo. Il 26 marzo esce “Pierdavide“, il suo primo Ep.

Più che un Ep è un album completo, a dire il vero, perchè le tracce sono 10, canzoni quasi tutte già eseguite all’interno della trasmissione di Maria De Filippi. Come è noto, noi non siamo molto d’accordo su questi album fatti in fretta che escono prima ancora che questi ragazzi abbiano chiuso la loro esperienza ad Amici, ma in questo caso, trattandosi di un giovane comunque salito già agli onori delle cronache, ne parliamo volentieri. Anche perchè è bravo (e il nostro è un giudizio onesto, perchè come sapete bene se ci leggete,  non abbiamo alcuna stima del programma della De Filippi)

Anche se ci sembra esagerato paragonarlo – come qualcuno sta già facendo – al compianto Rino Gaetano. Lo stile si avvicina. è vero, a quello dell’artista crotonese, ma ci sembra un pò preso per fare certe affermazioni. Tra le tracce più divertenti “La ballata dell’ospedale” (“l’ho scritta – dice – dopo che sono stato un mese ricoverato per un calcolo renale“), “Una canzone pop”, che trovate in alto e che tratta con ironia il ruolo del cantante moderno; “Mi piaci ma non troppo“, strana canzone d’amore.

E ancora, nell’album  troviamo: “Il ballo dell’estate“, che si propone come tormentone per la stagione calda, “Jenny“, ritratto di una cubista, “Di Notte”, pezzo più tradizionale. E si va avanti con:  “Superstar”, sulla vita degli artisti, “Trullallero rullallà“, contro tutte le cose che non vanno ed inoltre “Guarda caso” e “Ciò che non sai“. Cantastorie, ecco come possiamo definirlo (in questo si, è simile a Gaetano). Non a caso piace molto a Grazia Di Michele, una che le storie di vita e d’amore le ha sempre cantate alla grande.

Sanremo 2010: i video di Enrico Ruggeri, Noemi, Arisa e Malika Ayane

Piano piano stanno uscendo tutti i video delle canzoni di Sanremo e allora poco a poco ve li proponiamo. E’anche un modo per rimetterci i brani in testa, visto che fra un pò, quando sarà passata la “buriana”, di molti di questi pezzi ci dimenticheremo. Allora ecco i primi quattro video di questa rassegna. In alto, per la serie “gli ingiustamente trombati”, il bellissimo pezzo di Enrico RuggeriLa notte delle fate“. Sotto, a seguire i video delle canzoni di Noemi, Arisa e della vincitrice morale del Festival, Malika Ayane. Buon ascolto.

 

Ad aprile esce “Cardio”, il nuovo album di Miguel Bosè: ecco il singolo “Por ti”

L’abbiamo sentito a Sanremo e adesso torniamo a parlarne, perchè nonostante i 53 anni, Miguel Bosè è ancora uno degli artisti europei più amati anche oggi da tutte le generazioni, tanto che l’album del 2007, “Papito”, composto di riedizioni di sue canzoni per lo più cantate in duetto, andò benissimo in Europa, nel mondo latino ed anche in Italia. dove vendette 200mila copie, vincendo due dischi d’oro ed uno di platino.

Ad Aprile uscirà in tutto il mondo “Cardio“, dodicesimo album (senza contare i vari live) del cantante italo spangnolo. Uscirà in più versioni ed in quella italiana il singolo sarà  “Por ti” che Bosè ha appuno presentato in anteprima a Sanremo. Molto soft e confidenziale, pienamente nel suo stile, con la sua voce calda ed avvolgente. Non proprio il meglio che abbia cantato, ma sicuramente un pezzo gradevole.

E’subito effetto Sanremo: il Festival sbanca I Tunes

Come era prevedibile è già effetto Sanremo. Su Itunes vanno fortissimo i pezzi del Festival. In attesa di vederli sbarcare nelle classifiche Fimi, dove arriveranno con due settimane di ritardo (quella è la scadenza delle rilevazioni) intanto, la classifica dei download è abbastanza indicativa.

Ai primi 10 posti ci sono altrettanti pezzi sanremesi e va fortissimo “Ricomincio da qui” di Malika Ayane, unico pezzo che non c’è nella compilation del Festival. Il vincitore Valerio  Scanu è solo terzo, preceduto anche da Noemi, seconda. Seguono nell’ordine: Marco Mengoni, Povia, Arisa, Irene Grandi, Irene Fornaciari ft Nomadi, Simone Cristicchi e Tony Maiello, unico brano dei giovani in classifica.  Il pezzo di Malika Ayane è bellissimo, ma probabilmente anche l’assenza dalla compilation ha dato una bella spinta in avanti.

Più lenta invece la colonizzazione della classifica degli album. A parte la Compilation (terza). si segnala lo scatto in testa de “Il Re matto“, l’ep di Marco Mengoni. Secondo “Grovigli” l’album di Malika Ayane. Ma qui la grande sorpresa (ma in fondo non tanto) è l’ottavo posto di “Sempre lontano” di Nina Zilli, premio della Critica fra i giovani.

Quarto posto per il repackaging, con l’aggiunta del brano di saremo di altro inedito, dell’album di Noemi, Sesto posto per l’album di Valerio Scanu “Per tutte le volte che” e nono per “Malamorenò” di Arisa.

“Meduse” di Pilar, bocciata a Sanremo spopola sul web(e conquista gli inglesi)

L’avevamo segnalata all’atto dell’avvio della selezione sanremese, come uno dei pezzi più belli e di classe. Interepretata da una artista  anch’essa di classe, quella Pilar che nel giugno scorso ha vinto il Festival di Budva, in Montenegro, prima artista occidentale. “Meduse” non è entrata nel lotto delle 10 che si sono esibite all’Ariston nella sezione Nuova Generazione, ma adesso il brano è lanciatissimo. E ci fa davvero un grande piacere, visto che l’artista che la interpreta e ne è anche coautrice è fra i nomi emergenti migliori della canzone d’autore italiana.

La rivista musicale inglese Nme l’ha infatti già candidata per gli Shockwaves NME Awards 2010, un premio musicale molto noto tra gli appassionati di musica britannica. Pilar, con la sua canzone Meduse, scritta insieme a Bungaro, sta spopolando anche sul web: dopo aver conquistato la pole position di Repubblica.it, tra le canzoni ingiustamente scartate, è arrivata già in finale alla settima edizione dell’ Italian Music Festival, il “controfestival” della rete, e su Facebook il gruppo Orchestrali in rivolta, nato dopo la vivace protesta dei musicisti per il verdetto di Sanremo, l’ha praticamente eletta come inno ufficiale. Complimenti a Pilar, grande voce della nostra musica italiana.

Sanremo 2010, “Avvenire” pubblica i tabulati del televoto

Eccoli, finalmente. I dati “segretissimi” del telvoto del Festival di Sanremo . Così segreti “da non poter essere divulgati alcun modo”. A pubblicarli è stato il quotidiano “Avvenire” e nell’articolo, a firma di Gigio Rancilio, il critico musicale del giornale milanese, non mancano le curiosità. Pupo e il principe infatti, hanno preso percentuali “bulgare” e soltanto per un puro caso non hanno vinto il Festival.

Chissà se  servirà a far luce su questa vicenda l’indagine aperta dal Codacons, che ha acquisito i tabulati telecom  e li sta analizzando. Intanto, però la polemica monta perchè la società che ha gestito il televoto per conto della Rai fa capo al gruppo di X Factor. E perchè come rivelato ieri da “Striscia la notizia“, un call center ha parlato di un artista “che già l’anno scorso era in gara a Sanremo l’anno scorso, finendo nelle retrovie si era rivolto a noi per acquistare un pachhetto di voti“.

L’articolo completo di Avvenire, corredato anche dei voti nelle altre serate  lo trovate qui ma intanto, ad uso e consumo di tutti, ecco i voti nella serata finale. A voi le considerazioni.

SERATA FINALE: 1° Pupo % Co. (212.482), 2° Valerio Scanu (135.588 voti), 3°Marco Mengoni (80.287), 4° Povia (61.125 voti), 5° Arisa (37.069 voti), 6° Irene Fornaciari e i Nomadi (36.210 voti), 7° Noemi (23.089), 8° Malika Ayane (21.668), 9° Irene Grandi 18.358, 10° Simone Cristicchi (16.031).

Emerge soprattutto, leggendo l’intero articolo come Scanu abbia vinto soltanto grazie all’ultima esibizione, quella dopo l’ingresso nella terna finale, perchè prima, sino ad allora, il Trio aveva stradominato. Dopo l’ultima esibizione, i tre prendono poco più di 1000 voti. Scanu invece oltre 96mila.

VOTI DELL’ORCHESTRA – Il dissenso dell’orchestra. L’orchestra, a quanto hanno reso noto alcune fonti interne ai musicisti dell’Ariston avrebbe così votato:  1)      Malika Ayane; 2) Noemi; 3) Arisa; 4) Marco Mengoni; 5) Simone Cristicchi. Dunque  ecco spiegato il perchè della protesta degli orchestrali.

SEZIONE NUOVA GENERAZIONE -  “Avvenire” pubblica anche i tabulati dei voti della sezione Nuova Generazione. Per i dettagli vi rimandiamo al lnik di cui sopra. Questi però i voti nella serara finale: 1° Tony Maiello (15.623 voti), 2° Jessica Brando (11.507 voti), 3° Nina Zilli (9.904 voti), 4° Luca Marino (7.550 voti).

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 89 follower