Quelli bravi (e per questo Sanremo non se li fila): ecco a voi “Vorrei un motivo” de Il Nucleo

Primo. Ascoltate la canzone,  facendo attenzione alle parole. E basta. Secondo. Riascoltate la canzone guardando il video. “Vorrei un motivo” de Il Nucleo è bellissima, come gran parte del lavoro “Io prendo casa sopra un ramo al vento“. E in particolare il video di questo brano porta con sè la bellezza di una produzione “Low cost” (rigorosamente telecamera fissa, cantanti che comunicano col pubblico attraverso messaggi su cartelli scritti a mano, effetti speciali “ruspanti”) con messaggi ulteriori rispetto a quelli della canzone.

Molto bello anche il primo singolo estratto dallo stesso lavoro, “Cambiano le cose“. Questa band di Reggio Emilia fa musica di alto livello da dieci anni, anche se non è mai riuscita a fare breccia del tutto nel grande pubblico. Quest’anno sarebbero dovuti passare da Sanremo. Ma la linea del Festival “della rinascita” è diversa: vecchie glorie, mezzi protagonisti, figli d’arte, amici degli amici e  “suggeriti” di lusso. Quelli bravi sono rimasti fuori. Tutti. E Il Nucleo non fa eccezione. Purtroppo.