“The price of silence”, perchè parlare dei diritti umani non fa mai male

Il video che vedete sopra si chiama “The price of silence” ed è stato prodotto in occasione del sessantesimo anniversario delle dichiarazione di diritti umani. La produzione è di Link tv ed il ricavato della vendita dello EP è stato devoluto ad Amnesty International. Scaricatelo, dunque. Ma scaricate l’originale. Perchè iniziative come queste vanno assolutamente appoggiate.

Il video è stato girato nella stanza dell’assemblea generale dell’Onu e vede la partecipazione di 16 artisti, scelti fra quelli di paesi dove i diritti umani sono ancora una chimera. La star è Julieta Venegas, messicana ma popolarissima in Spagna ed in tutto il mondo latino. L’Europa è rappresentata da Rachid Taha, francese di origine algerina e da Natacha Atlas, nata in Belgio ma di origine egiziana. Algeria ed Egitto, appunto, due paesi alle prese con problemi con il rispetto dei diritti umani.

E colpisce, in questo lotto di artisti la presenza di Emmanuel Jal, sudanese, oggi cantante ma ex bambino soldato. Tanti popoli, tante lingue: l’arabo, il bantu, l’Urdu, oltre all’inglese e lo spagnolo. Il brano è contenuto in un ep che comprende anche una versione più breve “Radio edit”, la canzone cantata in spagnolo e l’orginale base musicale su cui è stata composta, “Canciòn protesta” dei colombiani Aterciopelados, anche loro presenti all’iniziativa.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: