Povia con “Luca era gay” vince il Premio Mogol

Assegnato il Premio Mogol, il riconoscimento giunto alla seconda edizione che vuole premiare il miglior testo della musica italiana per quanto riguarda le canzoni edite nell’anno solare. Il riconoscimento, assegnato lo scorso 15 giugno ad Aosta è andato a sopresa a “Luca era gay” di Povia, canzone seconda classificata all’ultimo Sanremo.

Il cantante milanese ha superato candidati molto autorevoli, che potete trovare in questo link. La giuria, presieduta dallo stesso Mogol e composta dai giornalisti Marcello Veneziani ed Oliviero Beha e dallo storico e scrittore Arnaldo Colasanti.

Questa la motivazione, letta dallo stesso Mogol: “Ho assegnato quest’anno, come da statuto  il Premio che porta il mio nome a Povia per il testo di “Luca era gay” che racconta usando la prima persona, un fatto di vita, fino a pochi anni fa probabilmente considerato “scabroso”, vissuto con disarmante naturalezza. Povia ha intinto la penna in un inchiostro molto simile al liquido, di colore diverso, che scorre nelle nostre vene e ci regala ogni giorno un altro giorno del miracolo della vita, sorgente essenziale di ogni poesia”.