“Stato innaturale”, Valeria Vaglio e un album di debutto da applausi

Un anno abbondante per dare alle stampe l’album. Nonostante Sanremo. O forse a causa di Sanremo. Perchè se ti fanno esibire all’una e un quarto di notte non il grande pubblico non c’è più. Valeria Vaglio, senz’altro la miglior artista salita sul palco di Sanremo, sezione giovani, del 2008, ha da poco fatto uscire “Stato innaturale”, il suo primo album. Del quale sopra trovate la track title.

E’un lavoro bellissimo, pieno di liriche dolci e raffinate, variazioni sul tema dell’amore con melodie di grande spessore. Fra le quali spicca, è ovvio, “Ore ed ore”, il pezzo che lei portò sul palco sanremese. Parla di amore saffico, con garbo e grazia. Talmente tanta grazia che nessuno ha detto una parola. A dimostrazione che di certi temi si può cantare tranquillamente, senza per forza dover far casino. Non c’è bisogno di esser per forza d’accordo con l’argomento  da lei trattato per affermarlo.

A riascoltarlo, il pezzo sanremese, fa rabbia sapere che hanno vinto i Sonohra – che hanno cantato per primi un pezzo mediocre – e lei è rimasta fuori. Molto bella, davvero di classe, anche “Le carezza e la ferite“, sulle stesse tematiche del pezzo di Sanremo. Stessa considerazione di sopra, per noi.  E poi nell’album c’è una personalissima cover di “Oggi sono io” di Alex Britti. E va sottolineata anche “39 Baci”.  

Scorrendo ancora le tracce in ordine sparso, ci piace “Fuego”, che esalta la sua bella voce. Ancora, a completare il lavoro “Fotografia”,  (ancora sui temi dell’omosessualità), “Il più grande dei miei sbagli“, “Aria” e “Immobili fanti” (notevole anche questa), “Molto di più” . Bravissima questa ragazza barese, davvero. Canautrice raffinata, interprete di spessore.  Speriamo che chi di dovere se ne accorga.

Pubblicità

7 Risposte

  1. E … nonostante San Remo, che non seguo da anni, io sono arrivata ad ascoltare ugualmente questo straordinario lavoro, acquistato per caso in un megastore.
    “Stato naturale” il pezzo che da il titolo all’album è assolutamente unico, un testo meraviglioso che subito ti rimane in mente con le sue verità “perchè amare fino in fondo è uno stato innaturale che prevede l’esclusione di ogni forma razionale è un lanciarsi senza rete tra i coriandoli e le rose … è la mente che s’illude” … .
    Amo moltissimo un’altra canzone del CD “Molto di più” anche perchè nell’album che ha canzoni che raccontano del rapporto a due, sento questo come un parlare un pò più di se dell’autrice.
    Ma la meraviglia del CD sta nell’autrice stessa, ascoltata nei concerti che per fortuna sono venuti dopo san remo, e la pubblicazione del CD, ti rendi conto di trovarti davanti ad una cantante non solo ottima compositrice ma dotata di una voce da contralto assolutamente straordinaria, potente ma mai sopra alle righe.
    Si comprende che la scelta di cantare i suoi pezzi è una scelta assolutamente coraggiosa in un panorama musicale assolutamente sterile pieno solo di cantanti capaci di fare “cover” e dove il modo di fare musica e di distribuirla sta radicalmente mutando.
    Straordinaria lei e il suo “Stato innaturale”.

  2. INNATURALE … errore fù!

  3. è un album profondo, molto molto bello complimenti a Valeria!! =)

  4. Vale è unica.
    Ed ha una voce che tante sue colleghe si possono scordare.
    Ed ha un’anima bella.
    L’ho detto che è unica? : )

  5. nonostante Sanremo, Valeria è riuscita a fare breccia nel cuore di molti, nel mio, e a chi l’ho fatta ascoltare, e non credo che da lì se ne andrà facilmente.

    Spero davvero che venga notata, perchè ha qualcosa di speciale, e molto da dire… e lo dice nel modo giusto.

  6. Non conoscevo Valeria Vaglio prima che la persona che amo me ne parlasse..quando ho ascoltato la sua canzone, m è piaciuta subito, tant’è che poi mi son procurata l’album immediatamente. Belle canzoni, dolcissime le melodie (stato innaturale è fantastica)e i temi che rispecchiano una quotidianeità cristallina. Davvero mi piace tanto come canta, quello che canta e la sua semplicità di messaggio, che nasconde poi un universo complesso più di tutti, quello dell’amore. Mi riporta a tante emozioni, a tanti ricordi. E ora la ascolto con piacere, come se in La carezza e la ferita ci fosse qualcosa che riguarda anche un po’ me, forse un po’ tutti.
    E brava Valeria! 🙂 spero che riesca a farsi conoscere di più, meriterebbe spazio in questo periodo di canzoncine monotone e di poco valore, così finalmente c sarebbe una nuova voce di spessore a raccontare quel mondo che purtroppo ancora è visto con diffidenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: