“Neule scure” e “Dentrifur” di Elsa Martin: dal Friuli con passione

Vogliamo parlarvi di Elsa Martin, giovane cantante di Tolmezzo, in provincia di Udine, che era in corso alle selezioni di Sanremo Nuova Generazione. Il suo brano, “Neule Scure”, era l’unico in dialetto friulano e lo trovate – sino a che la Rai non sbaraccherà il sito – andando in questo link. Il brano che trovate in alto, invece, si chiama “Dentrifur” ed è stato finalista al premio “Bianca d’Aponte 2008“.

Si è parlato tanto delle canzoni in dialetto e poi si è persa un’occasione. Per pubblicizzare la cosa in maniera seria, per paura di trovarsi addosso etichette politiche: così fra i big c’è solo un pezzo dialettale, nell’ormai “sdoganato” napoletano. Fra i giovani c’erano solo due motivi in dialetto (l’altro era “Illumina s’iscuru“) della nuorese Paola Virde. Nessuno dei due è entrato nella rosa dei finalisti.

A noi il pezzo di Elsa Martin è piaciuto, delicato, leggero, come una nuvola, appunto. Fosse stato presentato a Musicultura, sarebbe entrato in finale,perchè è adatto ad un concorso di livello. Da cantautori. Ma Sanremo è Sanremo. E l’anno scorso, con due pezzi di qualità nei Giovani è stata quasi una eccezione.

Lei si dice comunque soddisfatta dell’esperienza vissuta, anche se ovviamente delusa dall’esito finale: “Per me è stata una prova – dice – anzitutto per aver rischiato con un brano dialettale e con un arrangiamento ben poco sanremese, nel tentativo di far conoscere e magari apprezzare la mia musica, mantenendo il rispetto profondo che ho nei suoi confronti! Il rischio di certo è il non essere apprezzata e condivisa da molti….ma da quei pochi in grado di coglierne il senso vero è un vero piacere essere ascoltata e sostenuta“.

Sulla lingua friulana: “Ritengo sia estremamente musicale e rivelatrice dell’identità di un popolo degno di menzione, ma troppo spesso relegato alla geografia e dimensioni del territorio in cui risiede.Cantare nel mio dialetto significa diventare messaggero della mia gente, di una peculiarità che rende l’Italia così affascinante e ricca di diversità“. Basta applicare il concetto a qualsiasi dialetto e il gioco è fatto. Noi di Dove c’è Musica, da sempre, diamo spazio alla musica in qualsiasi lingua sia eseguita. Non potevamo non raccogliere l’invito….

2 Risposte

  1. […] Giovani quando presentò nel calderone delle selezioni un brano in dialetto friulano dal titolo “Neule Scure“. Adesso torniamo a parlarne perchè in una Italia musicale che non dà la giusta dignità […]

  2. […] in ogni serata un proprio brano (nel caso della Martin si trattava di “Dentrifur“, di cui parlammo qui) affiancato venerdì da uno di Andrea Parodi. Ad Elsa Martin è spettata l’interpretazione del […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: