Eurofestival 2010, l’Ucraina defenestra Vasyl Lazarovich: scatta un’altra selezione

C’è da dire che all’ Eurofestival, con i paesi dell’est non ci annoia mai. Ma quello che è successo in Ucraina, è davvero pazzesco, perchè  davvero siamo ben al di là del discorso musicale. In Ucraina cambia il governo ed il  governo cambia il presidente della tv pubblica. Praticamente come in Italia. E cosa fa il nuovo presidente della tv pubblica come prima cosa? Dice che “I love you” di Vasyl Lazarovich è troppo brutta e non può rappresentare il paese adeguatamente. Ma inevece di chiedere, come di solito avviene,  al cantante – che era stato designato, senza concorso, dalla precedente gestione – di cambiare canzone, ha deciso che si ricomincia da capo.

Si farà una nuova selezione e il pubblico voterà da casa. Sarà la selezione più frettolosa della storia perchè il 22 marzo devono essere sul sito dell’ Eurofestival tutte e 39 le canzoni. Dunque gli artisti stanno già inviando i brani  che il 19 e 20 marzo saranno passati nei programmi della tv ucraina e lo stesso 20 marzo saranno poi votate dal pubblico. Facile immaginare la qualità del pezzo che ne uscirà.

Al di là di come ci sarà rimasto Lazarovich dopo questa decisione – la sua canzone era brutta davvero, d’accordo, ma era stata votata dalla gente –  viene da chiedersi cosa uscirà fuori adesso dalle frettolose  selezioni ucraine. E viene da chiedersi che cosa succederebbe se la rassegna approdasse in questo paese. Musica e politica, la politica che sceglie la musica. Imbarazzante.

4 Risposte

  1. Non é una novitá, paesi come l’Ucraina e la Biellorussia sono famosi per decisioni del genere all’interno della manifestazione, fanno votare il pubblico e poi se ne fottono e fano come vogliono loro, conta il piú racomandato dal politico di turno… no comment

  2. E invece ti dirò che a me il pezzo non dispiaceva…

  3. […] – voluta dal nuovo presidente della tv ucraina, nominato dal Governo, come in Italia – lo avevamo scritto qualche giorno fa. Tranquilli, non c’è pericolo. In Ucraina non ci andiamo, l’anno […]

  4. […] Dite la vostra Eurofestival 2010, squalificata “To be free” (Ucraina): non inedito e accusato di plagio. Ammesso il brano della Lituania « Dove c'è musica su Eurofestival 2010, i lituani InCulto a rischio squalificaRanma25783 su Eurofestival 2010: si completa il parterre co “Allez Olà Olè” di Jessy Matador e “To be free” di Alyosha (Ucraina). La Bielorussia cambia pezzopointless_nostalgic su Le classifiche di vendita in Europa (21/3/2010)Eurofestival 2010: si completa il parterre co “Allez Olà Olè” di…- Rivistaeuropea su Eurofestival 2010: si completa il parterre co “Allez Olà Olè” di Jessy Matador e “To be free” di Alyosha (Ucraina). La Bielorussia cambia pezzoEurofestival 2010: si completa il parterre co “Allez Olà Olè” di Jessy Matador e “To be free” di Alyosha (Ucraina). La Bielorussia cambia pezzo « Dove c'è musica su Eurofestival 2010, l’Ucraina defenestra Vasyl Lazarovich: scatta un’altra selezione […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: