“Shy Boy”: dalla Svizzera arriva Orpheline, la ticinese d’America

La produce la casa discografica svizzera Black Ace, ma in Italia arriva in questi giorni sotto l’ala protettiva dell “Non ho l’età di Maria Maionchi. E a giudicare da “Shy boy”, il singolo d’esordio che accompagna l’album “Spread my wings”, ne risentiremo parecchio parlare. Deborah Bough, in arte Orpheline (orfana, in francese) ha 24 anni ed è nata in Svizzera, a Lugano, Canton Ticino da mamma svizzera e padre americano (e tra l’altro parla benissimo italiano).

Suo padre Yoghi è stata il primo giocatore di pallacanestro americano a giocare in Europa  negli anni’50 e lei stessa è rientrata nel nostro continente solo l’anno scorso dopo aver vissuto a lungo in giro per il mondo. Grande voce, ottima presenza scenica, mescola pop ad  r’nb. Decisivo per la sua crescita artistica anche l’incontro con Wycleef Jean. Spread My Wings contiene 10 brani (11 se contiamo anche la versione francese del singolo Shy Boy), con musica e testi ideati da Orpheline, dai quali traspare la sua notevole predisposizione ai generi pop, rock, reggae e soul.

Il brano è ottimo, un pop molto delicato con venature  r’n b, accompagnamento minimale (chitarra acustica e basso) e l’aspetto molto glamour di questa conturbante ragazza di colore. Ancora una volta Mara Maionchi ha visto giusto nel promuovere in Italia questo pezzo, da oggi nelle radio, che si avvia a diventare un sicuro tormentone estivo. Per chi volesse gustrasi l’intervista ad Orpheline, vi rimandiamo a questo link di un portale svizzero.

“Hurricane”, l’esordio dei Rebound

Loro arrivano dalla Svezia anche se in un paese sempre più multietnico, le loro radici sono asiatiche: Rabih Jaber infatti è nato in Libano, mentre Eddie Razzaz, nato a Stoccolma, è di origine persiana. Insieme formano i Rebound, un duo nato a margine della loro esperienza a Swedish Idol. E adesso cominciano la loro scalata verso il panorama musicale internazionale.

“Hurricane”, è il singolo d’esordio, subito schizzato in testa alle classifiche svedesi. Un bel brano movimentano che unisce il pop all’  r n’ b.  Il duo è di fresca formazione e dunque questo pezzo segna davvero il loro debutto, con l’album in questi giorni in lavorazione. Ma intanto, come primo prodotto discografico, non c’è male davvero. Dal Nord sempre ottime cose.