Una canzone per l’estate 2010: “Real Love” di Mark Medlock

Rieccolo, come ogni estate. Puntuale come un cronometro svizzero. Mark Medlock inaugura la nostra rubrica dedicata alle canzoni che ci accompagneranno in quest’estate con un pezzo che più da ombrellone di così non si può. E vi preannunciamo che presto sarà di nuovo presente con una super cover. Ma intanto ecco questo brano, firmato da Dieter Bohlen, ieri ex leader dei Modern Talking oggi autore e produttore di successo.

Real love” è quanto di più canzonetta ci si possa aspettare, molto estivo, molto solare, ma anche molto divertente, nello spirito di Medlock. Il brano è presente in “Rainbow’s end”, il nuovo album di questo ragazzo tedesco di padre ghanese lanciato dalla versione tedesca di Pop Idol, che in Germania si chiama Deutschland Sucht den Superstar. Buon ascolto e buon movimento.

 

Musicultura 2010, ecco gli otto vincitori. C’è il cd ufficiale

Definiti gli otto vincitori di Musicultura, il festival della canzone popolare e d’autore che si svolgerà fra il 18 ed il 20 giugno al teatro Sferisterio di Macerata. L’annuncio è stato dato nella consueta conferenza stampa presso la sede Rai di via Asiago a Roma. Eccoli uno per uno, i vincitori della ventunesima edizione della rassegna.

Canemorto (Scarperia – Fi) con “Giuliano non lo sa”, Caraserena (Roma) con “La notte che inventarono il T9”, Andrea Epifani (Galatone – Le) con “Tzigano della badante”, Alessandra Falconieri (Roma) con “La rosa caduta alle 5”, Serena Ganci (Palermo) con “Addio”, Humus (Vignola – Mo) con “Cenere al vento”, Francesca Romana (Cesena) con “Il tuo nome e il veleno” e Terrasonora (Napoli) con “Guardame”.

Sono stati loro alla fine ad essere stati i preferiti del pubblico di Radio 1 Rai (Humus e Terrasonora) e del Comitato Artistico di Garanzia (Canemorto, Caraserena, Andrea Epifani, Alessandra Falconieri, Serena Ganci, Francesca Romana) e saranno loro a contendersi il premio UBI – Banca Popolare di Ancona di 20.000 euro. E sarà ovviamente eletto il successore di Giovanni Block nell’albo d’oro della manifestazione.

Durante la conferenza, a cui hanno partecipato i principali sostenitori di Musicultura, è stato presentato dal Direttore Artistico, Piero Cesanelli, il programma del festival. Tanti e prestigiosi gli ospiti previsti che saliranno sul palco dello Sferisterio. Numerosi anche gli appuntamenti, ad ingresso gratuito, che vanno sotto in nome di Controra, che animeranno il centro storico di Macerata.

Ormai definito anche  il quadro degli ospiti: sicuri Gino Paoli, gli irlandesi Kila, Filippo Casaccia ed i Negrita per venerdì 18, il giornalista Gad Lerner, anche lui il 18, Giusy Ferreri. Stadio e Mariangela Gualtieri nella serata del 19, in cui si esibirà anche Elliott Murphy. E domenica 20, Lina Wertmuller, Alessandro Mannarino, Gianni Bonagura, Paola Minaccioni, Lixandru Jon,

E’USCITO IL CD UFFICIALE – E’ da qualche giorno in tutti i negozi di dischi d’Italia, nelle librerie Feltrinelli e nel cicuito Fnac sarà in vendita, al costo di 10,00 euro, il Cd compilation con i 16 brani finalisti di Musicultura 2010. Prodotto in collaborazione con la Camera di Commercio di Macerata e distribuito da Venus, la compilation contiene i 16 brani degli artisti che si sono distinti dopo l’ascolto di oltre 1400 canzoni e dopo una meticolosa fase di Audizioni Live. “Sedici storie, sedici modi di esprimere emozioni veicolati dai suoni e dagli stili più disparati per coinvolgere un pubblico che voglia aprire una finestra sulle proposte più interessanti della musica d’autore. Un carnet molto variegato in grado di “raggiungere la sensibilità del fruitore” – come ha dichiarato il direttore artistico di Musicultura, Piero Cesanelli. Le canzoni finaliste le potete ascoltare qui.

Premio Mogol 2010: vincono ex aequo Edoardo Bennato e e Simone Cristicchi

E’ un ex aequo il Premio Mogol 2010 Valle d’Aosta, dedicato ai migliori testi pubblicati nell’anno solare. La giuria, composta da Dori Ghezzi, presidente della Fondazione Fabrizio De Andre’ Onlus e dai giornalisti e critici musicali Gino Castaldo e Dario Salvatori, presieduta da Mogol, e’ rimasta combattuta fino alla fine. Troppo difficile scegliere un vincitore e così alla fine il premio è andato a due brani, vale a dire “E’lei” di Edoardo Bennato e “L’ultimo valzer” di Simone Crsiticchi.

Due pezzi molto diversi: il primo dedicato ad una bambina che nasce in Africa, speranza per un mondo senza guerre e il secondo dedicato ad una tenera storia d’amore fra due anziani in una casa di riposo.  E due vincitori che idealmente abbracciano due diverse generazioni della musica. Bennato e Cristicchi succedono  nell’albo d’oro a Jovanotti (2008) e Povia (2009)

La cerimonia, condotta da Fabrizio Frizzi, si è svolta nella suggestiva cornice del Teatro romano di Aosta, e’ stata promossa dall’Assessorato dell’istruzione e cultura della Regione Valle d’Aosta, in collaborazione con la Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta e il Cet-Centro Europeo di Toscolano e ha visto la partecipazione di un pubblico molto numeroso. Gli altri tre brani finalisti li trovate in questo post.