“Go the river”, ritorna la leggerezza di Yael Naim

Tre anni fa una sua canzone, “New soul“, usata per lo spot di un computer portatile fece letteralmente impazzire il mondo e la portò agli onori delle cronache musicali, da carneade qual era. Da allora la vita di Yael Naim è cambiata: prima artista israeliana ad entrare nella top 100 americana,  rivelazione dell’anno nella Francia che le ha dato i natali (ma non l’ha vista crescere) e canzone al primo posto un pò dappertutto.

Da noi arrivò giusto il tempo per far ballare l’ingessato pubblico di Sanremo. Adesso rieccola qui, con un nuovo lavoro dal titolo “She was a boy” e un nuovo singolo, la leggerissima “Go to the river” ad accompagnarlo. Stesse atmosfere di sempre, jazz e swing mescolati al pop cantabile e melodie di una leggerezza incredibile. E lo stesso grande talento. Prodotto raffintato, di gran qualità.

Aspettando Sanremo 2011: Tricarico censurato, Patty Pravo giovanile, Giusy Ferreri con stile. Il sondaggio di Eurofestival News

A meno di un mese dal Festival di Sanremo, che comincerà il prossimo 15 febbraio, l’esordio è quello di sempre. Polemiche a tutto spiano. E qualche censura. Per la serie “cominciamo bene”, le forbici hanno già colpito uno dei brani in concorso, quello di Francesco Tricarico.

“3 Colori“, scritto nel testo da Fausto Mesolella degli Avion Travel infatti, secondo quanto si apprende, sarebbe stato cambiato nel titolo e nel testo stesso, per non dare fastidio alla Lega. Il brano avrebbe dovuto intitolarsi “La Nebbia” e nel testo si citava una “bandiera verde”: “Quelli del Monte hanno la bandiera verde“, nel testo originale sarebbe stato trasformato in ”Quelli del confine hanno la bandiera rossa, quelli del monte hanno la bandiera bianca“.

Venendo ad autori e dintorni, sorprende la firma di Diego Calvetti, l’autore di Noemi (fra gli altri) sul pezzo della evergreen Patty Pravo, mentre Giusy Ferreri è in concorso con un brano di una accoppiata di grosso livello: Bungaro nel testo, Corrado Rustici per musiche ed arrangiamenti.

L’apparizione dei La Crus chiuderà in via definitiva l’esperienza del duo monzese esattamente dove era cominciata. Luca Barbarossa invece festeggerà trent’anni di carriera. La casa discografica Sony ha 4 artisti su 14 in concorso: Nathalie, Giusy Ferreri, Anna Tatangelo e Tricarico.

Se uno di questi vincerà Sanremo, è molto probabile che possa rappresentare l’Italia all’Eurofestival, dove andrà quasi sicuramente un artista Sony, visto che era la casa discografica che soprintendeva al progetto originale nato attorno ad X Factor. Se il vincitore sarà un altro, la Rai potrebbe mandare Marco Mengoni, anche lui Sony. E VOI, CHI VORRESTE ALL’EUROFESTIVAL FRA MENGONI E GLI ARTISTI DI SANREMO? VOTATELO IN QUESTO SONDAGGIO DI EUROFESTIVAL NEWS