“Sleepless”, Anne Noa è il nome nuovo di Danimarca

Lei si chiama Anne Mette Nordlund, in arte Anne Noa ed è una studentessa del liceo. Ma promette di essere il nome nuovo della musica pop danese e del Nord Europa.  Buca lo schermo, ha una bella voce e tiene bene il palco. Per un pelo non ce l’ha fatta ad essere presente all’Eurovision Song Contest perchè questa sua canzone che qui ascoltiamo “Sleepless” è arrivata seconda al Dansk Melodi Grand Prix.

Porta la firma, fra gli altri, di John Gordon, che è  uno degli autori di “Satellite”, il brano di Lena che ha vinto l’Eurofestival 2010. Una bella ballata pop, molto ben cantata, sicuramente un bel prodotto. La ragazza sta lavorando al primo album e intanto sta finendo le scuole. Godiamoci questo bel pezzo, presto ne risentiremo senz’altro parlare.

Eurovision Song Contest 2011- I protagonisti/9: Homens da Luta (Portogallo), Aurela Gace (Albania), Glen Vella (Malta)

Nono appuntamento con i partecipanti al prossimo Eurovision Song Contest, che si svolgerà dal 10 al 14 maggio prossimi a Dusseldorf. Tocca a Portogallo, Albania e Malta

Portogallo -Homens da Luta “A luta é alegria” (lingua: portoghese)

Il Festival da Cançâo, la selezione portoghese, ha premiato uno dei brani peggiori di tutta la storia dell’Eurofestival. Un brano oltretutto al limite del regolamento, visto che parla di lotta di classe e della rivolta del popolo contro il potere, pur senza citare esplicitamente partiti o uomini politici. Ma come si nota dal video, la militanza del gruppo è dichiarata. Gli Homens da Luta non hanno alcun riscontro di successo a livello discografico, anche se godono di buona popolarità a livello di piazza.

Sempre presenti dal 1964 ad oggi (hanno saltato solo il 2002 per mancata qualificazione), i portoghesi non hanno mai vinto anche se ultimamente hanno proposto ottime cose. Il miglior risultato è il  sesto posto del 1996 (Lucia Moniz, “O meu coração não tem cor”), ma le canzoni migliori sono “Chamar a musica” di Sara Tavares (1994), “Todas a s ruas de amor” dei Flor de Lis (2010) e “Senhora do mar” di Vania Fernandes (2009), che col tredicesimo posto rappresenta il punto più alto toccato negli ultimi 10 anni

Continua a leggere