“Philharmonics”, il debutto col botto di Agnes Obel

Famosa di colpo, a 31 anni, dopo una vita passata a suonare il piano ed essere cresciuta in una famiglia di musicisti. Agnes Caroline Thaarup Obel è il nuovo fenomeno della canzone d’autore in salsa pop. Arriva dalla Danimarca e col suo album “Philharmonics” ha già ampiamente sfondato il muro delle 100 mila copie, vincendo un disco di platino in patria ed un altro in Francia. Pianista sopraffina, ma suona anche il violoncello e l’arpa: compone e canta i suoi pezzi ma non disegna suonare classici come Debussy, Ravel, Roy Orbison, John Cale.

Just so”, che trovate sopra è una piccola perla: dolcissima, scivola via leggera, l’ideale accompagnamento per una atmosfera di relax, già preso in prestito dalla maggiore compagnia telefonica tedesca. Sensazione che si respira ancora meglio nel singolo precedente “Riverside“, disco d’oro in Danimarca praticamente all’istante e rilanciato di recente dalla presenza all’interno della serie “Grey’s Anatomy“.

Un album di atmosfera, che comprende 10 tracce inedite e due cover (un classico folk e un pezzo di John Cale). Altri due brani per tutti: “Avenue” e la track title. L’album ha conquistato la vetta, oltrechè in Danimarca, anche nel Belgio francofono, conquitando la top 10, oltrechè in Francia, anche nelle Fiandre ed in Olanda, entrando nella top 20 in Germania e nella classifica svizzera. Ed è uscito da poco anche negli States. Ma la sensazione è che sia solo l’inizio.