Sanremo 2012, i giovani (e un big) usciranno da un talent show?

La notizia l’ha pubblicata per prima il sito Bancamusica.com e incrociandola con le cose apparse nei mesi scorsi pare chiudere il cerchio. A Settembre partirà un nuovo talent show su Rai Due. Un talent show musicale che dovrebbe prendere il posto di X Factor, passato a Sky. Sin qui niente di nuovo. La notizia è che  sul bando che annuncia l’apertura dei casting c’è scritto che i finalisti andranno a Sanremo.

La società che organizza il talent show cerca cantanti fra i 14 ed i 36 anni, i 7 finalisti del programma accederanno direttamente a Sanremo 2012, 6 a sanremo giovani e uno, il vincitore fra i big. Questo vuol dire che non ci sarà un altro concorso di selezione come quello andato in onda su Domenica In quest’anno (resterebbero invece i due di Area Sanremo).

Si legge nel bando che in sede di provino sono richiesti: -Breve curriculum con foto -Due basi musicali su cd audio della durata di un minuto ciascuna (un brano Italiano ed uno inglese – no inediti) . I provini al momento saranno il 30 giugno ed il 1 luglio su Milano ed il 4 e 5 Luglio su Roma.

Il sito Bancamusica.com fa da tramite con l’organizzazione, poichè invita a scrivere a redazione@bancamusica.com. “le vostre adesioni saranno poi girate alla redazione del programma”, si legge nel bando relativo al casting per il nuovo programma.

Non viene specificato quale sarà il programma e dunque resta la curiosità anche se gli indizi portano a Star Academy, il talent show sul modello dello spagnolo Operacion Triunfo che in Francia ed in Spagna sforna più della metà degli artisti campioni di vendita attuali. Sarà questo il programma in questione? Staremo a vedere. Di sicuro, Star Academy su Rai 2, nella prossima stagione ci sarà. Non così “The voice“, il talent della olandese Endemol, che la Rai ha si opzionato, ma per le prossime stagioni.

“Incendio”, il nuovo singolo dei Borghi Bros

Nella carrellata degli artisti che hanno preso parte ai talent show arriva anche lo spazio per questo duo emiliano, che nell’ultima edizione di X Factor era nella scuderia di Enrico Ruggeri e che uscì abbastanza presto con un verdetto controverso come i giudizi sulle loro esibizioni. Parliamo dei Borghi Bros, Alessio e Carlo Alberto Borghi, che avevano già alle spalle un disco e diverse esibizioni live.

Ora escono con “Incendio“, album già in commercio trainato dal singolo omonimo che è partito in promozione radio da venerdì 17 giugno. Un sound pop, molto moderno, per un lavoro che esce su etichetta indipendente (Saifam Group) è stato registrato in gran parte negli Stati Uniti. Vedremo se i ragazzi riusciranno a trovare finalmente uno sbocco nel mercato discografico per decollare definitivamente.

“Make a scene”, la regina della dance pop Sophie Ellis Bextor torna in grande stile

Ci sono voluti quattro anni ma alla fine il nuovo album di Sophie Ellis Bextor ha preso forma. E la conturbante inglese è più in palla che mai. “Make a scene” è uscito in Russia prima che altrove ed ha conquistato subito i primi posti, ora sbarca ufficialmente nel Regno Unito ed in tutta Europa. Una vera bomba dance pop, un disco pieno di tanta bella musica da ballare, in cui il singolo di lancio, “Bittersweet”, che trovate sopra, in realtà è solo l’ultimo di una serie di singoli usciti in precedenza.

L’album contiene tracce inedite scritte dalla stessa Bextor in collaborazione con altri artisti, per molti dei quali ha fatto da “featuring”. E’ il caso dei Freemasons, autori fra l’altro di “Bittersweet”, per i quali aveva messo la voce in “Heartbreak (makes me a dancer)”, con cui fra l’altro il Regno Unito aveva vinto l’Ogae Song Contest 2010. O come il dj olandese ArminVan Buuren, con cui ha collaborato in “Not giving up of love“, peraltro forse la traccia peggiore. O ancora come il dj francese Junior Caldera, con cui duetta in “Can’t fight this feeling“.

Tutti artisti protagonisti della dance. Firme di lusso anche solo a livello autoriale come l’irlandese Roisin Murphy e lo scozzese Calvin Harris che hanno firmato “Off and on”. Ma anche artisti fuori dal coro e meno noti al grande pubblico come Ed Harcourt e il russo Dimitri Tovoi che con lei hanno firmato “Cut straight to the earth“. Se volete divertirvi e ballare un pò questo è davvero un bel disco.

“Caviglie stanche” di Romeus (prodotto dalla Caselli) vince Musicultura 2011

Non c’è niente da fare, questo è l’anno di Caterina Caselli e della Sugar. Prima vince la sezione giovani di Sanremo con Raphael Gualazzi e “Follia d’amore“, poi lo stesso artista arriva secondo all’Eurovision Song Contest contro ogni pronostico e il disco è andato benissimo, con l’artista che sta girando l’Europa. Poi “Giungla” di Erica Mou è in finale alla MTV New Generation. Ora un altro artista della Sugar si porta a casa tutto il bottino di Musicultura 2011, il festival della canzone popolare e d’autore, il più importante concorso musicale italiano dopo Sanremo.

Si tratta di Carmine Tundo, in arte Romeus, 22 anni, pugliese (come Erika Mou e in Negramaro, tutti della Sugar…) che con “Caviglie stanche” ha vinto l’edizione 21 della rassegna, vincendo anche il premio della critica: “Ci fa molto piacere che una manifestazione come Musicultura si sia aperta al nostro genere musicale. Facendo rock, io e la mia band pensavamo di non essere appropriati a un festival tradizionalmente legato ad un cantautorato piu’ ‘sofisticato’ – racconta il vincitore – Ci siamo anche molto divertiti e abbiamo instaurato un ottimo rapporto con la citta’ di Macerata, dove ormai siamo di casa”. Romeus era già stato anche a Sanremo 2010 col brano “Come l’autunno“, scritto con Tricarico.

La kermesse si è svolta al teatro Sferisterio di Macerata questo fine settimana ed è stata presentata da Fabrizio Frizzi. Romeus ha battuto gli altri tre super finalisti (in ordine alfabetico):  Babalù con “Mio fratello è pakistano”, Andrea Cola con “Se io tra voi” e Renzo Rubino con “Bignè”. Altri premi rilevanti: Premio Miglior Musica al gruppo veneto Piccola Bottega Baltazar; Premio Miglior Progetto Discografico all’abruzzese Momo; Premio Miglior Testo ai lucani Babalu’. Rubino e Romeus erano stati premiati già dagli ascoltatori di Radio Uno come migliori fra i 16 semifinalisti. Che potete ascoltare sul sito ufficiale.

“Il nous fait”, Tom Dice duetta con Elisa Tovati

Appena uscito è subito schizzato ai primi posti nella classifica francese di I Tunes e si candida ad essere uno dei probabili “Tube de l’été”. E’un duetto di quelli molto interessanti, perchè mette insieme un giovane talento della musica europea, ill belga Tom Dice, secondo l’anno scorso ad X Factor e poi sesto all‘Eurovision Song Contest ed Elisa Tovati, volto noto della tv francese e cantante.

La canzone è molto radiofonica ed è un bel tormentone di quelli da fischiettare, delicato ed orecchiabile, che accompagna il nuovo album, dopo quasi otto anni di assenza della 34enne parigina di origini russo-marocchine, “Le syndrome de Peter Pan”, in uscita in questi giorni. Tutto molto bello, molto fresco, sicuramente un bel modo per la Tovati di rilanciarsi, con pezzo pieno di belle armonie.

Le classifiche di vendita in Europa (19/6/2011)

 

In una settimana senza grossi scossoni la novità più grossa è il mega tormentone che arriva dalla Slovenia: “Ciao Ciao” di Katarina Mala, rigorosamente eseguito in lingua locale ha tutte le carte in regola per diventare una delle hit estive da quelle parti e nel mondo balcanico. Scala posizioni “Give me Everything” di Pitbull, Ne Yo, Afrojack & Nayer mentre tiene il passo Lady Gaga.  Stanno per arrivare i cicloni musicali estivi: uno, quello made in Usa, c’è già: è “The laxy song”, la “canzone pigra” di Bruno Mars. Sopra, Katarina Mala, sotto, tutti i numeri uno.

 
SINGOLI
 
AUSTRIA: Party rock anthem – LMFAO
BELGIO: Give me everything – Pitbull, Ne-Yo, Afrojack & Nayer (Fiandre)/ Give me everything – Pitbull, Ne-Yo, Afrojack & Nayer(Vallonia)
BULGARIA: E.T- Katy Perry & Kanye West
CROAZIA: Savrzeni Svijet – Markiz (nazionali)/  Mr Saxobeat – Alexandra Stan (internazionali)
DANIMARCA:  For altid – Medina (airplay)
FINLANDIA: Poika- Poju
FRANCIA: A nos actes manquès – M Pokora
GERMANIA: Party rock anthem – LMFAO
GRAN BRETAGNA: Changed the way you kiss me – Example
GRECIA: Baby it’sover- Helena Paparizou
IRLANDA:  Give me everything – Pitbull, Ne Yo, Afrojack & Nayer
ISLANDA: Someone like you – Adele
ITALIA: Danza Kuduro – Don Omar ft Lucenzo
LUSSEMBURGO: Give me everything – Pitbull, Ne-Yo, Afrojack & Nayer
NORVEGIA: What are words – Chris Medina
OLANDA: No air – Rochelle
POLONIA:  Buena – Blue Cafè
PORTOGALLO: On the floor – Jennifer Lopez ft Pitbull
REPUBBLICA CECA:Hey (Na Na Na) – Milk & Honey ft Vaya con Dios
ROMANIA: On the floor – Jennifer Lopez ft Pitbull (airplay)
RUSSIA –Sweat – Snoop Dogg
SLOVENIA-Ciao Ciao – Katarina Mala (nazionali) /I need a dollar – Aloe Blacc (internazionali)
SLOVACCHIA –Mr Saxobeat – Alexandra Stan
SPAGNA: On the floor – Jennifer Lopez ft Pitbull
SVEZIA: Om sanningen ska fram – Eric Amarillo
SVIZZERA: Party Rock Anthem – LMFAO
UNGHERIA:  The Lazy Song – Bruno Mars
 
ALBUM:
 
AUSTRIA: Jackpot -Pietro Lombardi
BELGIO: 21- Adele (Fiandre) /Born this way – Lady Gaga (Vallonia)
DANIMARCA: 21 – Adele
FINLANDIA: Virallinen leijonat kokoelma – Interpreti Vari
FRANCIA: Gloria – Les Pretres
GERMANIA: Jackpot -Pietro Lombardi
GRAN BRETAGNA: Suck it and see – Arctic Monkeys
GRECIA:  Born this way – Lady Gaga
IRLANDA: 21- Adele
ISLANDA: Arabian Horse – Gus Gus
ITALIA: Vivere o niente – Vasco Rossi
NORVEGIA:  21 – Adele
OLANDA: 21- Adele
POLONIA: Symphonicities – Sting
PORTOGALLO: Cai o carmo e trinidade – Amor Electro
REPUBBLICA CECA: Lezata ozmicka – Tata Bojs
SLOVENIA: Osebno – Jan Plestenjak
SPAGNA:Material defectuoso – Extremoduro
SVEZIA: Cuba Libre – Lasse Stefanz
SVIZZERA: Born this way – Lady Gaga
UNGHERIA:  Én meg az Ének: emléxel? – Robert Bercsezi

Ogae Second Chance Contest 2011, via alle votazioni: Emma & Modà per l’Italia

Tutto pronto per l’edizione 2011 del Second Chance Contest, il concorso virtuale organizzato da Ogae, l’organizzazione internazionale dei fan dell’Eurovision Song Contest che coinvolge tutti i paesi in cui c’è un fan club nazionale e il fan club “Resto del Mondo”, che riunisce tutti gli altri.

Viene eletta, secondo le votazioni dei fan club europeo, la canzone regina d’Europa fra quelle selezionate da ciascun club attingendo fra i brani che hanno preso parte alla rispettiva selezione nazionale senza vincerla. E’ tornata in concorso anche l’Italia ed ovviamente il concorso di selezione è svolto dallo scorso Sanremo. Ogae Italy ha selezionato: “Arriverà” di Emma  & Modà. Organizza la Svezia, che l’anno scorso ha vinto con “Kom” delle Timoteij. Ecco i 21 brani in concorso:

  1. POLONIA – Ktos taky Jak Ty – Anna Gogola
  2. OLANDA – De stroom – 3JS
  3. ISRAELE – Or – Chen Aharoni
  4. SLOVENIA – Ladadidej – April
  5. LITUANIA – Floating to you – Linas Adomaitis
  6. SPAGNA – Abrazame – Lucia Perez
  7. SVEZIA – Something in your eyes – Jenny Silver
  8. GRECIA – I don’t wanna dance alone – Nikki Ponte
  9. FINLANDIA – Blessed with love – Sara Aalto
  10. GERMANIA – Push forward -Lena
  11. ITALIA – Arriverà – Emma & Modà
  12. DANIMARCA – 24 Hours a day – Le Freak
  13. NORVEGIA – Vardlokk – Helene Boksle
  14. MACEDONIA – Ram Tam Tam – Martin Sbrinoski
  15. RESTO DEL MONDO/ISLANDA – Nott – Yohanna
  16. MALTA – Topsy Turvy – Janvil
  17. IRLANDA – Falling – Nikki Kavanagh
  18. CROAZIA – Stotinama Godina – Jacques Houdek
  19. PORTOGALLO – En nome do amor – Rui Andrade
  20. AUSTRIA – Oida Taunz – Trackshittaz
  21. BELGIO – Addiction – Gauthier Reyz

“Un papillon, une étoile”, il nuovo singolo di Domy Fidanza (ex Lollipop)

Una carriera accidentata, con sin troppi problemi, nonostante qualche importante successo. Dominique Fidanza aveva poco più di vent’anni quando vinse il talent show di Italia Uno dal titolo Popstar con altre quattro ragazze che poi hanno formato le Lollipop. Un successone, un Sanremo con una penosa esibizione live a rovinare una buona canzone e poco dopo il gruppo si sciolse. La ragazza è ripartita tornando nel suo Belgio e piano piano ha ricominciato.

In Francia ha preso parte a Star Academy e poi ha vinto il concorso  dell’emittente NRJ, Kawards 2009 e la sua carriera pareva pronta a rilanciarsi. Ne parlammo al momento dell’uscita del singolo “La place du passager”. L’Ep con quattro brani, due in francese e due in italiano  (meglio: l’originale, la versione italiana e i due remix) avrebbe dovuto essere il preludio ad un album completo e ad un video, ma nessuno dei due è mai uscito perchè la casa discografica Mercury tornò indietro circa il suo contratto e adesso la giovane di origine siciliana ci riprova, con un secondo singolo.

Un papillon, une étoile” non è lontano dal suo stile musicale e segna il suo rilancio, dopo la firma di un contratto con una giovane etichetta indipendente francese. La speranza è che a 32 anni questa ragazza che ha saputo ripartire da zero dopo la fine di una esperienza positiva solo in parte e poi ancora da zero di nuovo, trovi finalmente spazio nel panorama della musica europea.Per chi non se li ricordasse, eccovi anche i due pezzi di successo ai tempi delle Lollipop, il tormentone “Down down down” e la canzone di Sanremo 2002 “Batte forte”.

In arrivo nei negozi “12 points”, il libro italiano sull’Eurovision Song Contest

Dopo 13 anni di oblio, l’Italia è tornata in concorso  nella più grande rassegna musicale d’Europa, l’Eurovision Song Contest. Il 10, 12 e 14 maggio scorsi, all’Esprit Arena di Dusseldorf, la bandiera italiana è tornata a sventolare insieme a quelle di altri 42 paesi in un evento visto ogni anno complessivamente da oltre 100  di persone in diretta, oltre a quelle dei paesi (in tutto il mondo) in cui la rassegna arriva in differita o in streaming su internet. E proprio in quest’ambito, vi segnaliamo una bella pubblicazione.

“12 points” (il titolo deriva dal massimo punteggio assegnato alla canzone preferita da ciascun paese, nella cerimonia del “voting” della serata finale) è un libro che racconta l’Eurofestival dalla parte dell’Italia. Suoni, colori, emozioni di chi ha vissuto la rassegna negli anni d’oro della nostre partecipazioni e di chi l’ha vissuta, da italiano, sotto altre bandiere quando l’Italia ha smesso di parteciparvi o da cronista, quando da noi non ne ha più parlato nessuno. Racconta l’Eurovision Song Contest come è oggi, grande kolossal paneuropeo, evento di spettacolo e televisivo prima ancora che canoro, molto diverso dall’immagine rimasta scolpita nella gente italiana, quella dei festival ingessati degli anni’80 e ’90. Cerca di scavare nell’oblio, raccontando come è cambiata la rassegna e smentendo con fatti, racconti, testimonianze, tutto quello che in questi anni è stato raccontato senza conoscere l’evento.

Dalla presunta deriva trash, alla presunta scarsità di ascolti, alla additata inutilità rispetto alla promozione degli artisti nel mondo (il risultato di Gualazzi, primo in mezza Europa dopo la sua partecipazione da solo smentisce questo assunto). Provando ad andare a fondo delle ragioni che in questi anni hanno tenuto lontana la Rai dalla manifestazione. Per regalare agli italiani, soprattutto ai giovani, una nuova, reale consapevolezza dell’evento, appuntamento dell’anno in tutta Europa e da noi talmente snobbato al punto che persino nell’anno in cui l’Italia è tornata in concorso, la major che distribuisce il cd fisico con le canzoni in tutta Europa un mese prima della manifestazione, per far si che la gente arrivi alle tre serate con i brani bene in testa, non  lo ha mai portato nei negozi italiani, relegandolo alla vendita on line su siti semisconosciuti.

Continua a leggere

“Cipria e rossetto”, l’esordio di Cassandra

Ritroviamo con piacere una delle voci che più ci aveva sorpreso durante l’ultima edizione di X Factor andata in onda sulla Rai, ovvero Cassandra Raffaele. A 35 anni la cantante originaria di Vittoria, in provincia di Ragusa, che faceva parte della squadra di Elio, esce con il primo singolo autoprodotto, dal titolo “Cipria e rossetto”. Sound molto particolare che esalta la sua vocalità non comune.

Il singolo è preludio al primo album, cui Cassandra sta lavorando, ma intanto è bello vedere che comunque questi giovani artisti riescano a farsi largo nonostante l’ostracismo delle case discografiche maggiori. L’esperienza di Cassandra dentro X Factor durò appena tre settimane, ma riuscì comunque a mettersi in luce. E a giudicare dal primo singolo, ci sono ottime prospettive che l’album che verrà sia buono.