Festival di Sanremo 2012, seconda serata: eliminazioni a sorpresa

Perchè Sanremo è Sanremo. Si è compiuto il primo miracolo del Festival 2012, ovvero l’eliminazione di Gigi D’Alessio-Loredana Bertè. La giuria demoscopica della seconda serata, chiamata a giudicare su tutti e 14 i big dopo che il voto della prima sera è stato invalidato per un guasto tecnico al terminale, ha spedito alla serata ripescaggi due artisti a sorpresa, appunto il Gigi nazionale e purtroppo il duo Pierdavide Carone-Lucio Dalla, titolari di uno dei pezzi più belli del festival.
Eliminati anche, questi più prevedibilmente, Marlene Kuntz e Irene Fornaciari. Domani sera ricanteranno tutti e quattro e il televoto ne ripescherà due. Se volete bene al Festival, non fate scherzi: votate Marlene Kuntz e Carone-Dalla. Anche perchè hanno in serbo duetti interessantissimi per venerdì.
Serata di sfide ad eliminazione diretta per gli otto giovani, i cui  brani erano già noti al grande pubblico per la loro presenza sulla pagina facebook di Sanremosocial. Nonostante le polemiche per come sono stati selezionati, dopo aver ascoltato anche i campioni, va detto che almeno sei di questi otto motivi sono nettamente superiori alla media dei brani degli Artisti. Eppure quattro vanno già a casa.
La grossa sorpresa è l’eliminazione di Celeste Gaia e del tormentone “Carlo”, battuta incredibilmente e francamente in maniera inspiegabile dagli Io ho sempre voglia. Una vittoria netta come quelle- scontate- di Erica Mou sui Bidiel, di Marco Guazzone su Giulia Anania nel derby romano e di Alessandro Casillo sulla raffinatezza di Giordana Angi. Considerando che venerdì sera, nella finale, facebook ha una delle quattro golden share, il brutto pezzo di Alessandro Casillo, super votato da facebook e fortissimo al televoto, pare destinato ad una vittoria in carrozza. Alla faccia della qualità. Qui sotto le pagelle dei giovani.
  • GIULIA ANANIA – La mail che non ti ho scritto: Ballata ben cantata, orecchiabile, molto radiofonica. Melodia un pò datata soprattutto nelle strofe, il che su un pezzo scritto da una giovane non è esattamente un pregio.  VOTO 7
  • DANA ANGI – Incognita poesia: Atmosfere rarefatte, da chanson francese, voce avvolgente, ottima presenza scenica sul palco. Questa ragazza ha solo 18 anni ed è impregnata di musica internazionale. Un talento che in prospettiva può avere una grande carriera. Il pezzo è difficilissimo, per Sanremo, è molto più da Musicultura o da premio Tenco.  Infatti va a casa, immeritatamente VOTO 9
  • BIDIEL – Sono un errore: La prima composizione in italiano della band di Brando Madonia, figlio di Luca, scritta dall’altro figlio Mattia. Le influenze internazionali si sentono tutte, come anche l’abitudine a certi sound. Cresce riascoltandola. VOTO 7.5
  • ALESSANDRO CASILLO – E’ vero:  Canzoncina adolescenziale firmata dai fratelli Bassi, già sul palco con Dj Francesco nel 2006. Niente di speciale. Ma col regolamento attuale di votazione dei giovani, ha in pratica già il successo in tasca. Le radio la batteranno a mille. Purtroppo. VOTO 5
  • CELESTE GAIA – Carlo Ben scritta, ben cantata, molto originale nel testo, entra nelle orecchie in due secondi. Il pezzo migliore fra quelli usciti da Sanremosocial.  Infatti lo eliminano. VOTO 9.5
  • MARCO GUAZZONE – Guasto: Nel pezzo c’è tutto il sound internazionale che da sempre influenza la composizione di questo giovane cantautore romano. Si apre che è un meraviglia. Grandi atmosfere che strizzano l’occhio ai Muse, liriche non banali, ottima voce: forse la cosa più contemporanea sentita al Festival. VOTO 9.5
  • IO HO SEMPRE VOGLIA – Incredibile: Un pezzo pop che si fa ascoltare, ma che in una gara segnata e con diversi buoni pezzi, non spicca. La Sony ha scommesso su di loro, per ora hanno vinto il derby della casa discografica. VOTO 6
  • ERICA MOU: Nella vasca da bagno del tempo: La proposta raffinata della Caselli vanta un solido sostegno in rete. Che lei sia brava è indubbio. Che abbia scritto e cantato di meglio anche. Al di là del Festival, comunque, il successo pare assicurato. VOTO 7.5

9 Risposte

  1. Ben cantata… La canzone della Anania… Sei di parte?

    • tifavo per guazzone, pensa tu.. No, Mik, il mio è un giudizio complessivo, considerati anche i video ufficiali o le versioni studio, è chiaro che sul palco non è andata molto bene

  2. A me questo festival sembra una cosa infernale… 😦 Salvo solo Mou, Dolcenera, Renga, volendo anche Noemi, via. Guazzone, l’esaltatissimo Guazzone, non mi piace: mi ricorda Tricarico, vai a sapere perché.

    A proposito di Dolcenera, però… ho notato una cosa. “Pronta a conquistare L’EUROPA”, dice la sua presentazione… non è che… magari… 🙂

  3. che razza di coraggio a mettere i giudizi che hai messo…. capisco incoraggiare i giovani, ma 9 e mezzo alla canzone di Gaia Celeste?? Stiamo scherzando, giusto? cioè se parliamo di giovani proposte allora (all epoca) Alex Britti meritava 10 000 con oggi sono io?? Capisco essere fan, ma cerchiamo di essere oggettivi -_- Poi il pezzo di Pierdavide Carone uno dei migliori del festival??????? “De Gustibus”… Personalmente, preferisco di gran lunga Emma (un pezzo mooolto interrssante ed interpetato molto bene), meglio ancora con Nina Zilli (vincerebbe lei, se fosse un festival dove si valuta talento e non sciocchezze come televoto…. un enorme colpo basso a quel che si chiama “talento”). Rispetto la tua opinione ma ti ricordo che ad un festival canoro si valuta una canzone (o meglio, valutava…) invece che si simpatie…

    • Il bello della musica è che che è soggettiva. Io non sono assolutamente un fan di Carone, tutt’altro. Chi legge questo blog sa come la penso su Amici & Co. Però il pezzo mi è piaciuto, leggero e delicato, una bella storia da raccontare, come il pezzo di Celeste Gaia. Che in più è un tormentone che entra bene nelle orecchie. Quindi pensaci bene, prima di dire che uno va per simpatie, potrei dire lo stesso dei tuoi giudizi, per esempio.

  4. Ema, purtroppo anke il ripescaggio è già scritto…

    • Chi lo sa. Io spero che il pezzo di Carone ce la faccia, onestamente. E’ l’altro che vorrei andasse a casa. Purtroppo invece credo sarà il contrario

  5. no no Carone-Dalla si salvano

    • Personalmente vorrei risparmiarmi domani di sentire Fargetta che rende ancora più straziante il pezzo di Gigi D’Alessio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: