“Quanto eri bello”, l’esordio in italiano di Maria Antonietta

Se non siete amanti del rock, tantomeno di quello tendente al punk, forse farete fatica ad apprezzare qust’artista. Eppure, anche ad orecchi decisamente più pop, Letizia Cesarini da Pesaro, in arte Maria Antonietta, si propone come come una delle giovani artiste emergenti migliori sul panorama italiano. L’album del 2012 porta il suo nome ed è prodotto da un altro molto sottovalutato e più noto nei circuiti indipendenti come Dario Brunori, in arte Brunori SAS.

“Quanto eri bello” è un flashback nella memoria, una storia d’amore e sesso di gioventù raccontata senza peli sulla lingua, senza lasciare spazio all’immaginazione. E’ l’esordio in italiano di questa 25enne che prima di questo lavoro ne aveva realizzato un altro nel 2010 in inglese  autoprodotto dal titolo “Marie Antoinette wants to suck your young blood”.