Star Academy: niente finale serale: si chiude sabato 22, ma di pomeriggio. La tv italiana sta affossando la musica

Lo sprofondo assoluto di ascolti, sempre in calo e col minimo storico di nemmeno un milione e centomila spettatori nella terza puntata, ha convinto la Rai a cancellare anche la quarta puntata serale di Star Academy. Che però, essendo una gara, non può chiudere senza un vincitore. Ecco allora la decisione: niente puntata serale giovedì 20: il vincitore sarà proclamato il 22 a  «Sabato Academy», in onda alle 15.30 su Rai2. Finale pomeridiana, come già successo per la seconda edizione di Popstar, chiamata Superstar Tour, che Italia 1 spostò a suo tempo per l’ultimo mese tutta di pomeriggio.

Un programma di successo in tutto il Mondo, in Italia fa fiasco per la seconda volta e dopo X Factor (che giovedì riparte su Sky) la Rai incassa un altro flop. A testimonianza che non è un problema di ascolti. E non è nemmeno un problema, come dicono, che “la musica non tira più”. Il problema vero è che la tv italiana ha disabituato il pubblico ad un programma di musica. Almeno a quella pura, senza additivi che poco hanno a che fare con cantanti e canzoni, ci sia di mezzo una gara o meno.

Continua a leggere

Oggi alle 21.15 parte X Factor 3: ecco il cast completo. Bocciata Simona Galeandro, c’è una dei vincitori di Musicultura 2008

ULTIM’ORA: SQUALIFICATA CHIARA RIGOLI DEGLI A &K, NEL DUO ENTRA DANIELE VIT – Clamoroso colpo di scena, reso noto alla vigilia del via di X Factor. Dieci giorni fa è stata squalificata Chiara Rigoli, componente insieme ad Andrea Di Donna del duo A&K: è figlia di un dipendente Rai e questo è contro il regolamento. Al suo posto, per completare il duo, entra Daniele Vit, scartato come solista. Sotto, alla voce A& K., la scheda di Vit.

xfactor3L’attesa è finita. Stasera alle 21.15 scatta la terza edizione di X Factor, il talent show di Rai Due. Confermato il team, con Claudia Mori al posto della Simona Ventura. Come al solito qui si parlerà solo della musica, non del gossip.

Bocciata al penultimo giro Simona Galeandro, la vicintrice di Castrocaro 2008, definita “troppo tradizionale”. Dunque ecco tutti i partecipanti, sotto la direzione di Francesco Facchinetti al banco di comando. C’è invece e ci fa un gran piacere, la leader di una band che l’anno scorso era tra i vincitori di Musicultura 2008.

CATEGORIA 16-24 ANNI (caposquadra Morgan, coach Carlo Carcano)

MARCO MENGONI, 20 anni, di Ronciglione (VT) ma residente a Roma. Canta  in un gruppo. E’ un nome nuovo visto che anche il suo myspace è abbastanza scarno. “Non te lo meriti, ma è un sì”, ha detto Morgan, il caposquadra al momento delle decisioni.“Ti guardi tanto, ti stimi, sei narciso e musicalmente questo non gioca a tuo favore”. Come inizio, non c’è male. In rete qualcuno l’ha già definito “Il Mika italiano“. Andiamoci piano.

ORNELLA FELICETTI, 19 anni, da Varese, di madre peruviana. Bella faccia, buca lo schermo. C’è piaciuta parecchio ai provini e parecchio è piaciuta anche a Morgan. Fresca di maturità, esordiente assoluta. Di lei Morgan ha detto: “E’ un po’ vecchiotta. E’ molto più giovane esteticamente di quello che ha nella testa“. La Maionchi le ha suggerito di “ampliare la sua conoscenza musicale“. Ha ragione. Per ora canta cose un pò così. Se cresce, può essere la stella del programma.

SILVIO “SILVER” BARBIERI, 23 anni, bergamasco, voce e chitarra del gruppo “The Sunshine“. Esplora tutto il panorama rock, dal melodico al progressive, con grosse influenze dei Beatles.  Molto moderno c’è sembrato, ai provini.

CHIARA RANIERI, 20 anni, crotonese residente a Roma. Già definita la “Susan Boyle italiana”. Noi non lo faremo mai. Perchè la sua mole, simpaticamente extralarge è unita ad un bel volto. Voce limpida, grandi emozioni. Tenetela d’occhio. Perchè potrebbe essere la grossa sorpresa di questa edizione. Allieva della scuola di danza, canto e recitazione di Giampiero Ingrassia, figlia del grande Ciccio.

Continua a leggere

Niente Festivalbar, riecco gli Wind Music Awards

WMAloc09-thumbAnche quest’anno, niente Festivalbar. La notizia è ufficiale. Italia Uno, che pure aveva detto di voler lavorare per il ritorno della manifestazione canora. Invece non se ne fa nulla, con grande delusione del patron Andrea Salvetti, che giusto un mese fa aveva detto che la rassegna sarebbe tornata.

Tornano invece gli Wind Music Awards, la manifestazione un tempo nota come Premio Italiano della Musica, che premierà gli artisti italiani che hanno venduto più cd e dvd e che hanno avuto il maggior numero di spettatori ai concerti. Due serate, sabato 6 e domenica 7, all’Arena di Verona, sotto la conduzione di Vanessa Incontrada.

Nel dettaglio, si alterneranno sul palco gli artisti che hanno venduto in Italia o all’estero dalle 70 alle 140mila copie di dischi, nell’arco di periodo che va al 1 maggio 2008 al 30 maggio 2009. Il cast, aggiornato a questi giorni, vede per ora presenti.

Vedremo cantare Biagio Antonacci, Tiziano Ferro, Giorgia, Giovanni Allevi, Nek, Gianna Nannini, Gigi D’Alessio, Pino Daniele, Irene Grandi, Ligabue, Fiorella Mannoia, Laura Pausini, Ornella Vanoni, Raf, Antonello Venditti, Alessandra Amoroso, Marco Carta e Giusy Ferreri. Chi non potrà essere a Verona (i biglietti si acquistano cliccando qui), potrà seguire la manifestazione in tre serate, lunedì 8, 15 e 21 ,aggio, dalle 21.10, su Italia Uno.

Addio a Valentina Giovagnini. Il ricordo di questo blog

Se n’è andata nella notte fra venerdì e sabato Valentina Giovagnini, appena 28 anni, aretina di Pozzo della Chiana, cantautrice raffinata e sofisticata. La Giovagnini è rimasta vittima di un incidente stradale sulla strada fra Pozzo e Foiano. Era al volante della sua Nissan Micra quando è uscita di strada ribaltandosi contro un albero e finendo la sua corsa in mezzo ad un campo.

Le sue condizioni sono apparse subito gravi: trasportata all’ospedale di Siena, è stata sottoposta ad intervento chirurgico ma non ce l’ha fatta. Un blog che parla di musica non può non ricordarla. L’avevamo vista nel 2002 a Sanremo, quando arrivò seconda fra i Giovani con “Il passo silenzioso della neve“, che vinse anche il Premio della Critica per il miglior arrangiamento. Attualmente si dedicava alla sua grande passione per la musica celtica recentemente sfociata nel gruppo degli Ogam.

Sopra, trovate “Senza origine” il brano che portò nel 2002 al Festivalbar. Cliccando sul titolo nel paragrafo precedente, trovate invece il motivo sanremese. Qui invece c’è “Non piango più“. Tutti e tre erano nell’album “Creatura nuda”. E’il nostro modo per ricordarla. Per chi volesse lasciare messaggi, cliccando qui trovate il suo myspace. Addio Valentina

 

“Beggin” e “Back on the road” ritmo norvegese con i Madcon

Ok ok. A guardarli in faccia questi due ragazzi proprio di Oslo centro non sembrano. E infatti non lo sono. O meglio, lo sono solo in parte. Kapricorn e Critical, i componenti del duo norvegese Madcon hanno entrambi origini africane.

Il primo è nato in Germania da genitori sudafricani e vive da tempo ad Oslo, dove tra l’altro ha partecipato – vincendo – all’equivalente norvegese di “Ballando con le stelle“, il secondo è nato in Norvegia da parenti etiopi ed eritrei.

Beggin” è un bell’esempio di hip hop, un successo che ha conquistato le platee di mezza Europa, arrivando a riscuotere consensi anche da noi (era nella compilation del Festivalbar) e a mesi dalla sua uscita è ancora suonatissimo.

Da poco però è uscito anche il secondo singolo, l’altrettanto energetico “Back on the road”. Ascoltiamoceli entrambi. Il primo è in altro (non è il video originale, non ce lo fanno incorporare), il secondo lo trovate cliccando sul titolo. E buono scuotimento.

Ricordate Dominique delle Lollipop? Ora va forte in Francia

Magari qualcuno si ricorderà delle Lollipop, l’improbabile quintetto formato dalla trasmissione di Italia Uno “Popstar“, la madre di tutti i talent show. Un album di buon successo, due singoli discreti “Down down down” e “Don’ t leave me now” e poi quella disastrosa partecipazione al Festival di Sanremo del 2002: la loro “Batte forte” era una bella canzone ma le ragazze mostrarono di non saper cantare dal vivo e infilarono una memorabile serie di stecche.

Fu l’inizio della fine perchè le quattro ragazze non facevano altro che litigare. Un altro singolo portò al loro sciolgimento del 2003. Delle ragazze si sono perse le tracce: solo una ha intrapreso la carriera da vj, un’altra si esibisce con un band. Ora si scopre che Dominique Fidanza, la belga, non è ancora receduta dai propositi di voler cantare.

Nel 2006 è arrivata seconda a “Star Academy“, il talent francese che ha lanciato moltissimi artisti. Ha inciso un disco con i ragazzi della manifestazione ed è atteso per questo 2008 il suo primo album da solista, con canzoni in francese ed in italiano.

La critica francese, comunque, ha apprezzato le sue esibizioni. Chissà se è rinata una stella (ammesso che prima lo fosse stata). Sotto, ascoltiamola in una esibizione a Star Academy (nella quale canta con Zucchero) e poi riguardiamo la mitica performance di Sanremo 2002 delle Lollipop, una delle peggiori che Sanremo ricordi.

Ore 8.08 (serali, cinesi): via alle Olimpiadi. Celebriamole con “Olympic Games” di Miguel Bosè (1980)

Pronti, via. Si alza il sipario sui Giochi Olimpici del 2008. Pechino e tutta la Cina danno il via alla cerimonia di apertura, che se tutto fila liscio sta iniziando mentre leggete questo post, ovvero alle 8  (di sera) ed 8 minuti ora cinese,  (le 14.08 italiane) dell’8.8.2008

La ventinovesima Olimpiade si protrarrà sino al 24 agosto e la speranza è che si parli solo di sport e naturalmente che l’Italia torni a casa con un cesto di medaglie. Intanto, celebriamo le Olimpiadi con un brano del 1980.

Si chiama “Olympic Games“, fu scritto proprio per celebrare un’altra Olimpiade contestatissima (quella di Mosca del 1980, che vide l’assenza del blocco occidentale): la cantava un giovanissimo Miguel Bosè (donne, lustratevi gli occhi), che tra l’altro col brano in questione vinse il Festivalbar. Buon ascolto. E buona Olimpiade.

X-Factor “uccide” il Festivalbar? A rischio le serate (ma il disco c’è)

Alle soglie dei quarantaquattro anni di vita (con altrettante edizioni consecutive), il Festivalbar potrebbe chiudere clamorosamente bottega. Saltata la prima diretta, che era prevista l’11 giugno da Padova, adesso Italia Uno potrebbe decidere di cancellare anche quella del 2 luglio di Palermo. Poi ci sarebbe la serata del 5 settembre all’Arena di Verona, ma i dubbi restano.

Motivo della crisi, gli scarsissimi ascolti dei programmi tv musicali di Mediaset (Wind Music Awards e il concerto di Vasco Rossi) ma soprattutto l’inatteso successo di X-Factor della Rai. Forse potrebbero essere trasmesse due serate a settembre, ma sul più longevo programma musicale italiano dopo Sanremo si addensano nubi nere. Dubbi anche sui conduttori, visto che uno dei designati, Teo Mammuccari (l’altra era Lucilla Agosti) è stato impegnato nella nascita della sua prima figlia.

I rumors parlano di una lotta intestina fra l’organizzatore Andrea Salvetti, deciso ad andare avanti e il direttore di rete, Luca Tiraboschi, che opterebbe per la cancellazione. Intanto, sono uscite le due compilation. I successi dell’estate ci sono tutti. Tra gli altri ci sono, nella compilation rossa Alphabeat, Coldplay, Vasco Rossi, i cloni dei Tokyo Hotel Cinema Bizarre (tedeschi pure loro), The Kooks, Zucchero, Gianluca Grignani. In quella azzurra Katie Melua, Max Pezzali, Negramaro, The Ting Tings, il norvegese Madcon, Piero Pelù, Leona Lewis, Ligabue, Sara Bairelles.

E intanto c’è già chi parla per il 2009 di un ritorno della manifestazione sulla Rai, dove manca dai primi anni’80, quando si trasferì sulle reti di Berlusconi.