X Factor 4, la scheda di Manuela Zanier (Over 25): Sanremo, un musical e tanto teatro….

Avevamo promesso le schede dei cantanti che prendono parte all’edizione numero 4 di X Factor. Ecco la prima, Manuela Zanier. Che fa più rumore, non foss’altro perchè è una che, come accaduto l’anno scorso con Daniele Vit, ha una lunghissima carriera (più di 10 anni!) alle spalle. Al di là di ogni giudizio sul valore dell’artista (secondo noi lei è molto brava) viene da chiedersi se non sia necessario rivedere il regolamento di ammissione ai casting del talent show. A che serve far gareggiare al fianco di esordienti assoluti gente che già sa stare su un palco e vive di musica e spettacolo da anni?

A scanso di equivoci. Noi non ce l’abbiamo con Manuela Zanier e non faremo il tifo contro la ragazza di Latina. Saremo obiettivi come sempre. Ce l’abbiamo con un regolamento che le consente di presentarsi ai provini nonostante il suo ricco bagaglio di esperienze. Detto questo, se il regolamento le consente ad oggi di farli e li ha superati, è “giusto” che sia lì. Certo che il confronto con altri sarà impari.

Quella che vedete sopra, è l’esibizione di Manuela Zanier, oggi 34 enne, alla sezione Giovani di Sanremo 2003 col brano “Amami”. Ma già l’anno prima aveva preso parte al concorso di selezione “Destinazione Sanremo” e se digitate il suo nome su Youtube, è pieno di materiale.  Ceh mostra la sua indubbia bravura e presenza scenica, ma anche come sia una avvezza a palchi, canzoni e come sia anche una atrrice teatrale già affermata. E’vero infatti che ha un solo album all’attivo (“Esercizi di stile”, anno 2008, qui sotto trovate la cover di “L’edera” di Nilla Pizzi, singolo di lancio), ma date un’occhiata alla carriera.

Oltre ai già citati Sanremo e Destinazione Sanremo (è grazie a questa manifestazione che si guadagna il biglietto al Festival, con un pezzo di Gatto Panceri), la troviamo apprezzata cantautrice. Un suo brano nel 2005, scritto insieme a Bungaro (“Non rispondi”) viene scelto come colonna sonora del fil “Non rispondi” e nel 2007 con “Trust in me” scritta con Paolo Jannacci è candidata ai Nastri d’argento per la colonna sonora del film di Ale e Franz “Mi fido di te”.

Ha recitato nel musical “Tosca amore disperato” di Lucio Dalla (anno 2003) e in “La Divina Commedia, l’Opera“, altro musical scritto dal cantautore e sacerdote Don Marco Frisina (interpreta Francesca Da Rimini). Nel 2009 ha recitato nel film horror “Smile”, cantandone anche la colonna sonora. La sorella minore di Manuela Zanier si chiama Sara ed è attrice in Centovetrine,soap Mediaset (questa ultima cosa non vuol dire nulla ok? Era solo un dato di cronaca!)

Buon 2011 con una canzone di speranza: “Confine” di Gatto Panceri

Vogliamo iniziare l’anno con una bella canzone di buon auspicio per questo 2011 che è appena agli albori. “Confine”  è una delle più belle canzoni scritte ed interpretate da Gatto Panceri, cantautore monzese molto sottovalutato, ma autore di motivi di successo sia per sè che per gli altri. La canzone è inserita nell’album “7 Vite” inciso nel 2007 ed è accompagnata da un video a cartoni animati.

Parla di speranza, del dovere di rialzarsi dopo una caduta e di quel confine che per ognuno di noi deve essere sempre lontano: “Non scrivere mai fine, non dire mai confine, se non ti pentirai“. Un pezzo che va ascoltato con grande attenzione alle parole, del resto mai banali, scritte da Panceri. E con questo brano vogliamo augurarvi il nostro più sentito Buon 2011. Che vi porti prosperità e giorni felici.

“Progetto Radar”, successo per il concerto finale di Ponte San Giovanni

Si è concluso con un concerto presso il B-Dumpa Pub di Ponte San Giovanni a Perugia il “Progetto Radar”, il laboratorio di perfezionamento musicale per artisti emergenti nato dall’idea di Massimo Cotto, giornalista musicale e già presidente di Sanremolab e Franco Zanetti, direttore di Rockol, il giornale musicale online, con la partnership di Radio Italia.

L’ultima settimana si è svolta a Tordandrea di Assisi, in provincia di Perugia, con i 32 artisti rimasti dopo le selezioni effettuate nel corso dei vari workshop ed audizioni in giro per l’Italia (circa 780 gli artisti che si sono presentati). I  ragazzi hanno seguito le lezioni impartite loro da diversi docenti (Gatto Panceri, Francesco Arpino, Maurizio Bernacchia, Paolo Morisco, Francesco Morettini, Ignazio Morviducci, Luca Angelosanti, Luca Mattioni e Federico Sacchi), apprendendo quei piccoli segreti artistici che, uniti al loro talento, li potranno aiutare a farsi strada nel mondo della musica. Il tutto sotto il coordinamento di Antonio Milazzo.

“Il concetto di partenza è che esistono tantissimi bravi artisti in giro per l’Italia che magari non riescono a trovare le porte aperte – dice Massimo Cotto, presente a Ponte San Giovanni – Noi abbiamo selezionato i migliori e abbiamo dato loro la possibilità di esprimersi, di lavorare con un team di maestri e tutor che li aiuta a lavorare sui loro stessi pezzi, a perfezionarsi nella composizione, nell’interpretazione e nella presenza scenica. In più attraverso di noi i ragazzi sono venuti a contatto con produttori, musicisti, editori musicali, che ascoltano i loro lavori e scelgono quelli sui cui investire”.

E infatti  nel corso degli appuntamenti in giro per l’Italia sono arrivate le prime risposte positive: “La metà di questi ragazzi è già stata notata dalle case discografiche, per alcuni ci saranno le prime opportunità. Su alcuni di questi ha messo gli occhi Diego Calvetti, dello staff di X Factor e autore dell’album di Noemi. Gatto Panceri si è innamorato di due ragazzi e vuole scrivere per loro alcuni brani. Per tutti è stata una grande vetrina ed un momento di crescita umana ed artistica”.

Lavoro sugli inediti, per migliorare le composizioni, ma anche lavoro sulle cover, per renderle personali e caratteristiche.  Canzoni scritte in una sera ed eseguite sul palco. Come quelle del concerto di Ponte San Giovanni, sul quale i ragazzi hanno avuto la possibilità di lavorare pochissimo: “Abbiamo detto loro soltanto alle 19.30 che alle 22 avrebbero suonato in pubblico ad un concerto – spiega Cotto – era un modo per metterli alla prova”. Una serata nella quale hanno si sono distinte la grande voce di Rossella Pollicino, la grinta dell’unico umbro del gruppo, il 28enne amerino Salvatore Di Stefano, cantautore e cugino di quella Carlotta che nel 2000 lanciò il tormentone “Frena”, oltre a Jacopo Massa, giovane rocker vercellese che ha alle spalle una collaborazione con la band bielorussa dei Litesound  (in alto trovate la loro canzone) e l’energia delle sorelle ravennati Minelli & Minelli, pioniere del country pop in Italia.

L’approdo a Ponte San Giovanni è stato reso possibile grazie alla collaborazione con il Centro Giovanile della parrocchia di San Bartolomeo, che da dieci anni organizza il concorso musicale “Saremo al C’entro” e che dall’anno scorso è entrato nel circuito radar: “E’ stato un grande successo – sottolinea Antonio Milazzo– In sei mesi sono stati ascoltati più di mille cantanti in tutta Italia. Il mio grazie va a Massimo Cotto e Franco Zanetti, che dopo aver scoperto Arisa, Noemi e Simona Molinari, hanno ancora un volta individuato giovani talenti di alto livello. Voglio inoltre ringraziare i ragazzi della parrocchia di San Bartolomeo che, dopo aver ospitato in giugno una tappa di Radar in occasione di Saremo al C’entro, hanno messo a disposizione il pub per questa grande serata finale”.

I 23 FINALISTI DI PROGETTO RADAR – Il Dubbio di Davide, Le case del futuro, Eugenia Belli, Elena Balestri, Giulia Virelli, Jacopo Massa, Alessandro Zanolini, Davide Papasidero, D-Stefano, Maurizio Kisari, Mario Cianchi, Valentina Bagni, Minelli & Minelli, Alex Grandi, Marco Cherchi, Stefano Cherchi, Silvia Zambruno, Elisabetta Gagliardi, Giulia Nofri, Ilaria Marano, Silvia Vavolo, Manuela Mannarino, Miriam Caruso e Rossella Pollicino.

Progetto Radar, alla scoperta di nuovi talenti. Venerdì ad Assisi i vincitori (e un concerto a Perugia)

Ne avevamo parlato questa estate in occasione del racconto della finale del Festival “Saremo al C’entro” di Ponte San Giovanni, frazione di Perugia. Ora ne riparliamo, perchè il progetto Radar è arrivato alle ultime battute e venerdì selezionerà i vincitori.

 L’IDEAFranco Zanetti, insieme al giornalista di Radio Rai Massimo Cotto, è il motore del progetto. L’idea, già sposata anche da Radio Italia, è quella di andare alla ricerca di nuovi talenti musicali attraverso manifestazioni e rassegne come quella perugina e di mettere loro a disposizione come trampolino di lancio non già un talent show o un reality, ma maestri e tutor che possano seguirli sui pezzi scritti dagli stessi ragazzi, così da formarli autonomamente. I prescelti, saranno parte di un progetto di lavoro che vedrà coinvolti esperti professionisti del settore: autori, compositori, musicisti, arrangiatori, produttori. Ai selezionati, in conclusione, sarà riservata una vera opportunità discografica.

LE FINALI – A Tordandrea, nello splendido scenario del Relais Valle di Assisi, i venti finalisti si stanno esibendo in questi giorni sotto gli occhi della commissione composta da Gatto Panceri, Francesco Arpino, Maurizio Bernacchia, Paolo Morisco, Francesco Morettini, Ignazio Morviducci, Luca Angelosanti, Luca Mattioni e Federico Sacchi.  E se passate dall’Umbria, venerdì 20, giorno conclusivo della selezione, si esibiranno a partire dalle 22 in un concerto a Ponte San Giovanni, presso la parrocchia di San Bartolomeo, che organizza il festival “Saremo al C’entro“. Erano oltre 300 i partecipanti, sono arrivati in 23.

I NOMI DEI FINALISTI – Ecco l’elenco completo: Il Dubbio di Davide, Alessandro Zanolini, Elena Balestri, Giulia Nofri, New Classics, Silvia Vavolo, Ilaria Marano, Miriam Caruso, Mario Cianchi, Giulia Virelli, Manuela Mannarino, Le Case del Futuro, Rosella Pollicino, Elisabetta Gagliardi e le Sagome di Cartone, Valentina Bagni, Her, D- Stefano, Maurizio Kisari, Stefano Cherchi, Silvia Zambruno, Minelli & Minelli, Canemorto, Davide Papasidero.
 

 

10 ottobre, lutto nazionale per le vittime dell’alluvione. L’omaggio di questo blog con “Confine” di Gatto Panceri

Oggi in Italia è giorno di lutto nazionale, per i funerali solenni delle vittime dell’alluvione che ha travolto alcune zone di Messina. Questo blog, come al solito e come fatto anche per le vittime dell’Afghanistan, sceglie l’omaggio in musica e lo fa con uno dei brani a nostro avviso più belli della musica d’autore italiana.

Confine” fa parte di “7 vite“, l’album che il monzese Gatto Panceri ha inciso nel 2003. Mai banale, sempre profondo nei testi, Panceri ha scritto una grande canzone di speranza. Che a nostro parere calza benissimo con il momento difficile della gente di Messina e con la loro grande voglia di riemergere da questo disastro. Il testo del brano lo trovate qui.

Saremo al C’entro, a Ponte San Giovanni musica e valori: un nuovo trampolino di lancio per i giovani

manifestogiugnoUn pò nello spirito di questo blog, che va a cercare le cose nuove rivolte al mondo giovanile, ci piace segnalare la nona edizione di “Saremo al C’entro“, manifestazione artistico-musicale organizzata dal Centro Giovanile della Parrocchia di Ponte San Giovanni a Perugia e svoltasi dal 19 al 21 giugno scorsi. Un concorso musicale in piena regola, dal quale stanno sbocciando parecchi talenti. Direte voi: come è possibile che sboccino nuovi musicisti da un concorso che si svolge  in un contesto parrocchiale?

E’possibile. Lo testimonia il sempre crescente numero di partecipanti in questi nove anni, che per la prima volta ha costretto gli organizzatori a delle selezioni e lo testimonia la partenership avviata da questa edizione con un progetto importante, che fa  della musica usata come strumento di crescita umana e sociale e  come veicolo di diffusione di valori importanti il suo fondamento, il progetto “Radar“. Una cosa per volta, i  vincitori prima di tutto.

L’EDIZIONE 2009- Tre serate di finale dopo le selezioni avvenute nei mesi scorsi, altrettante categorie. Fra le cover eseguite con una base musicale ha vinto il perugino Michele Ricci, la categoria cover eseguite live ha premiato i SomethingRadiohead, gruppo anconitano specializzato nella riescecuzione di pezzi della band inglese (“There there” e “All I need” i brani eseguiti), mentre nella categoria cantautori, premio per la delicata “Aria” delle perugine MaLù & Jo. Premi speciali: Miglior voce Aurora Scorteccia, miglior testo agli Acronimo, premio B’Dumpa per l’impatto con il pubblico ai fiorentini Slow ‘n blues, mentre l’importante premio “Don Annibale Valigi”  Hope Music Festival, consistente in uno stage di 11 giorni presso l’omonima struttura romana sotto l’egida della Conferenza Episcopale Italiana (che vede come insegnanti fra  gli altri Mariella Nava, Gatto Panceri, Luca Barbarossa) è andato alla giovanissima Laura Matteucci. La giuria era composta da esperti del settore fra i quali Franco Zanetti, vicepresidente di SanremoLab e scopritore di Arisa, Mauro Labellarte di Hope Music (Presidente) e Christian Carrara, musicista, già presidente dei Giovani delle Acli, autore di “Canzone fra le guerre”, che Antonella Ruggiero portò a Sanremo 2007. Qui il myspace della manifestazione.

Continua a leggere

Il 28 aprile “Insieme per l’Abruzzo”, megaconcerto al Palasharp di Milano. E un singolo con 50 big

insieme49df6bfe802bdSu queste colonne avevamo pubblicato l’appello di Franz Di Cioccio, leader della Premiata Forneria Marconi, abruzzese di Pratola Peligna, in provincia dell’Aquila al mondo della musica: l’idea era quella di un grande concerto il cui ricavato andasse a sostegno degli aiuti per gli sfollati della sua terra dopo il sisma.

E il mondo della musica non si è fatto pregare ed ha risposto in massa. Così il prossimo martedì 28 aprile alle ore 21 al Palasharp di Milano andrà in scena “Insieme per l’Abruzzo“. La manifestazione, che sarà presentata dalla dj ed inviata delle Iene Elena Di Cioccio (figlia di Franz) vedrà in passerella alcuni grandi protagonisti della nostra musica.

E’ prevista la partecipazione di Premiata Forneria Marconi, Roberto Vecchioni, Francesco Renga, Daniele Silvestri, Afterhours, Le Vibrazioni, Cristiano De André, Luca Barbarossa, Tony Levin Stick Men Trio, Tullio De Piscopo, Mauro Pagani, Eugenio Finardi, Francesco Baccini, Giò Di Tonno (abruzzese di Pescara), Michele Zarrillo, Mariella Nava, La leggenda New Trolls, Osanna, Lattemiele, Max Manfredi, Carlo Marrale (ex Matia Bazar), Claudio Rocchi, Danilo Amerio, Ania (vincitrice di Sanremo web), Les Soers Tribales, Andrea Mirò, Marco Carena, Luca Dirisio (abruzzese di Vasto), La Differenza (anche loro vastesi), Gatto Panceri, Pino Scotto.

Ma non è escluso che possano aggiungersi altri artisti e dunque il programma potrebbe essre ancora più vasto. Per ulteriori informazioni sull’evento potete contattare il numero 02 45076475 oppure consultare il sito www.diedi.com

50 STAR CANTANO PER L’ABRUZZO -Oltre 50 big della musica italiana, capitanati da Jovanotti e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, per i terremotati dell’Abruzzo.Una canzone corale interpretata, tra gli altri, da Ligabue, Laura Pausini, Gianna Nannini, Giorgia, Claudio Baglioni, Tiziano Ferro, Elisa, Franco Battiato,Carmen Consoli, Nek, Luca Carboni, Ivano Fossati, Mango, Elio e le Storie Tese,Giusy Ferreri, Antonello Venditti.Il brano si intitola “Domani”  ed è un motivo inciso da Mauro Pagani della Pfm nel 2003: uscira’ nella prima settimana di maggio, sia su i Tunes che in formato cd; I proventi saranno devoluti alle popolazioni colpite dal sisma.

 

“Sos”, ecco la qualità di Gatto Panceri. Torna anche Massimo Di Cataldo con un brano choc

Ospitiamo un altra segnalazione della nostra amica Enrica Besana,  titolare dei blog http://blog.libero.it/iononsonoio2 e http://blog.libero.it/mlcantautori. Per noi ha curato la prima parte del post.

 E’uscito ieri il nono disco (dieci con un live) di Gatto Panceri, intitolato S.O.S.. L’album si compone di undici brani di sonorità pop-rock, scritti e musicati dallo stesso cantautore lombardo. I temi contenuti nelle tracce variano dal sociale all’amore, dalla memoria ai ricordi, fino ai valori personali e professionali.

La produzione artistica del disco è stata affidata a Danilo Ballo, già artefice di Beat rigeneration dei Pooh. Nel 2009 è inoltre prevista la pubblicazione del primo libro di Panceri, intitolato “Vita da Gatto”. Sopra, il cantautore monzese in una esibizione live che lo vede cantae il suo vecchio successo “Mia” e il nuovo singolo “S.O.S”.

MASSIMO DI CATALDO “FUSTIGATORE” .- E per la serie “Chi si rivede” riecco Massimo Di Cataldo, che a quattro anni dall’ultimo album di inediti e tre dalla raccolta, torna sulle scene con un nuovo singolo dal titolo “Gente per bene”. ”Cocaina consumata dentro i cessi/strisce sul coperchio della tazza/ soldi soldi sporchi arrotolati in tasca…”: inizia cosi’, con frasi molto dirette, la canzone che sgna il suo rientro ed anticipa il nuovo album, prevista per settembre, intitolato “Macchissenefrega”.

Il cantautore romano, noto e amato per canzoni d’amore come ‘”Se adesso te ne vai”, “Che sara’ di me” e ‘”Come sei bella”, spiazza in una veste inedita. Chi e’ la gente perbene? ”L’epoca del falso perbenismo ha creato nuovi mostri. La superficialita’ – spiega Massimo Di Cataldoe’ come la droga, ne puoi diventare schiavo”.

In attesa dell’album (il primo autoprodotto, dopo l’addio alla Sony-Bmg), che si preannuncia forte nei contenuti, il 23 aprile partira’ da Vieste il tour dell’artista di cui e’ online il nuovo sito