“People hurts people”, lo sbarco in Italia dei Lunik (con tutto l’album)

Noi di Dove c’è musica ne avevamo parlato in tempi non sospetti. Prima con “Everybody knows”, tratto dal precedente lavoro “Lonely letters“, che la band era riuscito a presentare anche ad Ischia, durante l’omonimo premio giornalistico. E poi con le prime tracce in rete del nuovo album “Small light in the dark”. Ora finalmente, ecco anche in Italia, ufficialmente, i Lunik, popolare pop band svizzera.

Potete trovare sopra “People hurts people“, che anticipa in radio l’uscita dell’album. Una dellizia per le orecchie, al pari di quanto lo è per gli occhi la ex modella Jael Krebs, leader e frontwoman della band. Una produzione musicale pienamente inserita nel solco del pop rock, di grandissimo spessore. Del resto siamo di fronte non ad un gruppo di pivellini ma ad una band che ha superato i 10 anni di attività, tutti ad alto livello e che da quando, nel 1998, ha inserito in organico questa dotatissima trentenne si fa apprezzare ancora di più.

Occhio alle tracce: non ce n’è una brutta. Noi ne abbiamo trovata qualcuna in rete. E ve la proponiamo. Sentite che spettacolo, per esempio How could I tell you“. O anche “Everything means nothing”, molto d’atmosfera. O ancora “Set you free”. Sette album, tre dischi d’oro, un disco di platino. Suoni molto british. Noi avremmo apprezzato ancora di più se avessero usato una delle loro quattro lingue nazionali. Ma sono talmente bravi, che li perdoniamo. Qui una loro intervista e una esibizione live a Rai News 24.

“Small light in the dark”, il nuovo lavoro degli svizzeri Lunik

I loro fans italiani hanno avuto modo di ammirarli ed apprezzarli la scorsa estate ad Ischia, durante la loro ospitata al Fesstival Internazionale del Giornalismo (qui la loro esibizione sulle note di “Eveybody knows“) ed ancora a Foggia durante una rassegna live e noi del resto ne avevamo annunciato lo “sbarco” in Italia. Ora  gli svizzeri Lunik, sound britannico e grande voce della cantante Jael Krebs, escono con “Small light in the dark“, il loro sesto album.

Aspettando l’uscita di “People hurt people“, il primo singolo, siamo in grado di regalarvi una anticipazione di questo nuovo lavoro, subito schizzato in testa alle classifiche del loro paese. La traccia che treovate sopra è di “Set you free”, brano che chiude l’album. Che a giudicare da questo pezzo, promette benissimo. I sample – cioè dei piccoli estratti del loro lavoro li trovate sul fornitissimo sito delle charts svizzere, che potete raggiungere qui.

“Everybody knows”, dalla Svizzera il nuovo dei Lunik (pronti allo sbarco in Italia!)

Sonorità britanniche e occhi della cantante Jael tipicamente nordici. I Lunik però vengono dalla Svizzera e sono una delle band trip hop più premiate del Nord Europa. “Everybody knows”, che trovate sopra, è il singolo fresco fresco che accompagna “Lonely letters“, il sesto album del gruppo. Un lavoro ben fatto ed un singolo decisamente gradevole, sicuramente parecchio radiofonico.

Del resto siamo di fronte non ad un gruppo di pivellini ma ad una band che ha superato i 10 anni di attività, tutti ad altro livello e che da quando, nel 1998, ha inserito in organico questa dotatissima trentenne si fa apprezzare ancora di più. Peccato soltanto per l’uso esclusivo della musica inglese, che certamente calza benissimo con la loro musica ma non rende giustizia ad un paese dove si parlano quattro lingue.

Tra l’altro, di recente, i Lunik si sono esibiti in Italia, a Lignano Sabbiadoro ed hanno annunciato sul loro sito ufficiale l’uscita nel nostro paese l’uscita del singolo “Preparing to leave“, che fa parte dell’album precedente – ne era la track title – noi siamo in grado di farvelo ascoltare. Lo trovate qui. Il brano è bello, certo è una strana strategia quella di lanciarsi in un paese con una canzone di tre anni fa. Ma tant’è.