Festival di Sanremo 2012, duetti internazionali e ripescaggio degli Artisti: tornano in gara Carone-Dalla e D’Alessio-Bertè

Quarta serata del Festival di Sanremo che vede rientrare dalla finestra, come previsto, Gigi D’Alessio con la Bertè e Pierdavide Carone con Lucio Dalla, mandando a casa Irene Fornaciari e i Marlene Kuntz (che chissà perchè hanno fatto già cantare con Samuel dei Subsonica, con cui avrebbero dovuto esibirsi domani: perchè loro si e gli altri tre no?).

L’inutile  passerella “Viva l’Italia nel mondo”, il cui verdetto è stato proclamato dalla sala stampa dell’Ariston (premiando proprio il gruppo cuneese, fra l’altro) risparmiandoci un televoto si è conclusa solo alle 0.33, relegando la riesecuzione in versione breve dei brani degli Artisti al ripescaggio (che invece è stata televotata), praticamente a ridosso del Consorzio Nettuno. Ieri l’una e venti, oggi ben oltre. Sembrano tornati i festival chilometrici di Aragozzini degli anni ’90.

Serata ricca di “perle”. Morandi nel presentare gli Artisti ai ripescaggi: “ecco i….provvisori: Carone e Dalla, D’Alessio e Bertè, Marlene E Kuntz”. Morandi alla Pellegrini: “Sei di Verona, vero? (la Pellegrini è di Venezia)”. Papaleo alla Pellegrini: “Sei una grandissima….(pausa)…artista”. Morandi a Mads Langer: “Sei un compositore…C’e una tua canzone, You’re not alone”. Peccato sia la cover di un successo degli Olive del 1986. E ancora: “Because, the night, scritta insieme a Bruce Sprint (Springsteeen…)”

CHIARA CIVELLO-SHAGGY- “Io che non vivo”- Era da tempo che non si sentiva una roba così brutta. L’ultima volta che è venuto a Sanremo, Shaggy si presentò in sala stampa con una canna offrendola a Zaccagnini del Messaggero. Stavolta le aveva finite.

SAMUELE BERSANI-GORAN BREGOVIC“Romagna mia”. Morandi scambia Goran Bregovic con Goran Kuzminac. Come scambiare Lionel Messi con Angelo Palombo. Bregovic con la mano sinistra, come sempre quando lo coinvolgono nei concorsi musicali.  Bersani appena sufficiente. Il fatto che Bregovic ci omaggi con la versione spagnola di “Ovo Je Balkan”, brano scritto per Milan Stankovic e l’Eurofestival 2010, non salva la prestazione mediocre.

NINA ZILLI-SKYE – “Quando quando quando”– Due che sanno cantare. E molto bene. Nina Zilli canta in inglese bene come in italiano. Ecco, è un peccato che si debba fare una scelta “televisiva” per provare a restare anche l’anno prossimo. Perchè lei all’Eurovision starebbe benissimo. Miss eleganza. Qualsiasi cosa indossi le sta benissimo.

EMMA- GARY GO – “Il Paradiso della vita” – Gary Go fa lo sforzo di cantare anche in italiano. E lo fa anche dignitosamente. Lo sforzo va premiato. Poi sono due bravi, la cosa è ben fatta. Nulla per cui strapparsi i capelli, intendiamoci, ma dopo lo scempio dell’inizio, pare il Premio Tenco.

MATIA BAZAR -AL JARREAU – Parla più piano– Al Jarreau ha vinto tre Grammy. Qui ha preferito limitarsi al minimo sindacale. Meglio nella versione solista. I Matia Bazar fanno la loro onesta parte, come sempre. La loro bravura non è in discussione, del resto.

ARISA-JOSE’ FELICIANO- Che sarà-  Massima stima per l’artista Josè Feliciano. Fa sempre la sua parte con grande dignità e chitarra in mano è senza rivali. Arisa è ormai sdoganata come interprete  di grande classe e canta qualsiasi cosa con precisione giapponese, ma anche mettendoci l’anima. Grandissimo finale che mette in risalto la sua voce. Due bravi. In una serata scarsa ci vuole, per ritirarci su.

FRANCESCO RENGA-SERGIO DALMA Il mondo- Sergio Dalma duetta sul singolo del suo ultimo album di cover italiane, “Sergio Dalma II”, attualmente ai primi posti delle charts spagnole, arrangiato da Peppe Vessicchio, che lo dirige sul palco. Una scelta assolutamente casuale… Renga più Dalma, due specialisti dell’interpretazione. Lisci come l’olio, ci mancherebbe.

PIERDAVIDE CARONE, LUCIO DALLA, MADS LANGERAnema e core – Pure Mads Langer si sforza di cantare anche in italiano. Gli viene meno bene rispetto a Gary Go, ma si apprezza la dedizione alla causa. Due artisti medi accompagnati da un big. Ne esce una cosa media, ma del resto Carone deve pensare a come rientrare in gara.

IRENE FORNACIARI, KERRY ELLIS E BRIAN MAY – Uno dei tanti– Kelly Ellis prova a dare lezioni di canto a Irene Fornaciari ma lei si difende bene. Brian May è sempre lui. Chitarre distorte a tutto andare.  Ne esce una bella versione rock, su un pezzo del 1961 non è niente male. Applausi a scena aperta. Meritatissimi. Sui duetti Irene Fornaciari raramente sbaglia.

MARLENE KUNTZ E PATTI SMITH – Impressioni di settembre – Il gruppo l’ha già cantata in italiano. Perfetta fusione di voci fra Cristiano Godano e la grande artista americana, vanno sul velluto. Poi lei canta per la miliardesima volta “Because the night”. La gente applaude. Meritatamente.

GIGI D’ALESSIO, LOREDANA BERTE’ E MACY GRAY – Almeno tu nell’universo – Avere la principessa del blues (soprattutto: pagarla salata) e farle cantare un classico italiano, sia pur bellissimo, è come avere in squadra Maradona e schierarlo terzino.   Brave le due donne, D’Alessio molto  meno. Poi cantano un brano di D’Alessio tradotto in inglese da Macy Gray, perchè  D’Alessio deve  fare un pò di cassetta.

EUGENIO FINARDI, NOA, GIL DOR E I SOLIS STRING QUARTET- Torna a surriento- Anche il brano in questione è casualmente scelto fra quelli dell’ultimo album dell’artista israeliana “Noa sings Napoli”, tutte cover napoletane. Bene la parte in napoletano cantata da Noa, la cui voce è sempre affascinante. La versione rock di Finardi è lievemente irritante.

DOLCENERA – PROFESSOR GREEN – Vita spericolata- Vasco Rossi perdoni Dolcenera e Professor Green per lo scempio e si accontenti di prendere le royalties. Il duetto è sul livello di quello che sta girando adesso nelle radio “Read all about it”. Cioè parecchio basso. Poi appunto, ce lo propinano, per la promozione d’obbligo e non è un piacere per le orecchie.

NOEMI- SARAH JANE MORRIS- Amarsi un pò– Anche la Morris ci prova con l’italiano, apprezzabile il tentativo. Due grandi voci non falliscono e danno vita ad un bel duetto, molto caldo e grintoso. Ottimo abbinamento, soprattutto Noemi regge bene il confronto, che non è poco.

Sanremo 2012, terza serata: “Viva l’Italia nel mondo” e il ripescaggio degli Artisti

Tutto pronto per la terza serata del Festival di Sanremo 2012, come sempre in onda a partire dalle 20.40 Stasera lunga serata ricca di ospiti: la campionessa di nuoto Federica Pellegrini insieme al compagno e anche lui campione di nuoto Filippo Magnini, il ct della Nazionale Claudio Prandelli, l’ex ct inglese Fabio Capello e forse anche quello dell’Irlanda Giovanni Tapattoni. Come sempre, molteplici possibilità per seguirlo.

  • TV: Diretta Rai Uno
  • RADIOUNO(commento da Sanremo Carlotta Tedeschi ed Emanuele Dotto)
  • RADIODUE (commento da Milano Lorenzo Scoles e Massimo Cervelli, interventi dall’Ariston Eddy Anselmi)

Stasera si esibirano i 4 campioni eliminati nelle prime due sere, con una versione ridotta della loro canzone. Il televoto decreterà le due canzoni ripescate e dunque riammesse alla semifinale di domani. Ecco i cantanti che dovranno affrontare il ripescaggio  (in ordine alfabetico) e le rispettive canzoni

  • PIERDAVIDE CARONE con LUCIO DALLA – Nanì (Dalla-Carone)
  • GIGI D’ALESSIO E LOREDANA BERTE’ – Respirare (D’Alessio-D’Agostino-D’Alessio)
  • IRENE FORNACIARI – Grande mistero (Davide Van de Sfroos)
  • MARLENE KUNTZ – Canzone per un figlio (Godano-Borgia-Tesio-Godano)

Il vero clou sarà la serata “Viva l’Italia nel mondo”, coi i 14 artisti che abbinati ad altrettanti artisti internazionali, si esibiranno in versioni bilingue di successi italiani divenuti famosi anche all’estero. Un televoto speciale decreterà la canzone vincitrice. Ecco i duetti, in ordine alfabetico.

  • ARISA – “Que serà” con Josè Feliciano (originale: Che sarà, in doppia versione dello stesso Feliciano e dei Ricchi e Poveri, Sanremo 1971) Lo stesso Feliciano ne incise la versione spagnola, facendone un successo in tutta la Spagna e l’America Latina.
  • SAMUELE BERSANI – “My sweet Romagna” con Goran Bregovic  (Originale: Romagna Mia, Secondo Casadei, 1954). La versione inglese del pezzo è di Checco Marsella dei Giganti
  • PIERDAVIDE CARONE – “Anema e core” con Mads Langer (originale di Tito Schipa, 1950)
  • CHIARA CIVELLO – “You don’t have to say you love me” con Shaggy(originale: Io che non vivo, Pino Donaggio, Sanremo 1965). E’ la versione che ne fece l’anno dopo Dusty Springfield.
  • GIGI D’ALESSIO ft LOREDANA BERTE’ – “The flame” con Macy Gray (originale: Almeno tu nell’universo, Mia Martini, 1989). La versione inglese fu realizzata da Thelma Houston
  • DOLCENERA – “My life is mine” con Professor Green (originale: Vita spericolata, Vasco Rossi, Sanremo 1983). La versione inglese è di Thelma Houston.
  • EMMA – “If paradise is half as nice” con Gary Go (originale: Il Paradiso, Patty Pravo, 1969).  E’la versione del gruppo inglese Amen Corner che precedette l’interpretazione di Patty Pravo. L’originale assoluto si intitolava “Il Paradiso della vita” ed era di Ragazza 77, inciso nel 1968.
  • EUGENIO FINARDI – “Surrender” con Noa (originale: Torna a Surriento, Enrico Caruso, 1904). La canzone, nella sua versione in napoletano, è contenuta nell’album “Noa sings Napoli” dell’artista israeliana.
  • IRENE FORNACIARI – “I who have nothing” con Brian May (originale: Uno dei tanti, Joe Sentieri, 1961). E’la  versione degli Status Quo, allora ancora chiamati The Spectres.
  • MARLENE KUNTZ – “The world became the world” con Patty Smith(originale: Impressioni di Settembre della Premiata Forneria Marconi, 1971). La versione originale è già stata coverizzata in italiano dai Marlene Kuntz.
  • MATIA BAZAR – “Speak softly love” con Al Jarreau (originale: tema d’amore in inglese da Il Padrino, musica di Nino Rota, 1972)
  • NOEMI – “To feel in love”  con Sarah Jane Morris (originale: Amarsi un pò, Lucio Battisti, 1977). Lo stesso Battisti incise questa versione inglese, nel 1978.
  • FRANCESCO RENGA – “El Mundo” con Sergio Dalma (originale: Il Mondo, Jimmy Fontana, 1965). La versione spagnola, che ha numerose cover di vari artisti è anche contenuta nell’album di Dalma “Via Dalma II”, appena uscito…
  • NINA ZILLI – “Never never never” con Skye dei Morcheeba (originale: Grande Grande grande, Mina, 1972). La prima cover inglese di questo pezzo è stata di Shirley Bassey

Festival di Sanremo 2012: il programma della seconda serata. Ancora in scena i big, scatta la gara dei giovani

Tutto pronto per la seconda serata del Festival di Sanremo 2012, come sempre in onda a partire dalle 20.40. Stasera sarà ospite il dj francese Martin Solveig, di recente protagonista anche nell’ultimo lavoro di Madonna. Dovrebbe tornare oggi la valletta Ivana Mrazova messa ko ieri sera da un problema al collo.

  • TV: Diretta Rai Uno
  • RADIOUNO (commento da Sanremo Carlotta Tedeschi ed Emanuele Dotto)
  • RADIODUE (commento da Milano Lorenzo Scoles e Massimo Cervelli,  interventi dall’Ariston Eddy Anselmi)

Stasera ri cantano i 14 della sezione Artisti , tutti in gara dopo l’annullamento delle votazioni di ieri ed il voto è affidato alla giuria demoscopica del Teatro Ariston, diversa da quella di ieri. Ognuno dei 300 esprime un voto da 1 a 10 per ciascun artista. I 10 artisti con la somma di voti più alta passano alla seconda serata, i quattro  esclusi vanno alla serata ripescaggi di domani. In caso di ex-aequo si farà ricorso all’analisi della “deviazione standard” come misura della dispersione dei voti espressi dai 300 giurati per ciascuna “canzone- artista” premiando la “canzone-artista” che, a parità di punteggio, avrà una stabilità di voti espressi  maggiore.

Visto il caos di ieri, i 300 giurati voteranno anche attraverso un preascolto in questi minuti. In caso di nuovo guasto all’elaboratore durante la diretta di stasera, varranno i voti di oggi pomeriggio.

Ecco i cantanti in gara (in ordine alfabetico) e le rispettive canzoni

  • ARISA – La notte (Giuseppe Anastasi)
  • SAMUELE BERSANI – Un pallone (Samuele Bersani)
  • PIERDAVIDE CARONE con LUCIO DALLA – Nanì (Dalla-Carone)
  • CHIARA CIVELLO – Al posto del mondo (Civello-Tejera)
  • GIGI D’ALESSIO E LOREDANA BERTE’ – Respirare (D’Alessio-D’Agostino-D’Alessio)
  • DOLCENERA – Ci vediamo a casa (Emanuela Trane)
  • EMMA – Non è l’inferno (Silvestre-Palmosi-Sala)
  • EUGENIO FINARDI – E tu lo chiami Dio (Roberta Di Lorenzo)
  • IRENE FORNACIARI – Grande mistero (Davide Van de Sfroos)
  • MARLENE KUNTZ – Canzone per un figlio (Godano-Borgia-Tesio-Godano)
  • MATIA BAZAR – Sei tu  (Cassano-Perversi-Golzi)
  • NOEMI – Sono solo parole (Fabrizio Moro)
  • FRANCESCO RENGA – La tua bellezza (Renga-Mancino-Faini)
  • NINA ZILLI – Per sempre (Casalino-Zilli-Casalino)

Si esibiranno anche tutti e 8 i cantanti della sezione Sanremosocial, in quattro scontri ad eliminazione diretta, secondo abbinamenti determinati dalle votazioni ottenute su facebook. Votazione delle esecuzioni tramite televoto. I quattro brani che vinceranno gli scontri diretti vanno in finale, gli altri sono definitivamente eliminati. Ecco gli 8 artisti in ordine alfabetico:

  • GIULIA ANANIA – La mail che non ti ho scritto (Anania-Faina-Cecere-Anania-Faini)
  • DANA ANGI – Incognita poesia (Giordana Angi)
  • BIDIEL – Sono un errore (Brando Madonia-Mattia Madonia-Brando Madonia)
  • ALESSANDRO CASILLO – E’ vero (Maurizio Bassi-Enrico Bassi)
  • CELESTE GAIA – Carlo (Celeste Gaia Torti)
  • MARCO GUAZZONE & STAG -Guasto (Guazzone-Ceruti-Guazzone-Costantini)
  • IO HO SEMPRE VOGLIA – Incredibile (Vittorio Nacci)
  • ERICA MOU – Nella vasca da bagno del tempo (Erica Musci)

Festival di Sanremo 2012, prima serata. Carone e Arisa i migliori ma vincono i problemi tecnici

Prima serata del Festival di Sanremo 2012 all’insegna del caos. Un guasto al computer al momento della seconda canzone fa annullare le votazioni della giuria demoscopica. Domani sera ricantano tutti e 14, in una serata che considerando anche gli 8 big, si preannuncia interminabile, poi 4 andranno a casa. Il problema è che domani la giuria demoscopica che vota è diversa. Che fine faranno i voti odierni?

Sorvolando sull’inutile e irrispettoso sermone di Celentano, va detto che è un Festival noioso, lunghissimo, con pochi pezzi che spiccano. La storia d’amore finito interpretata con stile e passione da Arisa, la migliore proposta in assoluto, l’incontro fra una meretrice ed un giovane vergine di Carone e Dalla, le atmosfere della Mina d’antan di Nina Zilli e un pò il pezzo di Emma, l’unico vero brano pop in una rassegna complessivamente mediocre.

DOLCENERA – Ci vediamo a casa:  L’anima rock di Dolcenera su un pezzo che vorrebbe decollare ma non ci riesce del tutto. Il ritornello si canticchia, ma insomma.  La Dolcenera di una volta era migliore. VOTO 7

SAMUELE BERSANI – Un pallone: Porta Lionel Messi, il più grande calciatore del mondo sul palco di Sanremo, anche questo è un record. La decadenza della società dal punto vista di una sfera che rotola. Geniale. Non voleva venirci, a questo festival. Per fortuna ci ha ripensato. VOTO 8.5

NOEMI- Sono solo parole: Il Fabrizio Moro melodico e riflessivo dei primi anni, che periodicamente riaffiora. Come spesso succede, il brano del secondo Festival è peggiore del primo. Esattamente quello che è capitato a Noemi. VOTO 6.

FRANCESCO RENGA – La tua bellezza: Renga è così. Magari i pezzi non ti fanno strappare i capelli però lo senti cantare, con quel suo modo particolare di interpretare le canzoni e poi va a finire che il brano ti piace. In un festival non proprio eccezionale, può essere la grande sorpresa. VOTO 7

CHIARA CIVELLO- Al posto del mondo: Occasione persa. Se andate sul sito della Civello si ascolta per intero tutto l’ultimo album. Che è sei spanne sopra questo pezzo qui. Orecchiabile quanto volete, ma che sembra scritto vent’anni fa. L’arrangiamento cambiato, per modificarlo rispetto alla versione messa in rete due anni fa, lo ha anche peggiorato. VOTO 6.5 (per la stima immensa per l’artista)

IRENE FORNACIARI- Grande mistero:  …come il perchè Davide Van de Sfroos, che è cantautore raffinato, le abbia rifilato questo scarto. Tre festival per la figlia di Zucchero, sempre con brani in calando. Peccato. VOTO 5

EMMA – Non è l’inferno:  Perde il confronto col brano dell’anno scorso, il che è tutto dire. Ma è il pezzo più autenticamente pop e radiofonico fra quelli della categoria Artisti. E potrebbe bastarle per passare all’incasso, soprattutto in un Festival così scarso. VOTO 8

MARLENE KUNTZ – Canzone per un figlio: Rock autentico, genuino. Merce rara sul palco dell’Ariston. Per giunta interpretato con classe. Meriterebbero un bel piazzamento, se non altro per la grande voglia di mettersi in gioco. Ma Sanremo a certe cose è sempre ostile. VOTO 7

EUGENIO FINARDI- E tu lo chiami Dio: L’esperienza e la classe di Finardi in versione solo interprete a sostegno di un pezzo molto armonico ma altrettanto debole. Meglio da cantautore, nettamente. Certo che “Amami Lara” era tutta un’altra cosa. VOTO 5.5

GIGI D’ALESSIO E LOREDANA BERTE’ – Respirare: Qualsiasi cosa canti la Loredana Bertè degli ultimi tempi, la distrugge. Il brano sanremese non fa eccezione. E dire che sarebbe molto “D’Alessiano”, esattamente quello che ti aspetteresti da uno come lui. Con in più assonanze anni 70. VOTO 6

NINA ZILLI – Per sempre: Un bel pezzo, verso fine serata. Strizza l’occhio alla Mina dei bei tempi, svela l’anima soft e romantica di Nina Zilli sin qui piuttosto nascosta. Leggera, stilosa, con classe. VOTO 8.5

PIERDAVIDE CARONE con LUCIO DALLA – Nanì: Sul finale, le cose migliori. Una ballata delicata, con un testo importante, cantato col giusto rispetto. E dire che è lo stesso che due anni fa scriveva per Scanu cose come: “A far l’amore in tutti i luoghi, in tutti laghi, in tutto il mondo…”. VOTO 9

ARISA – La notte: La scommessa vinta di Arisa. Liberata dagli orpelli c’è solo la sua voce meravigliosa su un pezzo bellissimo, intenso, che racconta una storia d’amore finita. L’unico meritevole di vincere. Ma in questo festival pieno di Amici sarà durissima. VOTO 9.5

MATIA BAZAR – Sei tu: Benvenuti a Sanremo 1990. Ma del resto sono anni che fanno sempre la stessa canzone. Orecchiabile, cantabile. Ma sempre uguale. Peccato. VOTO 5.5

Ore 20.40: prima serata del Festival di Sanremo. Ecco il programma e come si vota

Signori, si canta. Dalle ore 2o.40 scatta il Festival di Sanremo 2012, il settimo organizzato da Gianmarco Mazzi, il secondo che vede al timone Gianni Morandi, quest’anno assistito dall’attore Rocco Papaleo e dalla modella ceca Ivana Mrazova. Ospiti della prima serata i comici Luca e Paolo, l’anno scorso co-conduttori della manifestazione canora. Sono molteplici le possibilità per seguirlo in diretta:

  • TV: Diretta Rai Uno
  • RADIOUNO (commento da Sanremo Carlotta Tedeschi ed Emanuele Dotto)
  • RADIODUE (commento da Milano Gialappa’s Band, interventi dall’Ariston Eddy Anselmi)

Stasera cantano i 14 della sezione Artisti ed il voto è affidato alla giuria demoscopica del Teatro Ariston. Ognuno dei 300 esprime un voto da 1 a 10 per ciascun artista. I 12 artisti con la somma di voti più alta passano alla seconda serata, i due esclusi vanno alla serata ripescaggi di giovedì. In caso di ex-aequo si farà ricorso all’analisi della “deviazione standard” come misura della dispersione dei voti espressi dai 300 giurati per ciascuna “canzone- artista” premiando la “canzone-artista” che, a parità di punteggio, avrà una stabilità di voti espressi  maggiore.

Ecco i cantanti in gara (in ordine alfabetico) e le rispettive canzoni

  • ARISA – La notte (Giuseppe Anastasi)
  • SAMUELE BERSANI – Un pallone (Samuele Bersani)
  • PIERDAVIDE CARONE con LUCIO DALLA – Nanì (Dalla-Carone)
  • CHIARA CIVELLO – Al posto del mondo (Civello-Tejera)
  • GIGI D’ALESSIO E LOREDANA BERTE’ – Respirare (D’Alessio-D’Agostino-D’Alessio)
  • DOLCENERA – Ci vediamo a casa (Emanuela Trane)
  • EMMA – Non è l’inferno (Silvestre-Palmosi-Sala)
  • EUGENIO FINARDI – E tu lo chiami Dio (Roberta Di Lorenzo)
  • IRENE FORNACIARI – Grande mistero (Davide Van de Sfroos)
  • MARLENE KUNTZ – Canzone per un figlio (Godano-Borgia-Tesio-Godano)
  • MATIA BAZAR – Sei tu  (Cassano-Perversi-Golzi)
  • NOEMI – Sono solo parole (Fabrizio Moro)
  • FRANCESCO RENGA – La tua bellezza (Renga-Mancino-Faini)
  • NINA ZILLI – Per sempre (Casalino-Zilli-Casalino)

Domani sera scatta il Festival di Sanremo 2012: ecco tutti gli album

Tutto pronto per il via ufficiale dell’edizione 2012 del Festival di Sanremo: da domani cinque serate su Rai Uno, a partire dalle 20.45.  Gianni Morandi, Rocco Papaleo e Ivana Mrazova ci porteranno alla scoperta dei 14 motivi degli Artisti selezionati dalla commissione presieduta da Gianmarco Mazzi e ci accompagneranno al riascolto degli otto giovani. Basta polemiche, dunque, si canta. E sabato 18, durante la serata finale, conosceremo anche il nome dell’artista che rappresenterà l’Italia all’Eurovision Song Contest 2012 il 26 maggio a Baku, in Azerbaigian. Contemporaneamente al Festival, escono anche gli album dei cantanti. Eccovi una panoramica delle produzioni. Resta inteso che i singoli delle canzoni di Sanremo, saranno tutti disponibili da subito, quelli dei giovani già lo sono.

ARTISTI

  • ARISA – “Amami” – INEDITI (Warner)
  • SAMUELE BERSANI – “Psyco” – BEST OF DI  20 ANNI  PIU’ IL BRANO DI SANREMO (Sony)
  • LOREDANA BERTE’ – “Live collection” – BEST OF LIVE (Nar International)
  • PIERDAVIDE CARONE – “Nanì e altre storie” – INEDITI (Sony)
  • CHIARA CIVELLO  – “Al posto del mondo” – INEDITI (Sony, Universal per l’estero)
  • GIGI D’ALESSIO – “Chiaro” – INEDITI (GGD- distribuzione Sony)
  • DOLCENERA – “Evoluzione della specie 2” – REPACKAGING COL BRANO DI SANREMO (Emi)
  • EUGENIO FINARDI – “Sessanta” – TRIPLO BEST OF PIU’ INEDITO DI SANREMO (Cramps distribuzione Edel)
  • IRENE FORNACIARI – “Grande mistero” – INEDITI (Universal)
  • MARLENE KUNTZ – “Canzone per un figlio” – INEDITI (Universal)
  • MATIA BAZAR –  “Conseguenza logica Sanremo Edition” – REPACKAGING CON IL BRANO DI SANREMO, UN SECONDO INEDITO E FORSE IL DUETTO CON AL JARREAU (Universal)
  • NOEMI – RossoNoemi – REPACKAGING COL BRANO DI SANREMO (Sony)
  • FRANCESCO RENGA – “Fermo immagine” – BEST OF CON IL BRANO DI SANREMO E ALTRI DUE INEDITI e “Fermo immagine deluxe” – con 33 tracce (Universal)
  • NINA ZILLI – “L’amore è femmina” INEDITI – (Universal)

SANREMO SOCIAL (Giovani)

  • GIULIA ANANIA – “Nessuno bussa” – INEDITI (Warner)
  • DANA ANGI – titolo da definire, in uscita a Maggio – INEDITI (Warner)
  • BIDIEL – titolo da definire- INEDITI -(On the road)
  • ALESSANDRO CASILLO – “E’ vero” – INEDITI (in parte ripresi dal primo EP)- (Rti Music distribuzione Sony)
  • CELESTE GAIA – “Millimetro” INEDITI (Sony)
  • MARCO GUAZZONE & STAG – titolo da definire (Emi)
  • IO HO SEMPRE VOGLIA – “Io ho sempre voglia” – REPACKAGING COL BRANO DI SANREMO (Nunflower distribuzione Sony)
  • ERICA MOU – E’ – REPACKAGING COL BRANO DI SANREMO (Sugar)

COMPILATION DEL FESTIVAL (per avere tutti  e 22 gli artisti bisogna comprarle entrambe: si possono acquistare nei negozi, on line o con Sorrisi e Canzoni)

  • SUPER SANREMO 2012 – con i seguenti cantanti: D’Alessio/Bertè, Carone, Bersani, Arisa, Noemi, Finardi, Marlene Kuntz, Dolcenera, Civello, Casillo, Celeste Gaia, Io ho sempre voglia, Guazzone, Mou, Io ho sempre voglia, Angi più una canzone di Rocco Papaleo (Sony)
  • SANREMO 2012 – con i seguenti artisti: Bidiel, Renga, Emma, Matia Bazar, Zilli, Finardi, Casillo, Mou, Anania (Universal)

COMPILATION SPECIALI

  • SANREMO GOLD 1950-1985 – Triplo cd- Con Sorrisi e Canzoni
  • SANREMO GOLD 1986-2011– Triplo cd- Con Sorrisi e Canzoni

Sanremo 2012, ecco i big: debutti eccellenti per Marlene Kuntz e Chiara Civello, tornano i Matia Bazar

Eccola, la tanto attesa lista dei 14 big che prenderanno parte al Festival di Sanremo dal 14 al 18 febbraio. Questo pomeriggio un articolo de La Stampa on line ha di fatto bruciato l’annuncio che è stato dato oggi da Massimo Giletti durante L’Arena. A leggerlo, è un cast senza grandi nomi ma con qualche ritorno di spessore, come Samuele Bersani ed Eugenio Finardi, che alla fine ha risolto i suoi problemi con la casa discografica. Confermata, come avevamo annunciato, l’assenza di Marco Mengoni. Il nome più interessante, insieme ai Marlene Kuntz è quello di Chiara Civello, pianista jazz poco nota al grande pubblico ma autrice di brani per sè ed altri di ottimo spessore. Sarà una bella scoperta, per chi non la conosce. Unica variazione rispetto alla lista annunciata, la presenza dei Matia Bazar invece che quella di Toto Cutugno. Ecco dunque i 14 big, con le canzoni inedite

  • ARISA  (Warner) – La notte: è alla terza partecipazione, dopo la vittoria nel 2009 fra i Giovani con la mitica “Sincerità” e la presenza con le Sorelle Marinetti nel 2010. Il suo brano è firmato da Mauro Pagani della Pfm.
  • SAMUELE BERSANI – Un pallone (etichetta indipendente)- : torna dopo il quinto posto con “Replay” del 2000, fortemente voluto da Morandi.
  • PIERDAVIDE CARONE ft LUCIO DALLA – Nanì (Sony) –  Terzo classificato due anni fa ad Amici, mentre era nel talent show compose il brano “Per tutte le volte che” di Valerio Scanu, che vinse Sanremo 2010. All’esordio. Nonostante sia cantautore, porta un brano di Lucio Dalla, che gli dirigerà l’orchestra.
  • CHIARA CIVELLO (Universal Classic)- Al posto del mondo: all’esordio. Pianista e cantautrice jazz (ma non disdegna anche ritmi più esotici come la Bossa Nova, autrice di un brano dell’ultimo album di Paola Turci, diplomata al Berkley College of Music di New York. Più popolare all’estero che in Italia, compone maggiormente in inglese. Per carriera, è la pià internazionale fra gli artisti in concorso. Un tocco di raffinatezza.
  • GIGI D’ALESSIO ft LOREDANA BERTE’- Respirare (Sony): Gigi D’Alessio è alla quarta presenza da solista e sin qui non ha mai vinto la rassegna: Morandi lo ha fortemente voluto. Loredana Bertè torna  dopo la squalifica per brano non inedito del 2008, è alla decima partecipazione, la nona da solista.
  • DOLCENERA (Emi) – Ci vediamo a casa – Reduce da buoni successi radiofonici, la cantautrice leccese è alla quarta apparizione all’Ariston, la terza fra i big, dopo aver vinto i Giovani nel 2003. E’ il cavallo della Emi, etichetta campione in carica del Festival.
  • EMMA (Universal)- Non è l’inferno – Seconda l’anno scorso fra i big insieme ai Modà, il leader della band Kekko Silvestre firma di nuovo il suo brano. Vincitrice di Amici 9, l’edizione in cui Carone giunse terzo.
  • EUGENIO FINARDI – E tu lo chiami Dio (etichetta indipendente)–  Ha risolto  i problemi con la sua etichetta e torna per il quarto anno, dopo l’ultima esperienza del 1999. Ha sempre portato brani interessanti, stavolta parlerà di spiritualità.
  • IRENE FORNACIARI  Il mio grande mistero (Polydor, gruppo Universal)– Terza apparizione, la seconda nei big, la prima da solista dopo la featuring dei Nomadi due anni fa. Autore del brano Davide Van de Sfroos.
  • MARLENE KUNTZ  (Sony) – Canzone per un figlio – Esordienti, sono la vera sorpresa del cast. Dal 1994 sono esponenti di gran lusso della scena indie rock italiana, quattordici album all’attivo più due raccolte. Il cantante Cristiano Godano avrebbe dovuto duettare con gli Afterhours nel 2009, ma la band non arrivò alla serata del venerdì.
  • MATIA BAZAR (Universal)- Sei tu – Dodicesimo festival, tornano anche per ripresentare Silvia Mezzanotte, che con loro vinse il secondo dei due festival vinti dall band genovese.
  • NOEMI (Sony) – Sono solo parole – Ex partecipante di X Factor, nel 2010, quando vinse Scanu, era in concorso anche lei e giunse nel gruppone di semifinale, si dice quarta ufficiosa al traguardo. Il suo brano è firmato da Fabrizio Moro.
  • FRANCESCO RENGA (Universal)  La tua bellezza– Vincitore nel 2005, è alla quinta partecipazione, la quarta da solista (la prima fu con i Timoria), la terza fra i big.
  • NINA ZILLI (Universal) – Per sempre- Vincitrice morale e Premio della Critica dell’edizione 2010 fra i Giovani, l’anno scorso fu ospite dei La Crus nella serata duetti. E’ dunque all’esordio fra i big.

Fra questi artisti, o anche fra uno degli 8 giovani (qui il nostro post con i  brani in preascolto), uscirà anche il rappresentante italiano all’Eurovision Song Contest. Ecco, a titolo informativo, anche il quadro dei giovani

DA AREA SANREMO

  • BIDIEL – Sono un errore (senza etichetta) – Catanesi, sono la band di Brando Madonia, figlio del cantautore Luca, in gara l’anno scorso fri i big.
  • IO HO SEMPRE VOGLIA- Incredibile (Sony) – Di Monopoli (BA), piuttosto apprezzati nella scena delle etichette indipendenti

DA SANREMOSOCIAL

  • ERICA MOU – Nella vasca da bagno del tempo (Sugar) – Unica portacolori della Sugar, raccoglie il frutto di un anno intenso di tour e promozioni in giro per l’Italia. Reduce da un buon album, lanciata due anni fa da Musicultura. E’ la grande favorita per la vittoria finale, la sua etichetta è campionessa in carica fra i Giovani.
  • ALESSANDRO CASILLO – E’ vero (Sony)– Appena 15 anni (ne farà 16  a giugno), secondo classificato quest’anno al talent show per ragazzi di Canale 5 “Io Canto”. E’l’altro grande favorito.
  • CELESTE GAIA – Carlo (Sony) – Cantautrice pavese all’esordio e studentessa universitaria alla Cattolica di Milano, il suo tormentone ha conquistato il gruppo d’ascolto.
  • MARCO GUAZZONE – Guasto (EMI) – Romano, 22 anni, pianista e compositore dal sound internazionale. Ha già suonato all’estero, in particolare a Londra ed in Grecia.
  • GIULIA ANANIA – La mail che non ti ho scritto (Warner)– Romana, cantautrice e poetessa, già vincitrice nel 2008 del Premio Augusto Daolio, come anche Erica Mou (nello stesso anno)
  • DANA ANGI – Incognita poesia (senza etichetta) – Giordana “Dana” Angi, appena 18 anni (compiuti in 12 gennaio), nata in Francia ma residente ad Aprilia Continua a leggere

Sanremo 2012: Mengoni avrebbe detto no, non sarà neanche all’Eurovision Song Contest

L’attesa sta per finire. Domani sarà diramata, in diretta su Rai Uno, durante l’Arena di Massimo Giletti, la lista completa dei big (probabilmente resteranno 14) che a Febbraio prenderanno parte al Festival di Sanremo. L’annuncio sarà preceduto da quello dei sei giovani vincitori di Sanremosocial day, che avverrà oggi alle 16.20, sempre su Rai Uno: i vincitori faranno parte della sezione Giovani assieme alle due band uscite da Area Sanremo, ovvero Bidiel e Io ho sempre voglia.

La notizia clamorosa è questa. Marco Mengoni non sarebbe nella lista dei partecipanti per Sanremo. L’accordo, che pareva cosa fatta sino a ieri, sarebbe saltato e dunque il cantante di Ronciglione non sarebbe nel cartellone. Situazione che, data l’ufficialità dell’abbinamento Sanremo-Eurovision Song Contest, gli chiuderebbe anche le porte della rassegna europea. Di cui a breve sarà diramato l’elenco ufficiale dei paesi in gara. L’Italia comunque è già certo che ci sarà ed ha deciso che trasmetterà la finale del 26 maggio nel format originale (cioè col solo commento in italiano fuori onda, senza varianti) su Rai Due e una semifinale (quella dove l’Italia dovrà votare) su Rai 5. Il rappresentante italiano per Baku uscirà comunque da Sanremo, ma a questo punto non ci sarebbero più certezze sui nomi candidati e saranno decisivi i giorni del Festival.

D’ALESSIO SI, FINARDI FORSE NO. Tornando alla rosa dei partecipanti a Sanremo, a sole 24 ore dalla “deadline”, le certezze sarebbero ben poche. Un altro sicuro fino a ieri che pare essersi sfilato  è Eugenio Finardi, del quale era già noto anche il titolo del brano, “E tu lo chiami Dio”. Problemi con l’etichetta, pare. Risolvibili, forse. O forse è tardi.  Chi ci sarà certamente: Gigi D’Alessio che su facebook ha annunciato la partnership con Loredana Bertè e il titolo del brano, “Respirare”. E poi Simona Molinari e Arisa, quest’ ultima con un brano di Mauro Pagani. Confermato anche Francesco Renga, quasi certo Samuele Bersani, convinto da Morandi nonostante le resistenze del cantautore bolognese. Con lui ci sarebbe (non è chiaro se in gara o nella serata di duetti internazionali con i grandi successi) nientemeno che Goran Bregovic. E ancora, sembrano certi Nina ZilliNoemi, griffata Fabrizio Moro, Emma (griffata ancora Kekko Silvestre dei Modà) e Fabio Concato. Sorrisi e canzoni avrebbe dato per quasi fatto anche l’accordo con Dolcenera. Riassumendo:

  1. Gigi D’Alessio e Loredana Bertè
  2. Francesco Renga
  3. Samuele Bersani
  4. Noemi
  5. Emma
  6. Fabio Concato
  7. Arisa
  8. Simona Molinari
  9. Nina Zilli
  10. Dolcenera

NOMI VECCHI E NOMI NUOVI – Per gli altri nomi, restano ancora in ballo: Annalisa (sarà probabilmente della partita), uno fra Marlene Kuntz (favoriti anche perchè al momento non ci sono band) e  Pacifico con Manuel Agnelli, Sal Da Vinci, Nek, Il Volo, Teresa De Sio, Alice (firmata Tiziano Ferro). Più alcuni nomi che spuntano quali come  Mauro Ermanno Giovanardi (quest’anno nella commissione di Area Sanremo, come Van de Sfroos l’anno scorso…) e Chiara Civello, 36 enne pianista e cantautrice jazz poco nota al grande pubblico, ma apprezzatissima dalla critica, autrice di recente anche di “Cuore distratto”, incluso in “Giorni di rose”, l’ultimo lavoro di Paola Turci. Anche lei in lizza ancora per Sanremo, come pure Syria (pure lei dentro Area Sanremo) e Mietta. Visto così, sembra un cast parecchio debole, senza stelle, senza alcun nome di richiamo.

A meno che non si concretizzi almeno un colpo dei tanti a cui pare Morandi stia lavorando, quello di avere Zucchero ad accompagnare, in duetto, la figlia Irene Fornaciari. Quanto a Lucio Dalla, se ci sarà, verrebbe solo a dirigere l’orchestra per Pierdavide Carone, cui pare abbia scritto il brano (ma non era cantautore, l’ex amico di Maria?) e che quasi certamente sarà anche lui del lotto.

“Trasparente” il primo volo di Matteo Macchioni (nell’album “D’altro canto”)

Quarto nell’edizione 2009 di Amici, Matteo Macchioni è una grande sorpresa musicale. Perchè il tenore, che si era messo in evidenza proprio per la sua voce tipicamente lirica, sta mostrando invece di essere capace di adattarsi a canzoni più leggere. Come “Trasparente“, il singolo che accompagna l’album “D’Altro canto“.

Lo stile melodico è un pò quello che accompagna quasi tutti gli artisti medi di Amici, ma questo pezzo del tenore di Sassuolo si stacca sicuramente dalla media. Forse perchè porta la firma nel testo di Pacifico e nella musica di Ferdinando Arnò. Cosa che non si può dire, per esempio, di “Guardando verso il mare” che porta la firma di Pierdavide Carone. Il testo de “La promessa” invece di Tricarico.

Sanremo 2011: dopo Vecchioni, il direttore Mazzi svela altri partecipanti. C’è anche Battiato!

UPDATE: La notizia è di poco fa e l’ha comunicata lo stesso artista al Tg1. Franco Battiato sarà in gara al prossimo Festival di Sanremo, in coppia con l’ex Denovo Luca Madonia.Il suo contributo consiste in un piccolo intervento nel finale del brano, dal titolo “L’alieno”.

Proprio nei giorni scorsi, su queste colonne, avevamo dato notizia che Roberto Vecchioni è il primo partecipante ufficiale del Festival di Sanremo 2011. Come è noto, era stato lo stesso artista milanese a darne notizia alla stampa, comunicando così il suo ritorno in gara nella kermesse 38 anni dopo la sua ultima e unica partecipazione (era il 1973). Stavolta è stato Gianmarco Mazzi, direttore artistico di Sanremo a dare notizia, su Sorrisi e Canzoni, di altri partecipanti dati per “probabilissimi” (il che vuole dire praticamente certi, per non bruciare l’annuncio ufficiale).

La lista dei 14 big si allunga dunque: ci saranno Max Pezzali, Anna Oxa e come avevamo annunciato, Nina Zilli, reduce dal successo di vendite del suo album “Sempre lontano”, Con loro ci sarà Emma Marrone di Amici, della quale non è però stato reso noto se canterà da sola oppure in duetto, come sembra, con i Modà. Resta ancora appesa Alessandra Amoroso, il cavallo di razza dell Sony. Se come pare, sarà in gara, si profila un duello con la Universal, casa discografica di Nina Zilli ed Emma.

Max Pezzali sarebbe all’esordio da solista a Sanremo avendo partecipato nel 1995 con gli 883 (anche se in realtà la formazione era composta da Pezzali e da un gruppo di turnisti), anno in cui scrisse anche la canzone in gara cantata da Fiorello. Anna Oxa, fresca di nuovo album, manca da, 2006, anno in cui presentò l’enigmatica “Processo a me stessa”, ha all’attivo 13 festival, dei quali due vinti (uno con Fausto Leali, con cui partecipò anche all’Eurofestival). Nina Zilli sarebbe all’esordio fra i big essendo stata in gara l’anno scorso fra i Giovani, Emma sarebbe all’esordio assoluto.

I giovani, come è noto, saranno 8: due usciranno da Area Sanremo, di cui sono in corso le finali (sempre al link di cui sopra),  6 usciranno da una gara che si svolgerà a Domenica In fra 9 brani che saranno selezionati da Sanremo Academy fra quelli che perverranno alla Rai. Per dovere di cronaca, ecco le coordinate: entro mercoledì 1 dicembre 2010 le proposte dei giovani talenti, consistenti in una canzone nuova interpretata da artista singolo o in gruppo, dovranno pervenire in modalità congiunta (on line + invio di plico) secondo le seguenti modalità:

–          invio on line al sito http://www.sanremo.rai.it
–          invio di un plico chiuso da far pervenire presso RAI – Sportello Festival, Via Asiago, 3 – 00195 Roma

Ma il consiglio è sempre lo stesso: vista come è andata la selezione dell’anno scorso, se siete artisti esordienti, non perdete tempo a mandare i brani, tanto saranno le case discografiche a pesare sulle scelte, come sempre. Di seguito, al solito, la situazione dei partecipanti al Festival 2011.

SICURI: Roberto Vecchioni, Anna Oxa, Nina Zilli, Max Pezzali, Emma Marrone, Luca Madonia ft Franco Battiato

QUASI CERTI: Alessandra Amoroso

PROBABILI: Modà, Giusy Ferreri, J AX, Paola Turci, Matteo Becucci, Silvia Salemi, Ivana Spagna, Anna Tatangelo

POSSIBILI: Simona Molinari, Syria, Tony Maiello, Mariella Nava, Eduardo De Crescenzo,  Ron;  Sal Da Vinci,  Nesli, Luca Dirisio

ALTRI: Al Bano, Orietta Berti,  Paolo Meneguzzi, Neri per Caso, Vinicio Capossela, Pierdavide Carone, Paola e Chiara, Michele Zarrillo, Matteo Macchioni, Loredana Errore