“A rose in your mouth”, alla scoperta degli Strange Flowers

Di solito non parliamo molto dei dischi italiani in lingua inglese – intesi come inediti – perchè restiamo dell’idea che la nostra lingua vada propagandata musicalmente ma in questo caso abbiamo ricevuto una segnalazione e ve ne diamo conto.

Si tratta di “A rose in your mouth“, singolo che accompagna “Vagina mother“, quinto album della band toscana Strange Flowers. Rock psichedelico rivisto in chiave moderna, ottimi suoni. Ma l’invito è a provare con l’italiano, perchè si può fare quel tipo di musica benissimo anche con la nostra lingua. Che così si propaga meglio nel grande pubblico.

L’ALBUM –  Per il gruppo si tratta dell’album della maturità, il punto di arrivo di una lunga carriera che l’ha visto protagonista della scena indipendente internazionale fin dai primi anni ‘90.

Il quinto album della band è un concept al “liquido amniotico” (ricco di richiami alla fertilità ed al parto) e contiene anche una cover del celebre brano di MadonnaHollywood” rivisitato in chiave indie con la voce di Michele Marinò totalmente filtrata.

La bonus track è “Polvere”, la versione italiana del loro pezzo “Powder tears“. Il disco intero uscirà il 21 novembre in tutto il mondo, intanto, sta girando il singolo. Il tour partirà il 21 Novembre da Pisa e vanta già una ventina di date fissate.