“Soy tu aire” e “De Pequeno”, la leggerezza dei Labuat

AVVISO AI NAVIGANTI: QUESTO BLOG NON VA IN VACANZA, TUTTAVIA SINO AL PROSSIMO 10 AGOSTO NON SAREMO IN GRADO DI RISPONDERE AI VOSTRI MESSAGGI. CONTINUATE COMUNQUE A MANDARCI LE VOSTRE SEGNALAZIONI!

Cose nuove dalla Spagna. I Labuat sono un gruppo pop dalle influenze anni ’60 e ’70. Ma non solo. Un vero e proprio contenitore di contaminazioni: c’è la bossa nova, il jazz, c’è Burt Bacharach, ci sono gli anni venti. E c’è il pop, naturalmente. Dieci tracce (più altre due nella versione Deluxe) per il disco d’esordio, che si chiama come loro e che potete ascoltare in estratto sul loro sito ufficiale.

Un progetto, quello dei Labuat, che unisce Rijsto Meijde, musicista, creativo e giudice della versione spagnola di Operazione Trionfo, The Pinker Tones, duo che spazia dal lounge alla musica elettronica ai suoni latini e Virginia Maestro, 27 anni, cantautrice, vincitrice dell’edizione 2009 di Operazione Trionfo.

In alto trovate “Soy tu aire”, delicato singolo che esalta la particolarissima voce della cantante di Linares. Molto d’atmosfera, completamente diverso, per esempio, da De Pequeño“, secondo singolo dove le influenze della disco anni 70 sono chiarissime sin dalle prime note. Un lavoro di gran qualità. Nota a margine: guardate gli occhi di questa ragazza. Veramente profondissimi.