Figli dei talent show: i nuovi singoli di Diana Del Bufalo e Yendry Fiorentino

Figli dei talent show che si muovono. Per Diana Del Bufalo, uscita da Amici, non è l’esordio, ma l’uscita del nuovo singolo è sicuramente un’occasione per tornare alla musica dopo aver avuto una parentesi televisiva e una cinematrografica  e prima di vederla con ogni probabilità a “Tale e Quale show”, il talent show di Carlo Conti che ripartirà a settembre su Rai 1.

Beep Beep (a-ha)” anticipa  l’uscita del suo primo album, prevista per l’autunno. Il video è  diretto dal noto regista romano Cosimo Alemà, che ha sfruttato con leggerezza e ironia la predisposizione al trasformismo di Diana Del Bufalo, giocando su due immagini contrapposte della stessa protagonista del video, una giovane circondata dalle amiche, che esce si diverte e flirta con i coetanei.

“La protagonista – spiega Diana Del Bufalo – è dapprima una bella ragazza sicura di sé, capace di ammaliare grazie al sorriso e alla simpatia e poi, destata dal sogno, una giovane goffa e bruttina che si sente inappropriata, rifiutata e insicura. Il video è insomma uno specchio allegro, fresco e talvolta comico, di come le ragazze si vedono nella realtà e di come vorrebbero invece apparire”. Il video vede la partecipazione, nel ruolo di co-protagonista, del cantautore e compositore romano Francesco Arpino.

Il brano “Beep Beep (A Ha)” è scritto da Diana del Bufalo con il cantautore e compositore italiano Francesco Arpino e Phil Spalding, bassista che ha suonato con musicisti del calibro di Mick Jagger, Elton John e Randy Crawford. I due si sono occupati anche dell’arrangiamento negli studi Rock me Amadeus di Roma e della produzione artistica. Al mixaggio ha contribuito Steven Forward, ingegnere del suono di artisti come Depeche Mode, Brian Eno, Paul Mc Cartney e molti altri.

La bella dominicana Yendry Fiorentino , invece, è ancora nell’orbita di Elio, che l’ha avuta in squadra nell’ultima edizione di X Factor e che ora le ha proposto “Here” questo brano a tutta dance che sicuramente è molto nelle sue corde. Come precisa lei stessa, questo esordio discografico sotto etichetta Sony non è ancora il preludio ad un nuovo album, ma intanto per chi finora l’ha ascoltata solo nelle cover è l’occasione per sentire su qualcosa scritto apposta per lei.

 

X Factor 6, quarta puntata: escono le Donatella e Romina Falconi

Il televoto fa sempre danni. Romina Falconi esce al tilt nella quarta puntata di X Factor rispetto ad un “meccanico” Daniele Coletta in una serata in cui le eliminazioni erano due e nella prima manche si sono scontrati al ballottaggio i due artisti più deboli fra quelli rimasti in gara, Yendry Fiorentino e le Donatella, con queste ultime eliminate nella serata forse migliore. La maledizione di metà programma colpisce ancora l’artista con maggior pedigree, come era successo a Daniele Vit e Manuela Zanier nelle edizioni passate. Chiara Galiazzo sembra già in fuga, solo Nice pare in grado di starle dietro, almeno per adesso, sempre che riesca a dare ancora qualcosa.

UOMINI 16-24 (Simona Ventura/Paola Folli)

DANIELE COLETTA  – Love is a losing game (Amy Winehouse) e I can’t stand the rain (Seal): E’sempre lo stesso: canta bene, ha una padronanza assoluta della voce, strilla anche meno del solito. Però le sue esibizioni continuano a non emozionare per niente, sembra un prodotto “accademico”, tutta tecnica, che non ha alcun margine di crescita. Bravo, ma in una serata così forse serviva una spinta maggiore. Il ballottaggio è parso evidente da subito e infatti ci finisce. Scontro pari con Romina, si salva immeritatamente al tilt. VOTO 7

DAVIDE MERLINI – E’ l’amore che conta (Giorgia): E’la sua prova migliore da quando è nel programma. Finalmente una esibizione che non ricordi una serata al karaoke fra amici. Più sicuro, più tranquillo, il bagno di folla fra le fans, gli autografi firmati come al militare (cognome e nome: ma si può?) e i genitori sembra avergli fatto bene. VOTO 8

DONNE 16-24 ANNI (Elio/Alberto Tafuri)

CIXI – Turning tables (Adele): Il brano le piaceva molto anche perché era nelle sue corde e la cosa si è sentita. Ovviamente non ha la timbrica e il colore vocale di Adele, ma l’interpretazione è limpida e pulita, anche discretamente emozionale. Canta di tutto e tutto molto bene. VOTO 8.5

NICE – White rabbit (Jefferson Airplane): Pezzo del 1965 che però rispetto a quello della settimana scorsa, che era più recente, le piace: povera musica italiana, ignorata dai giovanissimi! Per il resto è la solita prova vocalmente validissima, interpretazione avvolgente ed emozionale. La domanda è se abbia ancora margini di crescita. Forse no. Ma brava comunque. VOTO 8

YENDRY FIORENTINO – Locked out of  heaven (Bruno Mars) e If I ain’t got you (Alicia Keys): Conferma la crescita vista nella scorsa settimana. Pezzo non molto impegnativo ma parecchio nelle sue corde (e fra l’altro appena entrato nelle charts europee), lo interpreta senza particolari picchi, ma anche senza sbagliare niente. Va al ballottaggio nella serata con due eliminati, forse nella sera in cui lo meritava meno. Senza problemi sul ballatone di Alicia Keys, si conferma artista dal sound tradizionale. VOTO 7.5

OVER 25 (Morgan/Gaetano Cappa)

ICS – Der Kommissar (Falco): Massimo rispetto per essere riuscito ad imparare un pezzo rap in tedesco in tre giorni non avendo la minima nozione della lingua in questione. Solo questo vale un punto in più. Il resto è tutto molto bello perché per la prima volta non stravolge il pezzo  quando ci mette dentro le sue rime in italiano. Allegro, divertente. Finalmente. VOTO 9

CHIARA GALIAZZO – The final countdown (Europe): Astor Piazzolla ha preso il posto di Joey Tempest impossessandosi del brano e l’arrangiamento curato da Morgan è da applausi. E ovviamente valorizza l’interpretazione impeccabile di Chiara. Altro che trash: ha spiegato la sua voce al massimo delle sue possibilità rendendo nobile e raffinato come il tango questo classico straordinario del metal. Il look che le hanno fatto fra l’altro, la rende anche fascinosa. Per adesso è la migliore esibizione di X Factor. Capolavoro assoluto. VOTO 10.

ROMINA FALCONI – Il tempo se ne va (Adriano Celentano) e Beautiful (Christina Aguilera): Qui l’esperimento di mettere “Michelle” dei Beatles al posto di Toto Cutugno, autore del pezzo è meno divertente rispetto ai due di cui sopra. C’è da dire che lei comunque la prende bene, canta un testo riadattato alla sua persona e la sua voce finalmente esce fuori in tutto il suo spiegamento. Complessivamente la peggiore dei tre di Morgan, ma sempre molto valida e molto credibile. Va al ballottaggio, un po’ a sorpresa ed è uno scontro fra titani della voce con Daniele. Va a casa col tilt, incredibile. VOTO 7.5

GRUPPI VOCALI (Arisa/Giuseppe Barbera)

FRERES CHAOS – Ritual union (Little Dragon): Bravi ma il pezzo è un assoluto salto nel vuoto, sconosciuto al grande pubblico ed eccessivamente di nicchia. Scelta rischiosa in una serata come questa. Sempre minimali, pochissimo pop e scarsamente commerciali, possono avere un buon successo nel panorama indie. Non è facile cantare con tutta quell’attrezzatura, se la sono cavata egregiamente. VOTO 7

DONATELLA – Maneater (Nelly Furtado) e Amore disperato (Nada): Arisa si gioca la carta della sensualità e del sound pop americano, intuendo ormai la strada da seguire con un duo del genere ed in effetti vanno meglio rispetto alla scorsa settimana. Certo, se avranno una carriera discografica servirà parecchio autotune, ma hanno  sempre evitato figuracce, nonostante ci siano rivali molto più intonati. Nella puntata con due eliminati, vanno al ballottaggio dove con il pezzo di Nada fanno la prova migliore della loro permanenza. Vanno a casa al tilt. VOTO 7

X Factor 6, stasera la quarta puntata: ecco tutti i brani assegnati

Tutto pronto per la quarta puntata di X Factor, in diretta dal Teatro della Luna di Milano alle 21.10 e naturalmente su Sky Uno. Sarà ospite Emis Killa, fresco vincitore degli MTV Best Italian Act, che presenterà “Parole di ghiaccio”. La serata vedrà due eliminazioni  e quindi decisamente sarà ad alto tasso di adrenalina. Ecco tutte le assegnazioni, con i link ai brani meno popolari. Da notare che per Morgan, caposquadra degli Over, i brani da lui assegnati sono “trash”. No comment.

UOMINI 16-24 (Simona Ventura/Paola Folli)

DANIELE COLETTA  – Love is a losing game (Amy Winehouse)

DAVIDE MERLINI – E’ l’amore che conta (Giorgia)

DONNE 16-24 ANNI (Elio/Alberto Tafuri)

CIXI – Turning tables (Adele)

NICE – White rabbit (Jefferson Airplane)

YENDRI FIORENTINO – Locket out of  heaven (Bruno Mars)

OVER 25 (Morgan/Gaetano Cappa)

ROMINA FALCONI – Il tempo se ne va (Adriano Celentano),  il cui testo verrà stato modificato e personalizzato su Romina e la musica sarà riarrangiata “alla Beatles” (sulla falsariga di “Michelle”)

ICS – Der Kommissar (Falco), primo pezzo in tedesco della storia di X Factor, con una parte del testo riscritta in italiano dallo stesso Ics

CHIARA GALIAZZO – The final countdown (Europe),  riarrangiato in una nuova versione “tango” (il modello sarà Astor Piazzolla)

GRUPPI VOCALI (Arisa/Giuseppe Barbera)

FRERES CHAOS – Ritual union (Little Dragon)

DONATELLA – Maneater (Nelly Furtado)

X Factor 6, terza puntata: fuori Alessandro Mahmoud

Anche quest’anno X Factor sembra avere il suo caso. Quello della sesta edizione è dato dal fatto che dopo tre puntate, le Donatella sono ancora lì. Stavolta ne fa le spese Alessandro Mahmoud, entrato dalla finestra e uscito dalla porta in un ingiustissimo ballottaggio con Romina Falconi (ancora più ingiusto) dopo una sola settimana. Crescono Davide Merlini e Yendry Fiorentino, ma la corsa per la vittoria sembra già a due fra Chiara Galiazzo e Daniele Coletta: tecnica ed emozione contro tecnica e basta. Per ora.

UOMINI 16-24 ANNI (Simona Ventura/Paola Folli)

DAVIDE MERLINI – Vieni con me (Le Vibrazioni): E’ ancora parecchio “ruspante” (del resto era quello partito con meno esperienza), ma si impegna molto. Sbaglia un po’ l’attacco, poi però cresce e si riprende. Ha un ottimo timbro vocale, difetta nelle note basse. Su pezzi più melodici italiani, magari un po’ vintage va molto bene, ha grossi margini di crescita per diventare una pop star in senso ampio. Per adesso forse potrebbe piacere più alle mamme che alle figlie, però è bravo. VOTO 7.5

DANIELE COLETTA –  Tutti i miei sbagli (Subsonica): Il pezzo non le piace per niente, ma lo cata, da bravo studente modello. Ci mette la solita canna, tanta tecnica, grinta a fiumi, ma zero emozione (comunque era già difficile da esternare un pezzo come questo). Molto freddo, quasi “robotico” per niente spontaneo, mette sul palco la sua esperienza da artista di musical. Che però è diverso dal fare il cantante pop.  VOTO 7

ALESSANDRO MAHMOUD – Go ahead (Curiosity killed the cat) e “Master blaster” (Stevie Wonder): Inizio soft su un pezzo funky dance di una delle band simbolo del genere negli anni 80. Forse un po’ troppe fioriture nell’interpretazione, ma nn paga grande dazio all’emozione dell’esordio. Probabilmente il suo genere è un altro, con quella voce “scura”, però se l’è cavata bene. Purtroppo per lui va subito al ballottaggio e ci va contro Romina: scontro fra titani, ma  è sfortunato nonostante una ottima prova, perché la cantante romana aveva tanta rabbia dentro e lui va via dopo una sola sera. VOTO 7.5

DONNE 16-24 (Elio/Alberto Tafuri)

YENDRY FIORENTINO – Don’t speak (No Doubt): Il confronto con Gwen Stefani era evidentemente impari, se la cava con un’esibizione attenta, tranquilla, senza particolari picchi, ma anche senza particolari errori. Siamo ancora su livelli più bassi di molti altri, ha dei chiari  limiti vocali, ma  cresce puntata dopo puntata. La prima volta in cui non stona. VOTO 7.

CIXI – Sing it back (Moloko): Pezzo poco noto al grande pubblico, come la band che lo cantava originariamente, ma perfettamente calzante all’allegria ed alla versatilità della giovane artista. Interpretazione molto valida, bella messa in scena, atmosfera estremamente lounge. Tutto molto divertente. VOTO 8.5

NICE – L’eternità (Camaleonti): Ha odiato sin dall’inizio il brano definendolo “da balera” e ci ha messo molto per farlo proprio. Il risultato è che ne esce una interpretazione buona, con grande spiegamento vocale, ma sostanzialmente “di maniera”, meno emozionale del solito. Però non ha sbagliato una nota e sugli acuti è stata assolutamente perfetta. VOTO 8.5

OVER 24

CHIARA GALIAZZO –  I want to hold your hand (The Beatles): Canta tutto sempre con grande passione e trasporto, emozionando  e senza steccare mai una nota. E’il talento più cristallino di questa edizione, stavolta al servizio di un pezzo storico riarrangiato in chiave soft e decisamente retrò. Serena tranquilla, senza la minima esitazione, passionale. Una macchina da musica, non c’è dubbio.  VOTO 9.5

ROMINA FALCONI –  Rio (Duran Duran) e Bohemian Rhapsody (Queen): “Se fa quello che dice lei viene eliminata, se fa quello che dico io ha più speranze di andare avanti”, dice Morgan di lei che vorrebbe “cantare un lentone”. Ha ragione, la Romina del Sanremo 2007 era quanto di più stucchevole esistesse. La strada della new wave, pur datata, è assai più contemporanea. Forse si può trovare una via di mezzo, ma intanto va avanti bene, nonostante non conoscesse il pezzo (anzi, forse proprio grazie a questo). Avanti senza problemi, non sbaglia nulla. Ballottaggio inspiegabile, ci va decisamente contrariata e un po’ si sente. Ma la rabbia era tanta ed è quella che, oltre al lavoro di Morgan, le consente di vincere.  VOTO 8.5

ICS – 21st Century schizoid man (King Crimson): Performance sicuramente valida ma resta ancor da capire se sia sufficientemente versatile. Per adesso si muove sempre nel suo campo, ovvero del crossover hip hop o progressive. Rischi zero ancora, a parte quello comunque non trascurabile di aver cantato sempre pezzi poco noti al grande pubblico. VOTO 7

GRUPPI VOCALI

FRERES CHAOS –  Little Talks (Of Monsters and Men): Decisamente più scarsi rispetto agli interpreti originali, riescono però a cavarsela in maniera molto liscia su un pezzo attualissimo, leggero ma allo stesso tempo raffinato.   Molto coreografici, ma come Coletta, sono costruiti e pochissimo spontanei, sul palco si vede. VOTO 7.5

DONATELLA – Rocket (Goldfrapp): Come previsto, su un pezzo dall’arrangiamento molto meno ridondante e più “da cantare” rispetto ai precedenti, emergono tutte le lacune vocali delle gemelle modenesi. Piatte come una tavola, al limite della stonatura. Ha ragione Morgan: disco graficamente sono due “bocconcini”. Il problema – se ci pensate bene – è che in realtà questo non era esattamente un complimento. Non si capisce come facciano ad andare avanti senza rischiare niente. O forse si capisce. VOTO 5.5

X Factor 6, stasera la terza puntata: ecco i brani

Stasera alle ore 21.10 su Sky Uno, terza puntata di X Factor, sempre live dal Teatro della Luna di Milano. Il tema della puntata sono i successi delle grandi band.  A livello di ospiti invece c’è boyband non proprio grande nonostante il successo internazionale, gli One Direction. Meglio gli altri ospiti, gli statunitensi Scissor Sisters. Assegnazioni contestate, in particolare da Romina Falconi, che fa incredibilmente dietrofront sulla volontà di mettersi in gioco e protesta perchè vorrebbe un pezzo più melodico o comunque più noto (che poi non è che sia sconosciutissimo, quello che le hanno dato). A Nice non piace “Eternità” (“Un pezzo del cavolo, che mi fa sembrare una che canta il liscio nella balera o in piazza”) e piange. Ecco tutte le assegnazioni, con i link agli originali per i brani meno noti. Per quanto riguarda l’affermazione di Nice, no comment: la pochezza della cultura musicale di alcuni ragazzi è imbarazzante. La prossima volta, diamole Marco Carta, così magari è contenta.

OVER 24

ROMINA FALCONI – “Rio” (Duran Duran)

ICS – “21st Century Schizoid Man” (King Crimson)

CHIARA GALLIAZZO – “I want to hold your hand” (The Beatles)

GRUPPI VOCALI

FRERES CHAOS – “Little talks” (Of Monsters and Men)

DONATELLA – “Rocket” (Goldfrapp)

DONNE 16-24 ANNI

CIXI – “Sing it back” (Moloko)

NICE – “Eternità” (Camaleonti e Ornella Vanoni)

YENDRY FIORENTINO – “Don’t speak” (No doubt)

UOMINI 16-24 ANNI

DANIELE COLETTA – Tutti i miei sbagli (Subsonica)

DAVIDE MERLINI- Vieni da me (Le Vibrazioni)

ALESSANDRO MAHMOUD – Go ahead (Curiosity Killed The Cat)

X Factor 6, seconda puntata: fuori gli Akmè, dentro Alessandro Mahmoud

Seconda puntata di X Factor 6, escono gli Akmè, penalizzati dal dislivello vocale fra la cantante donna e i due ragazzi, che ha spinto Arisa a valorizzare quest’ultima. Ma complessivamente, i Gruppi calano rispetto alla scorsa settimana e anche il livello medio delle interpretazioni. Nella gara per i nuovi ingressi, vince Alessandro Mahmoud e la Ventura torna con 3 elementi. E cresce la distanza fra quattro artisti (Chiara, Romina, Nice e Daniele) e tutti gli altri.

UOMINI 16-24 ANNI (Simona Ventura/Paola Folli)

DAVIDE MERLINI – Iris dei Goo Goo Dolls: Un inglese imbarazzante (sapeva tre mesi fa di essere stato scelto, bastava arrivare un minimo preparati) e un inizio anche piatto, con qualche stecca. Poi arriva il ritornello, lo strilla come nemmeno Alessandra Amoroso e poi rimane su buoni livelli vocali, senza però brillare. L’effetto è quello di un karaoke da sagra di paese. Operazione “ammodernamento” dell’artista vintage: fallita. VOTO 6.5.   PS: Ma chi l’ha detto che bisogna per forza renderlo moderno?

DANIELE COLETTA –  Madness dei Muse: Come al solito grande “canna” per il giovane uscito da Ti lascio una canzone. Era anche legato e dunque aveva una difficoltà in più, che però supera con una minima incertezza e un po’ di mestiere. Oltretutto su un pezzo appena uscito, il confronto con l’originale è sempre in agguato. Si conferma uno dei talenti migliori di questa edizione, bisognerà sentirlo un po’ cantare in italiano.  Però è uno dei più pronti, senza dubbio. VOTO 8.5

DONNE 16-24 (Elio/Alberto Tafuri)

YENDRY FIORENTINO – Call me maybe di Carly Rae Jepsen: Le danno un pezzo facilissimo per agevolarla, lei si ammala e le diagnosticano noduli alla gola. La poca voce che le è rimasta la getta dentro, riesce a non stonare. Dà il massimo, è molto più dentro al pezzo rispetto alla settimana scorsa. Ancora non ci siamo, ma partiva  da sottozero. Questo è comunque il genere adatto a lei. Certo è che buca lo schermo come poche, davvero. Non conta nel giudizio, questo è vero. Ma aiuta. Soprattutto in tv. VOTO 6.5

CIXI – Tutto l’amore che ho – Jovanotti: La difficoltà dei brani di Jovanotti è che sono scritti e pensati per chi non è dotato di grande voce, appunto egli stesso. Dunque chi la voce ce l’ha, rischia di perdersi. Lei invece ha tenuto la barra dritta, togliendo anche un po’ di opacità ad una melodia di suo un po’ grigia. Fa il suo compito, come una studentessa diligente, ma sicuramente non è un brano che ne esalta le caratteristiche. VOTO 7.5

NICE – Lonely boy dei The Black Keys: Scelta coraggiosissima di Elio, un pezzo rock di quelli a tutta energia e chitarre distorte, nel quale se non sai come entrarci dentro rischi di rimanere incastrato. Lei no. Magari forse non è proprio il suo genere, ma l’ha affrontato con coraggio. Da Mina ai Black Keys il passo è lunghissimo, bisogna essere versatili per cavarsela bene lo stesso.  Soprattutto, credibile anche nei panni della rocker. Talento da coltivare, può andare molto lontano. VOTO 8.5.

OVER 24

CHIARA GALIAZZO – Somewhere over the rainbow (da “Il mago di Oz”) di Judy Garland: Un pezzo de 1939, colonna sonora di un film per ragazzi. Come bere un bicchiere d’acqua. Perfetto controllo vocale, uso sapiente della propria voce, atmosfera, armonia, stile, capacità emozionale. L’arrangiamento di Morgan è un valore aggiunto. Ribadiamo quello detto la scorsa settimana. Se canta così anche le canzonette che prima o poi arriveranno, sarà durissima per tutti. VOTO 9.5

ROMINA FALCONI – The  Voice degli Ultravox: Il confronto con Midge Ure non era semplice, ma Romina Falconi, che è una che canta da una vita, tiene botta senza soffrirne troppo.. “Il bello di X Factor è mettersi in gioco, sennò stai a casa tua e canti quello che te pare a te”. La cantante di Torpignattara ha lo spirito giusto, andrà lontano. Anche perchè quando arriverà il suo pane, allora verrà fuori del tutto. Intanto però sta prendendo confidenza, lei che è una melodica, con l’elettropop e la New Wave anni’80 ed è molto credibile: chissà che non abbia trovato davvero una strada per il rilancio. VOTO 9

ICS – White lines di Grand Masterflash (con testo in parte riscritto in italiano dallo stesso Ics): Va bene, che è bravo quando gioca “in casa” si è capito, così come anche sono chiare le capacità di autore di testi (soprattutto stavolta che aveva il “paletto” di restare nella melodia). Adesso però ascoltiamolo un po’ su brani pop. Altrimenti è troppo facile. E non è nemmeno giusto, perché non si sperimenta. VOTO 6.5

GRUPPI VOCALI

AKME’ – Voglio vederti danzare di Franco Battiato e Impressioni di settembre della Premiata Forneria Marconi: Interpretazione di buona atmosfera, che stavolta coinvolge tutti e tre i componenti e non solo Rosa D’Aprile. Arrangiamento minimale in apertura, non bellissimo, che spegne un po’ la magia del brano. Bravi, anche se il gruppo così strutturato ha i giorni contati.  Ne soffrono e vanno al ballottaggio, dove fanno molto bene, ma confermano la struttura Rosa ft Vitantonio & Vito. Vanno a casa, (4 su 4) a conferma che qualcosa nel gruppo non ha funzionato. VOTO 7

FRERES CHAOS –  Crystalised dei The XX e Rumor had it di Adele: Meno bene della settimana scorsa. Sempre bravi a livello di intesa e di armonia, sono anche “dentro” al brano ma complessivamente il tutto risulta un po’ freddo, anche in considerazione che avevano un pezzo meno noto al grande pubblico a cui dover dare un po’ di colore. Vanno al ballottaggio “fratricida” con gli Akmè e scelgono un pezzo meno noto di Adele che cantano bene.  Bravi, ma troppo sofisticati per un programma che cerca artisti pop, troppo “costruito” il loro modo di cantare, che non ha nella voce il punto di forza. VOTO 7

DONATELLA – Lamette di Rettore: “Dammi una lametta che mi taglio le vene”, dice il ritornello. Ecco, appunto. L’arrangiamento ridondante di uno dei simboli dell’elettropop italiano anni ’80 nasconde come la scorsa settimana i difetti, ma non abbastanza per non accorgersi che sono piatte e con scarsa intonazione. “Ci sono tanti artisti che vocalmente non sono il massimo ma sulla messa in scena hanno venduto milioni di dischi”. Però si chiamano Lady Gaga o Rihanna. Aridatece Donatella (Rettore),  quella vera.  VOTO 5.5

ASPIRANTI

UP3SIDE (Gruppi) – Svalutation di Adriano Celentano: Inizio terrificante e sottotono, si riprendono strada facendo, su un pezzo non difficilissimo. Complessivamente molto scarsi, molto più delle Donatella. VOTO 5

ALESSANDRO MAHMOUD (Uomini 16-24)- Master Blaster di Stevie Wonder: Che era bravo lo si era già capito agli Home Visit e il suo mancato ingresso all’inizio aveva un po’ sorpreso. Se l’è giocata alla pari con Michele Grandinetti. Senza sorprese, entra in gara facendo ritornare a tre cantanti la categoria di Simona Ventura.  VOTO 8.5

GAYA MISRACHI (Donne 16-24)- Run baby run di Roy Orbison: Pezzo sempre difficile, lei lo canta bene, con buona tecnica e senza stecche. Forse leggermente fredda, ma c’è da mettere in conto l’emozione. VOTO 7.5

MICHELE GRANDINETTI (Over 24) – Somebody to love dei Queen: L’ha fatta propria senza cercare di imitare Freddy Mercury. Voce limpida,non sbaglia niente. Non entra in un difficile testa a testa di merito con Alessandro Mahmoud. VOTO 8.5

 

X Factor 6, le canzoni della seconda puntata (stasera 21.10)

Stasera alle ore 21. 10 in diretta su Sky Uno, secondo live show di X Factor 6, dal Teatro della Luna di Milano. Grandi ospiti anche questa sera, con doppia esibizione dei Club Dogo, che prima canteranno insieme a Giuliano Palma il tormentone estivo “Pes“, tratto dall’album “Noi siamo il club”, esattamente come il brano che poi canteranno con Il Cile,Tutto ciò che ho“. Sono intanto state fatte le assegnazioni dei brani della seconda puntata, con la squadra di Simona Ventura che come è noto ha già perso Nicola Aliotta ed Elio che rischia di perdere Yendry Fiorentino, una delle peggiori giovedì scorso. Ecco nel dettaglio i brani che ascolteremo stasera, con link all’originale dei motivi meno noti al grande pubblico.

UOMINI 16-24 ANNI (Simona Ventura/Paola Folli)

DAVIDE MERLINI – Madness dei Muse

DANIELE COLETTA – Iris dei Goo Goo Dolls

DONNE 16-24 (Elio/Alberto Tafuri)

YENDRY FIORENTINO – Call me maybe – Carly Rae Jepsen

CIXI – Tutto l’amore che ho – Jovanotti

NICE – Lonely boy dei The Black Keys

OVER 24

CHIARA GALLIAZZO – Somewhere Over The Rainbow – Colonna sonora de “Il mago di Oz” di Judy Garland

ROMINA FALCONI – The  Voice degli Ultravox

ICS – White lines di Grand Masterflash con testo riscritto in italiano dallo stesso ICS

GRUPPI VOCALI

AKME’ – Voglio vederti danzare  di Franco Battiato

FRERES CHAOS –  Crystalised dei The XX

DONATELLA – Lamette di Rettore

Ore 21.10: stasera su Sky Uno parte la sesta edizione di X Factor

Pronti, via si parte. Debutta stasera alle 21.10 su Sky Uno HD l’edizione numero 6 di X Factor. Squadra che vince ovviamente non si cambia, con Alessandro Cattelan e la sua truppa che cercheranno (senza affanni) di migliorare il milione e oltre di telespettatori che l’anno scorso ha avuto come picco la trasmissione. Ospite della prima puntata sarà Robbie Wlliams che proporrà il suo singolo “Candy” già in testa alle charts di mezza Europa. Ma ci sarà anche la campionessa uscente Francesca Michielin, con il suo singolo “Sola” estratto dal primo album “Riflessi di me“. Tra i grandi ospiti previsti nelle prossime puntate ci sono anche gli  One Direction  e Alanis Morrisette. Tutto ovviamente in diretta dal Teatro della Luna di Milano.

Diverse le novità. La prima: un applausometro virtuale, ovvero un sistema di votazione a disposizione dei frequentatori di Facebook e Twitter che si aggiungono a quelle già esistenti (qui le modalità): i tweet non saranno però conteggiati nella votazione finale. La seconda. Un commento “parallelo” in stile radiofonico realizzato grazie a Radio Deejay, media partner della trasmissione. Basterà sintonizzare il decoder sul secondo canale audio, selezionando l’opzione lingua. Le voci saranno quelle di La Pina e Diego Passoni.

L’Ante Factor andrà in onda soltanto sul web su http://www.sky.it , mentre resta invariato a fine trasmissione l’extra factor, con Max Novaresi, Brenda Lodigiani e Rocco Tanica degli Elio e le storie tese, per il commento ironico a tutto quello che è successo nel corso della puntata. Cambiamenti anche nei nomi degli artisti: le Provs Destination sono diventate “Donatella”, mentre Noemi Lucco Borlera, già ribattezzata Fonemi, si chiamerà ufficialmente Nice. Ecco nel dettaglio le squadre:

OVER 25- MORGAN (vocal coach Gaetano Cappa) : Romina Falconi (già vista a Sanremo 2007 con Ama), Morgan Ics (Alessandro Grimaldini), Chiara Galiazzo

GRUPPI VOCALI- ARISA (vocal coach Giuseppe Barbera): Donatella (ex Provs Destination), Fréres Chaos, Akme

 UOMINI UNDER 24- SIMONA VENTURA (vocal coach Paola Folli) : Daniele Coletta, Nicola Aliotta, Davide Merlini

DONNE UNDER 24 -ELIO (vocal coach Alberto Tafuri): Cixi (Eleonora Bosio), Nice  (Noemi Lucco Borlera), Yendry Fiorentino

QUI TROVATE LE SCHEDE DEI 12 CANTANTI

X Factor 6: ecco il cast completo

Conclusa la fase registrata, X Factor 6 si avvia a cominciare giovedì sera la prima delle otto dirette dal Teatro della Luna di Milano, con la conduzione di Alessandro Cattelan. I giudici hanno formato le loro squadre negli Home Visit di cui riferiamo nel precedente post, ma come è noto, i componenti del cast sono già stati svelati in spoiler la settimana scorsa. E non è che ci sia molto da ridere.

Scorrendo le loro carriere c’è di tutto: si va da tre – leggasi tre – ex partecipanti a “Ti lascio una canzone”, l’inutile (e dannoso) talent show per bambini e ragazzi, una scartata (forse perchè troppo brava per un programma di quel genere) ad Amici, una modella ex partecipante alle selezioni di Miss Italia sino (sic) ad una ex partecipante del Festival di Sanremo. Della serie: c’era una volta un programma che lanciava esordienti. Ecco le schede complete dei 12 artisti in gara, con i rispettivi giudici.

OVER 25 – MORGAN 

MORGAN ICS, all’anagrafe Alessandro Grimaldini, 30 anni di  San Pietro in Casale (BO): è il primo rapper della storia di X Factor. Si chiama così da prima di entrare ai provini ma in realtà il suo omonimo giudice lo conosce dal 2009, perché in un video commenta i suoi testi definendoli interessanti.  Le sue influenze sono la musica elettronica e l’ rn b ma lui stesso nella sua pagina facebook dice di fare “funky”. Poco si sa delle sue precedenti esperienze musicali, prontamente cancellate da Youtube, a parte il singolo “Gaia” con Dune Tran & Dinastia.

ROMINA FALCONI, 25 anni di Roma. La cantautrice di Torvaianica ha una carriera lunga così. Che ha il suo culmine nella partecipazione nel 2007 alla sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo, con il branoAma. Collabora con Fish dei Sottotono, ma soprattutto, partecipa al tour mondiale 2009  di Eros Ramazzotti come corista. In mezzo, tutta una lunghissima serie di esibizioni live, diverse produzioni discografiche (anche un contratto con la Universal in precedenza).  Bocciata quest’anno alle selezioni di Sanremo Social con il brano “L’amore resta”: una vera e propria artista semiprofessionista. La terza di X Factor dopo Daniele Vit e Manuela Zanier.

CHIARA GALIAZZO, 25 anni di Saonara (PD). Già vista ai provini per l’ottava edizione di Amici (raccogliendo consensi fra il pubblico, senza però riuscire ad entrare nella scuola).

 UNDER 24 UOMINI- SIMONA VENTURA

DAVIDE  MERLINI, 22 anni di Bassano del Grappa (VI), di professione caldaista, il suo trainer vocale è il padre. Esordiente.

DAVIDE COLETTA, 20 anni, di Roma. Una carriera già lunghissima nonostante l’età. Comincia con “Ti lascio una canzone” di Antonella Clerici (prima edizione), 4 anni fa, ed ha poi studiato canto con l’ex insegnante di Amici Gabriella Scalise. In Rai ha lavorato un po’ dovunque, cantando a “Festa Italiana” su Rai Uno, partecipando alla fiction Incantesimo, la film “La strategia dei fiori”, dove è co-protagonista e alla tv tedesca nella fiction “Germanikus”. In mezzo, lo studio di arti sceniche all’Actor’s Studio di Roma e a Los Angeles e la partecipazione a musical come “Cats” e “Pinocchio”, con ruoli anche da protagonista. Insomma, un artista fatto e finito a 20 anni. C’era bisogno di X Factor?

NICOLA ALIOTTA, 18 anni di Roma, due anni fa pure lui a “Ti lascio una canzone”. Figlio d’arte: la mamma Vittoria è diplomata in pianoforte al conservatorio di Frosinone ed insegna musica. Ancora prima, nel 2008  ha partecipato alle prefinali di Castrocaro e nel 2009 a Terni al Festival di San Valentino.

UNDER 24 DONNE – ELIO

CIXI, all’anagrafe ELEONORA BOSIO, 16 anni di Torino. E’una che nonostante l’età ha già fatto molto: ha vinto il “Nastro D’Argento “2009 e 2011 categoria junior, 1° premio “Interpreti Mogol”, con il compositore stesso in giuria e “Una canzone dal cuore” 2011. Ha un suo personale canale youtube dove reinterpreta le canzoni e che aveva 45mila visite prima dei provini di X Factor e ora ne ha 165mila.

FONEMI, all’anagrafe NOEMI LUCCO BORLERA, 19 anni di Torino. Il nome d’arte le è stato dato da Morgan durante i provini. Si esibisce live nelle piazze e intanto studia Lingue e Letterature Straniere all’Università di Torino.

YENDRY FIORENTINO, 18 anni di Torino, di origine dominicana. Modella, già partecipante alle selezioni provinciali di Miss Italia dove quest’anno ha anche vinto la fascia di Miss Deborah, l’estate scorsa ha partecipato al video “Criminal Love” del rapper Zuli

GRUPPI VOCALI – ARISA

FRÉRES CHAOS: Ovvero: Fabio e Manuela Rinaldi, rispettivamente 22 e 19 anni di San Severino Marche (MC). Indovinate un po’ a quale programma ha partecipato quatto anni fa  Manuela Rinaldi? Esattamente: “Ti lascio una canzone”. Ma al di là di questo hanno una solida esperienza di coppia nelle serate live: girano infatti l’Italia da sei anni per esibirsi nelle piazze.

PROVS DESTINATION: ovvero le gemelle Silvia e Giulia Provvedi di Modena. Una bionda e una mora, colpiscono molto per la loro presenza scenica. Quanto ad esperienze musicali sono all’esordio.

AKME: Vitantonio Boccuzzi (21 anni) di Triggiano (BA), ma ormai residente a Rutigliano (BA), Rossana D’Aprile (29 anni)  di Castellana Grotte (TA) e Vito Marchitelli (21 anni) di Putignano (BA). Si sono messi insieme dopo aver coltivato (e coltivando ancora) esperienze musicali diverse: Vitantonio Boccuzzi canta nei Globster una cover band dei Muse, Rossana D’Aprile si esibisce soprattutto con brani jazz e Vito Marchitelli studia canto lirico al Conservatorio.

X Factor 6, Home Visit: confermato tutto il cast

Pronti, partenza via. Da giovedì X Factor 6 fa sul serio con i live al Teatro della Luna di Milano. Questa sera si sono concluse le quattro puntate registrate delle selezioni, con gli Home Visit. Una puntata come al solito bella soprattutto per le location che hanno visti coinvolti i giudici e i rispettivi cantanti: Simona Ventura e la vocal coach Paola Folli al mare di Poltu Quatu, Elio e Alberto Tafuri a Rubecco sul Naviglio, non lontano da Milano, Arisa e Giuseppe Barbera a Blevio, sul Lago di Como, Morgan e Gaetano Cappa (il volto nuovo: giornalista, speaker di Radio 24 e produtoire discografico) all’auditorium Niccolò Paganini di Parma.

L’altra  novità rispetto alle notizie circolate è che Mara Sottocornola non è stata rimpiazzata da Helena Hellwig: semplicemente, gli over agli Home Visit erano in cinque. Per il resto, verrebbe da dire “ad Ovest niente di nuovo”, nel senso che i nomi dei 12 artisti ammessi al programma, nelle quattro categorie, ve li avevamo già anticipati la scorsa settimana e sono stati tutti confermati ovvero:

OVER 25- MORGAN: Romina Falconi (già vista a Sanremo 2007 con Ama), Morgan Ics (Alessandro Grimaldini), Chiara Galiazzo

GRUPPI VOCALI- ARISA: Provs Destination, Fréres Chaos, Akme

 UOMINI UNDER 24- SIMONA VENTURA: Daniele Coletta, Nicola Aliotta, Davide Merlini

DONNE UNDER 24 -ELIO: Cixi (Eleonora Bosio), Fonemi (Noemi Lucco Borlera), Yendry Fiorentino

Come detto, la barista e cameriera di Sondrio, ha rinunciato di sua spontanea volontà a presentarsi agli Home Visit, preferendo iscriversi ad una scuola di canto lirico a Bruxelles. Tutto questo è avvenuto a giugno, quando appunto si sono svolti gli Home Visit. La notizia, che era trapelata da un quotidiano valtellinese, è stata confermata da lei stessa sulla sua pagina facebook. Ecco il messaggio integrale in cui annuncia il suo ritiro dalla rassegna.

“Cari ragazzi/e, e’ Mara che scrive. Premetto di non essere molto brava con l’utilizzo dei social network ma mi e’sembrato doveroso intervenire.. Ho partecipato ai provini e bootcamp, sono passata, ma ho deciso, dopo molte riflessioni, di non entrare a far parte del programma. Infatti, la messa in onda del provino e’stata una sorpresa anche per me!! E’stata una scelta sofferta, sono conscia e riconoscente per l’opportunità che mi e’stata offerta da X Factor.  L’arte è libertà. Se avessi partecipato al reality avrei rischiato di perdere l’ispirazione e la spontaneità che voi avete cosi’carinamente colto in me. Sono inoltre una persona molto sensibile e, conoscendomi, non mi sarei sentita davvero me stessa.. Questo non significa che non voglia esibirmi, anzi..! Voi siete la mia voce e spero di continuare a sognare insieme a voi un mondo dove la musica aiuta a migliorare le persone. Grazie di cuore a tutti quelli che hanno creduto e credono ancora in me…leggendo i vostri commenti mi sono davvero commossa.. Non finisce qui, anche con il vostro aiuto.. !!! Un abbraccio Mara”.

Da quel poco che ci hanno regalato nel montaggio, molto bene Chiara Galiazzo e Fonemi, parecchio scarsi i gruppi vocali (tutti e sei), Romina Falconi bravissima  ma – esattamente come nel Sanremo 2007 – emoziona quanto un ghiacciolo. Il che, a cinque anni di distanza, dovrebbe far pensare. Chissà perchè  questi artisti che ritentano hanno tutti lo stesso difetto (era successo anche con Daniele Vit e Manuela Zanier)…

DOMANI MATTINA ON LINE LE SCHEDE DEI CANTANTI IN GARA