Génération Goldman 2: il disco tributo fa il bis (insieme ai fan)

Ne avevamo parlato tempo fa, in occasione dell’uscita del primo singolo del secondo album e per celebrare il disco di diamante del primo volume, adesso è il caso riparlarne perchè è uscito “Génération Goldman 2″, la seconda parte dell’album tributo a Jean Jacques Goldman, il re del pop francese anni 80 e 90. Lui è una icona musicale transalpina, è   è vivo e vegeto, anche ma non pubblica un lavoro di inediti dal 2001. Così l’anno scorso l’idea è venuta alla MyMajorCompany, l’etichetta finanziata dal crowdfounding, che con l’appoggio del gruppo M6 (e dunque della Universal) ha pubblicato il primo disco di cover.

Tutti artisti nati al tempo del massimo fulgore di Goldman che ricantano i suoi successi. Particolare non secondario: fra i fondatori dell’etichetta c’è il figlio del cantautore. Novità rispetto al primo disco: ci sono sempre Tal, Amel Bent, Emmanuel Moire, Christophe Willem, Zaho, Amaury Vassili, Leslie, Amandine Bourgeois,Merwan Rim, Judith, Corneille, entrano o la troupe di Robin des Bois, il musical di enorme successo in Francia, Soprano, Anggun, Brice Conrad,  Zaho, Damien Sargue, Pauline, Mani, Mickael Miro, Elisa Tovati, Sofia Essaidi, Bastien Lanza. A queste si aggiungono tre ragazze comuni, selezionate attraverso un concorso che si chiama proprio come la canzone che cantano insieme ad Amandine Bourgeois, Tal, Leslie, Sofia Essaïdi ovvero “Ta chance”.

E mentre si sta pensando anche ad uno spettacolo itinerante (sul modello di Stars80, dedicato agli artisti degli anni 80, che riempì le piazze francesi tre anni fa), dopo l’uscita del primo singolo “Quand la musique et bonne” eseguito da Amel Bent e Soprano, è uscito anche “Nos Mains, cantato dall’intero cast. Di seguito la lista dei brani:

Tal – Pas toi
Amandine Bourgeois, Mani et Merwan Rim – Un, Deux, Trois
Christophe Willem – Confidentiel
Collégiale – Nos Mains
Tal, Leslie, Sofia Essaïdi, Amandine Bourgeois, Céline, Angéline, Faustine & Kelly – C’est ta chance
Corneille – Bonne idée
Elisa Tovati et Mickaël Miro – Elle a fait un bébé toute seule
Judith – Sache que je
Leslie et Pauline – La vie par procuration
Emmanuel Moire et Pauline – Juste Après
La troupe des Robins des Bois – Il changeait la vie
Amel Bent et Soprano – Quand la musique est bonne
Zaho – Encore un matin
Amaury Vassili, Anggun & Damien Sargue- Né en 17 à Leidensta
Bastien Lanza& Sofia Essaidi – Si je t’avais pas

Pubblicità

“Ara I aquì”, il nuovo singolo di Beth

Tre anni di fulgore, con il terzo posto ad Operazione Trionfo e la rappresentanza, nello stesso anno (2003), della Spagna all’Eurovision Song Contest, col brano “Dime“, poi un lento declino. Elizabeth Rodergas, in arte solo Beth, colei che Terry Wogan, uno dei più salaci commentatori BBC definì “la Kyllie Minogue in dreadlocks”, è passata dai i due dischi di platino del primo album, al buon riscontro del secondo, ad un album in inglese di scarso successo.

Così da qualche anno ha tentato la strada della musica in catalano, lei che è di Suria, un piccolo centro della Catalogna. E proprio in questi giorni è uscito “Ara i Aquì”, il singolo che accompagna “Familia“, il suo secondo album in catalano, atteso per la metà del mese di Stettembre. Un buon pezzo, radiofonico, che proponiamo anche per rilanciare un’artista di talento che non ha trovato la strada per mantenersi costante nella carriera.

Alla scoperta di Grete Paia, l’elettropop che conquista l’Estonia

A soli 18 anni ha già tre annate di carriera alla grande e ricche di successi e promette di essere uno dei nomi che presto ritroveremo sui palcoscenici d’Europa. Grete Paia, classe 1995, è l’astro nascente  della musica pop estone e attualmente sta letteralmente sbancando le charts delle radio con questo singolo “San Sebastiano”, che la conferma talento nel campo dell’elettropop. Un sound che rimette indietro le lancette del tempo musicale, ma che è molto forte in effetti a livello di airplay.

L’accesso alle finali della Eesti Laul, la competizione nazionale che seleziona l’artista della tv pubblica per l’Eurovision Song Contest, dove ha presentato “Paastked nnored hinged“le è valso, fra l’altro un ulteriore credito fra gli addetti ai lavori oltre a quello che le aveva già fruttato l’ingresso nella maggiore società di management musicale del paese. Di lei si può apprezzare anche “I’m over you“, versione inglese di un suo singolo in estone “Loop sellel lool”.  Sembra di essere tornati indietro alla new wave, ma in fondo non c’è niente di male. Anzi.

Jaqee, quando il reggae unisce… Europa e Africa

Lei è una vera cittadina del mondo. Jaqueline Nakiri Nalubale, in arte solo Jaqee è nata in Uganda ma è cresciuta prima in Svezia, dove ha sviluppato la sua passione per la musica e poi in Germania, dove ora vive e lavora. Merita una segnalazione perchè ad oggi è l’unica artista africana a fare reggae, ska e in generale sound alternativo ad avere notorietà internazionale (in Svezia ha anche sfiorato i Grammis, gli oscar musicali nazionali).

“Drop of water” è un brano di atmosfera, che mescola tanti sound e anticipa il suo secondo album, in uscita a Settembre. Poliglotta (parla sei lingue), coinvolgente nelle sue interpretazioni, dotata anche di una vocalità particolare, Jaqee è lontana dal mainstream eppure meriterebbe a pieno titolo di affacciarvisi. Ascoltate qualche altra sua produzione, come per esempio “Moonshine“, pienamente reggae, o anche “Kookoo Girl”, uscite per una etichetta tedesca, come anche “Dance“.  Da tenere d’occhio.

Charts: i 10 brani più suonati in Europa (25/8/2013)

I 10 BRANI PIU’ SUONATI IN EUROPA
1. Blurred lines  – Robin Thicke ft T.I & Pharrell (=)
2.Wake me up- Avicii ft Aloe Blacc (SWE) (+1)
3.Get lucky – Daft Punk ft Pharrell Williams (FRA) (+1)
4.Love me again – John Newman (GBR) (+1)
5.La La La – Naughty Boy ft Sam Smith (GBR) (-3)
6.Treasure- Bruno Mars  (=)
7.Let her go – Passenger (GBR) (=)
8.Cant’hold us – Macklemore & Ryan Lewis ft Ray Dalton (+3)
9.True love – Pink ft Lily Allen (+6)
10.Safe and sound – Capital Cities (+3)

I 10 BRANI EUROPEI PIU’ SUONATI
1.Wake me up- Avicii ft Aloe Blacc (SWE) (+1)
2.Get lucky – DaDaft Punk ftPharrell Williams (FRA) (+1)
3.Love me again – John Newman (GBR) (+1)
4.La La La – Naughty Boy ft Sam Smith (GBR) (-3)
5.Let her go – Passenger (GBR) (=)
6.I need your love – Calvin Harris ft Ellie Goulding (GBR) (+1)
7.Play hard – David Guetta ft Ne-Yo & Akon (FRA) (-1)
8.Best song ever – One Direction (GBR)  (+6)
9.Dear darlin’- Olly Murs (GBR) (=)
10. Pompeii- Bastille (GBR) (+2)

Nicole Cherry, se il soul arriva dalla Romania (e ha 14 anni!)

Fenomeno. Non ci sono termini diversi per definire Nicoleta Ghinea, in arte Nicole Cherry (perchè a lei in estate piace divorare le ciliegie), schizzata direttamente in testa alle chats rumene  dopo essere entrata solo la scorsa settimana. A soli 14 anni è un prodotto completamente diverso da quello che solitamente si ascolta dalla Romania, è una voce soul che nonostante l’età sembra già formata e pronta per la scena internazionale.

Al singolo d’esordio, “Memories“, mette in mostra tutte le sue qualità canore e la sua freschezza di studentessa al prestigioso college “Dinu Lipatti” di Bucarest (canta da quando aveva 10 anni). Una bella prova, che rompe ogni schema e va al di là di ogni schema preconcetto. La ragazza merita sicuramente di essere tenuta in considerazione, anche perchè fra l’altro, oltre ad essere attualmente anche il brano più suonato dalle radio rumene, la canzone è distribuita anche in Italia dalla piccola CDF produzioni, che ha diversi artisti stranieri in carniere.

“Sergels Torg”, Veronica Maggio fa ancora centro

Riecco un’altra che ci piace. E tanto. Veronica Sandra Karin Maggio, in arte solo Veronica Maggio, biondina svedese con padre di Gavorrano, provincia di Grosseto, vera regina del pop svedese. Di lei parliamo spesso, soprattutto perchè è una che fa numeri importanti.  E nelle sue produzioni non disdegna citazioni sparse. Da “Satan I Gatan”, che è una espressione di sorpresa svedese, titolo dell’ultimo premiatissimo album, a un pezzo de “La canzone del sole” di Battisti nel ritornello di un suo ultimo successo, in omaggio alla musica che le faceva sentire papà.

E adesso arriva una citazione, anzi una canzone intera, dedicata a “Sergels Torg“, la piazza principale di Stoccolma, che appena uscita è già leader delle charts di download. Solito sound fresco, moderno, lontano dal pop plastificato del suo paese.  Un ottimo anticipo dell’album in lavorazione che dovrebbe vedere la luce per fine anno. Quindici dischi di platino in carriera bastano per farne un vero personaggio. Ma se ascoltate le sue cose, capirete che sono meritatissimi.

Fino al primo settembre “Vota il tormentone pop europeo 2013”

L”estate avanza, ma il nostro concorso  “Vota il tormentone pop europeo 2013″ non si ferma e va avanti fino al primo settembre. Il sondaggio popolare di Dove c’è Musica per eleggere la hit pop europea dell’estate sta registrando ouna notevole battaglia per la vetta anche se qualche posizione si comincia a delineare. Potete votare sia qui sotto nel sondaggio (è possibile esprimere al massimo 5 preferenze per IP), in alto trovate la playlist con i brani (se invece volete i video, andate qui), ma come detto potete dare la vostra preferenza anche su facebook, nella pagina dedicata

A scanso d’equivoci, il criterio di selezione dei brani è stato il seguente:

  • Soltanto canzoni pop o dance pop o crossover a matrice pop pubblicate da artisti EUROPEI
  • Esclusione dunque della musica house, dance, trance o funky
  • Canzoni “tormentone”, quindi con ritornelli o strofe estremamente orecchiabili e da canticchiare, testi leggeri
  • Soltanto canzoni pop o dance pop o crossover a matrice pop pubblicate da artisti EUROPEI
  • Esclusione dunque della musica house, dance, trance o funky
  • Canzoni “tormentone”, quindi con ritornelli o strofe estremamente orecchiabili e da canticchiare, testi leggeri

Charts: le numero 1 in Europa (25/8/2013)

 

La classifica dei singoli più venduti europei non risente ancora dell’influenza dei nuovi singoli di Katy Perry e Lady Gaga, appena usciti, che stanno cominciando la scalata al Continente. In questo fine agosto è ancora Avicii con “Wake me up” il padrone delle charts, con i Daft Punk che tengono bene. Come al solito più varietà negli album, con grande spazio alle produzioni locali. In alto “La La La” di Naughy Boy ft Sam Smith, sotto, tutte le numero uno.

SINGOLI

  • AUSTRIA: Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc
  • BELGIO:  Wake me up- Avicii  ft Aloe Blacc (Fiandre) / Papapoutai- Stromae (Vallonia)
  • BULGARIA: La La La – Naughty Boy ft Sam Smith
  • CROAZIA: Wake me up- Avicii ft Aloe Blacc
  • DANIMARCA:  Wake me up- Avicii ft Aloe Blacc
  • FINLANDIA:    Timantit ot Ikuisia – Cheek
  • FRANCIA: Papaoutai – Stromae
  • GERMANIA:Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc
  • GRAN BRETAGNA: Burn- Ellie Goulding
  • GRECIA: The Sun – Alex Leon ft Demy & Epsilon
  • IRLANDA: Roar – Katy Perry
  • ISLANDA: Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc
  • ITALIA:   Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc
  • LUSSEMBURGO: Wake me up – Avicii ft Aloe Blacc
  • NORVEGIA: Wake me up – Avicii ft Aloe Blacc
  • OLANDA: Dat ik je mis – Maaike Ouboter
  • POLONIA: Pozyczony -Sylwia Grzeszczak
  • PORTOGALLO:  Get lucky – Daft Punk ft Pharrell Williams
  • REPUBBLICA CECA: Wake me up – Avicii ft Aloe Blacc
  • ROMANIA: Memories- Nicole Cherry
  • RUSSIA:  Get lucky – Daft Punk ft Pharrell Williams
  • SLOVACCHIA: Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc
  • SLOVENIA:  Objem (rmx) -Papir (nazionali) /Wake me up – Avicii ft Aloe Blacc (internazionali)
  • SPAGNA: Applause- Lady Gaga
  • SVEZIA:  Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc
  • SVIZZERA: Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc
  • UNGHERIA: Wake me up-Avicii ft Aloe Blacc

ALBUM:

  • AUSTRIA:  Verdi – Anna Netrebka e l’Oiurchestra del Teatro Regio di Torino
  • BELGIO: Christoff & Vrienden – Christoff (Fiandre)/ Subliminal- Maitre Gims (Vallonia)
  • DANIMARCA: De her dage – Marie Key
  • FINLANDIA: Sä osaat- Erin
  • FRANCIA Odysseus – Luc Arbogast
  • GERMANIA:  Sommer, sonnem kaktus -Helge Schneider
  • GRAN BRETAGNA:  The impossible dream- Richard & Adam
  • IRLANDA: Where I wanna be- Nathan Carter
  • ISLANDA: Tyminn flygur afram- Ymsir
  • ITALIA: Backup 1987-2012 Il Best – Jovanotti
  • NORVEGIA: Icon – Madcon
  • OLANDA:  Paradise Valley – John Mayer
  • POLONIA:  Siesta 8 Muzyka Swiata & Stare Radio prezentuje Marcin Kydrynski- Intrerpreti Vari
  • PORTOGALLO: Liliane Marise – Liliane Marise
  • REPUBBLICA CECA: Tenkrat -Jaroslav Nohavica
  • SPAGNA:  3.0- Marc Anthony
  • SVEZIA: The  wild hunt – Watain
  • SVIZZERA: Gluckgefühle – Beatrice Egli
  • UNGHERIA: Nem csak a 10 eveseke vilag – Zorall

“Fail” e “Without you”, la Svezia lancia il bellunese Oscar Zia

Lui si chiama Oscar Zia ed ha appena 17 anni, essendo nato nel 1996 e come si intuisce dal cognome, pur essendo nato e cresciuto in Svezia ha origini italiane, per la precisione di Belluno. La Svezia oltre a dargli i natali lo ha cresciuto anche artisticamente, visto che ha preso parte all’edizione 2012 di X Factor e poi anche al talent show Let’s dance, versione locale di Ballando con le stelle, dove ha chiuso secondo.

In attesa del suo primo album sono usciti due singoli interessanti. Il primo si chiama “Fail“, il secondo invece, fresco di ingresso nelle charts si chiama “Without U”. Pop svedese col marchio di fabbrica, un pò meno di plastica del solito, faccia che piace alle ragazzine, un bel futuro davanti. E presto, probabilmente anche una apparizione al Melodifestivalen, il concorso di selezione nazionale per l’Eurovision, dove è stato backing voice per Behrang Miri nel 2012.